Clicca qui per scaricare

Winnicott in translation: note sull’holding di Joyce Slochower
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Massimo Iannucci 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 33-44 Dimensione file:  64 KB
DOI:  10.3280/RPR2015-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Prendendo lo spunto dalla rilettura dell’holding in chiave relazionale a cui la Slochower fa riferimento nel suo lavoro, l’articolo cerca di illustrare le potenzialità dell'holding nel promuovere trasformazioni nella cura di quei pazienti poco trattabili con i tradizionali strumenti psicoanalitici. Ciò sembra essere reso possibile dalla soggettività dell’analista nel fornire un ambiente emotivo in grado di creare le condizioni per una metaforizzazione di vissuti inespressi attraverso un processo di mutua regolazione. Vengono poi prese in esame diverse situazioni nelle quali il paziente non è in grado di usare l’analista come soggetto, situazioni nelle quali la capacità dell’analista di essere in funzione della necessità del paziente, può declinarsi in modi differenti, come nel caso di Mark, in cui ciò che viene attivato attraverso un holding è un processo di disintossicazione dalla vergogna.


Keywords: Winnicott, holding, soggettività, vergogna, mutua regolazione, autocontenimento

  1. Bion W. Attenzione ed interpretazione. Roma: Armando, 1970.
  2. Bollas C. (2007). Il momento freudiano. Milano: FrancoAngeli, 2008.
  3. Bordi S. (1980) Relazione analitica e sviluppo cognitivo. Rivista di psicoanalisi, 2.
  4. Ferruta A. (2009). Grasping. Lavorare con patologie gravi: funzioni di holding, contenitorecontenuto, contenimento. Ciclo di conferenze.
  5. Giannakoulas A., Marmellini M., Fabozzi P., a cura di (2000). Il sé tra clinica e teoria. Roma: Borla.
  6. Mitchell S. (1988). Gli orientamenti relazionali in psicoanalisi. Per un modello integrato. Torino: Bollati Boringhieri.
  7. Mollon P. (2006) Gelosia e vergogna. Tumulti segreti. Roma: Astrolabio.
  8. Ogden T. (1994). Soggetti dell’analisi. Dunod (1999).
  9. Pandolfi A.M. (2002). La vergogna. Un affetto che sta scomparendo? Milano: FrancoAngeli.
  10. Shore A. (2003). La regolazione degli affetti e la riparazione del Sé. Roma: Astrolabio, 2008.
  11. Slochower J. (2002). L’esperienza d’interiorità nel processo analitico. Ricerca Psicoanalitica, 1.
  12. Slochower J. (2012). L’idealizzazione nel rapporto con pazienti ed allievi. Ricerca Psicoanalitica, 2., 10.3280/RPR2012-002007DOI: 10.3280/RPR2012-002007
  13. Stone L. (1961). La situazione psicoanalitica. Padova: Piccin, 1986.
  14. Thanopulos S. Lo spazio dell’interpretazione. Roma: Borla, 2009.
  15. Winnicott D.W. (1947). Dalla Pediatria alla psicoanalisi. Firenze: Martinelli, 1975.
  16. Winnicott, D.W. Lettere. Milano: Cortina, 1988.
  17. Winnicott, D.W. (1970). Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando.
  18. Winnicott D.W. (1989). Esplorazioni psicoanalitiche. Milano: Raffaello Cortina

Massimo Iannucci, in "RICERCA PSICOANALITICA" 1/2015, pp. 33-44, DOI:10.3280/RPR2015-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche