Clicca qui per scaricare

Educare nella complessità: verso una pedagogia della presenza
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Monica Negretti 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 109-126 Dimensione file:  85 KB
DOI:  10.3280/RPR2014-003011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il lavoro con gli insegnanti nelle scuole e il contatto quotidiano coi bambini, invita fortemente, oggi, ad una profonda riflessione sul concetto di "qualità dell’interazione educativa" e sull’idea di sviluppo e di soggetto di cui insegnanti, genitori, amministratori e psicologi sono portatori. Attraversando il paradigma della complessità e con la ricchezza apportata dagli studi dell’infant research, l’autrice racconta di un altro possibile cammino verso una pedagogia della Presenza: l’intento è quello di andare oltre la creazione di contesti volti al rispetto del bambino e alla ricerca di contenuti buoni per lo sviluppo delle giuste competenze, per dare spazio ad un processo educativo caratterizzato dalla "Presenza a se stessi". La tesi dell’autrice è che, attraverso la Presenza, si renda possibile il processo cocostruttivo della relazione educativa che pone bambino e insegnante dentro ad un divenire segnato dalla creatività.


Keywords: Epistemologia della Presenza, pedagogia della presenza, co-costruzione, documentazione pedagogica, creatività, sviluppo dell’Io-Soggetto

  1. Ceruti M. (1985). La Hybris dell’onniscienza e la sfida della complessità. In: Bocchi G.,
  2. Ceruti M. (1984), a cura di, La sfida della complessità. Milano: Paravia Bruno Mondadori, 2007.
  3. De Robertis D., Milanesi P. (2014). Il bambino clinico e il bambino osservato di Daniel Stern. L’attuale esigenza di andare verso il bambino contestuale. Ricerca Psicoanalitica, XXIV, 3: 47-82.
  4. Dahlberg G. (1997). Imagines of the Child, Knowledge and Learning, saggio offerto al Summer Institute - Università della Victoria BC, School of Child and Youth Care.
  5. Minolli M. (2005). Per un Io-soggetto come sistema. Ricerca Psicoanalitica, XVI, 3: 355-374.
  6. Minolli M. (2006). L’identità come presenza a se stessi. Ricerca Psicoanalitica, XVII, 2: 163-182.
  7. Minolli M. (2009). Psicoanalisi della relazione. Milano: FrancoAngeli
  8. Minolli M. (2011). Tu sei me e io sono te. Ricerca Psicoanalitica, XXII, 2: 9-26.
  9. Morin E. (1985). Le vie della complessità. In: Bocchi G., Ceruti M. (1984), a cura di, La sfida della complessità, Milano: Paravia Bruno Mondadori, 2007.
  10. Morin E. (1999). La testa ben fatta, riforma dell’insegnamento e riforma del pensiero. Milano: Raffaello Cortina editore, 2000.
  11. Negretti D., Petitti di Roreto C., Sasso A. (2013). Lo spazio magico della relazione. Educare. it , XIII, 3, marzo.
  12. Oyama S. (1998). L’occhio dell’evoluzione. Roma: Fioriti, 2004.
  13. Patrizi E. (2013). I contributi di Stern: revisioni e implicazioni teorico-cliniche per la psicoanalisi. Ricerca Psicoanalitica, XXIV, 3: 9-19.
  14. Sameroff A. J., & Chandler M. J. (1975). Reproductive risk and the continuum of caretaking casualty.In: Horowitz F. D., Hetherington M., Scarr-Salapatek S., & Siegel G. (Eds.). Review of child development research (Vol. 4).Chicago: University of Chicago Press.
  15. Sander L.W. (1975) Infant and caretaking environment: Investigation and conceptualization of adaptive behaviour in a system of increasing complexity. In: Anthony E.J., a cura di, Explorations in child psychiatry, New York: Plenum Press.
  16. Thelen E., Smith L. (1994). A Dynamic System Approach to the Development of Cognition and Action. Cambridge (Mass.): MIT Press.

Monica Negretti, in "RICERCA PSICOANALITICA" 3/2014, pp. 109-126, DOI:10.3280/RPR2014-003011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche