Clicca qui per scaricare

Tra cambiamenti visibili e immobilismi opachi: la comunicazione pubblica in Italia
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE  
Autori/Curatori: Laura Solito 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 48 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 100-118 Dimensione file:  201 KB
DOI:  10.3280/SC2014-048010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Negli ultimi anni in Italia la comunicazione pubblica ha attraversato una fase di grande fermento che ha riguardato normativa, strumenti, tecnologie, professionalità e competenze. L’articolo focalizza l’attenzione sullo sviluppo della comunicazione pubblica a 14 anni dall’approvazione della legge 150/200, per individuare nuove sfide e sollecitazioni. L’articolo si sofferma sulle strade intraprese dalla comunicazione pubblica e sulle professionalità costituitesi ed evidenzia l’esigenza di sviluppare riflessività e nuova consapevolezza nell’agire comunicativo, sempre più chiamato a coniugare trasparenza, visibilità e responsabilità.


Keywords: Comunicazione, nuove tecnologie; Legge 150/2000 sulla comunicazione pubblica, competenze comunicative, Pubblica Amministrazione, cambiamento organizzativo

  1. Arena G. (2001), La funzione pubblica di comunicazione, in G. Arena (a cura di), La funzione di comunicazione nelle pubbliche amministrazioni, Maggioli, Rimini.
  2. Bonazzi G. (1999), Dire, fare, pensare. Decisioni e creazioni di senso nelle organizzazioni, FrancoAngeli, Milano.
  3. Bonazzi G. (2002), Come studiare le organizzazioni, il Mulino, Bologna.
  4. Bartoletti R., Faccioli F. (a cura di) (2013), Comunicazione e civic engagement. Media, spazi pubblici e nuovi processi di partecipazione, FrancoAngeli, Milano.
  5. Bertolo C. (2005), L’interfaccia e il cittadino, Comunicazione pubblica tra tecniche e riflessività, Guerini e associati, Milano.
  6. Bosco N. (2012), Non si discute. Forme e strategie dei discorsi pubblici, Rosenberg & Sellier, Torino.
  7. Cavallo M. (2005), la comunicazione pubblica tra globalizzazione e nuovi media, FrancoAngeli, Milano.
  8. Cocco G. (2008), La comunicazione interna. Strategie e strumenti psicosociologici per le organizzazioni motivanti, FrancoAngeli, Milano.
  9. Czarniawska B. (1997), Narrating the organization: dramas of institutional identity, University of Chicago Press, Chicago; trad. it. (2000), Narrare l’organizzazione. La costruzione dell’identità istituzionale, Edizioni Comunità, Torino.
  10. Dahlgren P. (2009), Media and Political Engagement. Citizens, Communication and Democracy, Cambridge University Press, Cambridge.
  11. Rolando S. (1998), Un paese spiegabile, EtasLibri, Milano.
  12. Dahlgren P. (2013), Reinventare la partecipazione. Civic Agency e mondo della rete, in R. Bartoletti, F. Faccioli (a cura di) (2013), Comunicazione e civic engagement. Media, spazi pubblici e nuovi processi di partecipazione, FrancoAngeli, Milano.
  13. De Leonardis O. (2001), Le istituzioni. Come e perché parlarne, Carocci, Roma.
  14. De Rita G. (2000), Dunque la legge c’è, «Rivista italiana di comunicazione pubblica », n. 5, pp. 5-7.
  15. Donolo C. (1997), L’intelligenza delle istituzioni, Feltrinelli, Milano.
  16. Ducci G. (2009), Cittadini e istituzioni nei social network, in Mazzoli L., Network effect, Codice Edizioni, Torino, pp. 95-111.
  17. Faccioli F. (2000), Comunicazione pubblica e cultura del servizio. Modelli, attori, percorsi, Carocci, Roma.
  18. Faccioli F. (2002), La comunicazione pubblica. Luci e ombre di un’innovazione, «Quaderni di sociologia», n. 30, pp. 16-32.
  19. Faccioli F. (2013), Tra promozione d’immagine, cultura del servizio e partecipazione civica. Scenari della comunicazione pubblica in Italia, in M. Masini, A.
  20. Lovari, S. Benenati, (a cura di), Tecnologie digitali per la comunicazione pubblica, Bonanno, Roma, pp. 9-44.
  21. Grandi R. (2007), La comunicazione pubblica, Carocci, Roma.
  22. Habermas J. (1981), Theorie des kommunikativen Handelns, Suhrkamp, Frankfurt
  23. a. M.; trad. it. (1986), Teoria dell’agire comunicativo, il Mulino, Bologna. Habermas J. (1992), Faktizität und Geltung. Beiträge zur Diskurstheorie des Rechts und des demokratischen Rechtsstaates, Suhrkamp, Frankfurt a. M.; trad. it. (1996), Fatti e norme. Contributi ad una teoria discorsiva del diritto e della democrazia, Guerini e Associati, Milano.
  24. Invernizzi E., Mazzei A. (2006), La comunicazione interna, in E. Invernizzi (a cura di), Manuale di relazioni pubbliche 2. Le competenze e i servizi specializzati, McGraw-Hill, Milano.
  25. Invernizzi E., Romenti S. (2012), Relazioni pubbliche e corporate communication. La gestione dei servizi specializzati, McGraw-Hill, Milano.
  26. Invernizzi E. (2000), La comunicazione organizzativa: teorie, modelli e metodi, Giuffrè, Milano.
  27. Lovari A., Parisi L. (2013), Lo sguardo del cittadino: bisogni comunicativi e dinamiche relazionali nel web sociale abitato dalla PA, in M. Masini, A. Lovari, S.
  28. Benenati (a cura di), Tecnologie digitali per la comunicazione pubblica, Bonanno, Roma, pp. 65-93.
  29. Mancini P. (2002), Manuale di comunicazione pubblica, Laterza, Roma.
  30. Masini M., Lovari A., Benenati S. (2013), Tecnologie digitali per la comunicazione pubblica, Bonanno, Roma.
  31. Mazzei N. (2004), La comunicazione interna della PA. Dinamiche di una nuova frontiera, in S. Rolando, La comunicazione di pubblica utilità, Vol. I, FrancoAngeli, Milano.
  32. Mazzoli L. (2009), Network effect, Codice Edizioni, Torino.
  33. Miani M. (2005), Comunicazione pubblica e nuove tecnologie, il Mulino, Bologna.
  34. Morcellini M. (2002), La rivoluzione copernicana della pubblica amministrazione, «Desk», n. 3, pp. 4-9.
  35. Pierantoni P. (2002), La comunicazione istituzionale. Dieci anni di riforme nella P.A., ETS, Pisa.
  36. Rolando S. (2000), Una legge basta e non basta , «Rivista italiana di comunicazione pubblica», n. 5, pp. 14-20.
  37. Rolando S. (2001), Teoria e tecniche della comunicazione pubblica, EtasLibri, Milano.
  38. Rolando S. (2010), La comunicazione pubblica per una grande società. Ragioni e regole per un migliore dibattito pubblico, EtasLibri, Milano.
  39. Rolando S. (2014), Comunicazione, poteri e cittadini, Egea, Milano.
  40. Rovinetti A. (2010), Comunicazione pubblica. Sapere e fare, Il Sole24Ore, Milano.
  41. Rovinetti A. (2013), Quale futuro per la comunicazione pubblica, in M. Masini, A. Lovari, S. Benenati (a cura di), Tecnologie digitali per la comunicazione pubblica, Bonanno, Roma, pp. 149-156.
  42. Schudson M. (1999), The Good Citizen: a history of American civic life, Harvard University Press, Harvard; trad. it. (2010) Il buon cittadino. Una storia di vita civica americana, Rubbettino, Soveria Mannelli.
  43. Solito L. (2002), Luoghi comuni, Liguori, Napoli.
  44. Solito L. (2004), Cittadini e istituzioni. Come comunicare, Carocci, Roma.
  45. Weick K. E. (1995), Sensemaking in Organizations, Sage, London; trad. It. (1997), Senso e significato nell’organizzazione, Raffaello Cortina, Milano.



  1. Franca Faccioli, Comunicare nel pubblico: itinerari di un percorso complesso in SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE 50/2016 pp. 177, DOI: 10.3280/SC2015-050017
  2. Gea Ducci, Comunicazione pubblica e performance nella sanità digitale: trasparenza e accountability per un empowered patient in SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE 51/2016 pp. 120, DOI: 10.3280/SC2016-051008

Laura Solito, in "SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE " 48/2014, pp. 100-118, DOI:10.3280/SC2014-048010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche