Clicca qui per scaricare

L’isteria ai tempi del DSM-5: diagnosi obsoleta o risorsa per la clinica?
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Massimo Fontana 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 85-100 Dimensione file:  69 KB
DOI:  10.3280/RPR2015-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’A. ripercorre i passaggi principali del percorso storico compiuto dalla diagnosi d’isteria in psicoanalisi e in psichiatria, descrivendone le vicissitudini nel Manuale Diagnostico e Statistico del Disturbi Mentali, dal DSM-II (1968) al DSM-5 (2013). Nelle ultime edizioni (DSM-IV e DSM-5) il termine "isteria" è stato abbandonato e, con esso, anche la concezione unitaria di questa patologia, presente invece nella tradizione psichiatrica e psicoanalitica a partire dalle prime teorie moderne formulate dalla fine dell’800 (Briquet, Babinski, Bernheim, Charcot, Janet e Freud). I derivati nosologici attuali, nel DSM, possono essere rintracciati in alcune categorie distinte, come il Disturbo di conversione, la Pseudociesi e i Disturbi dissociativi, oltre al Disturbo Istrionico di Personalità. Facendo riferimento ai contributi della psicoanalisi, l’A. individua nella tendenza a comunicare il disagio attraverso canali indiretti (corpo, stati di coscienza, emotività) il denominatore comune del funzionamento isterico, che giustifica il mantenimento di questa diagnosi come categoria concettualmente unitaria.


Keywords: Isteria, DSM-5, somatizzazione, conversione

  1. APA - American Psychiatric Association (1968). DSM-II. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Second Edition. Washington, D.C.: APA.
  2. APA - American Psychiatric Association (1980). Trad. it.: DSM-III. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Terza edizione. Milano: Masson, 1983.
  3. APA - American Psychiatric Association (1987). Trad. it.: DSM-III-R. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Terza edizione, riveduta. Milano: Masson, 1988.
  4. APA - American Psychiatric Association (1994). Trad. it.: DSM-IV. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Quarta edizione. Milano: Masson, 1995.
  5. APA - American Psychiatric Association (2000). Trad. it. DSM-IV-TR. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Text Revision. Milano: Masson, 2002.
  6. APA - American Psychiatric Association (2013). Trad. it.: DSM-5. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Quinta edizione. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2014.
  7. Babinski J. (1901). Définition de l’hystérie. Revue neurologique, 9: 1074-1080.
  8. Briquet P. (1859). Traité clinique et thérapeutique de l’hystérie. Paris: Baillère.
  9. Bromberg M.B. (1998/2001). Trad. it.: Clinica del trauma e della dissociazione. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2007.
  10. Conforto C. (1993). Il principio della conversione. In: Cassano G.B., Pancheri P., a cura di (1993). Trattato italiano di psichiatria. Milano: Masson: 1871-1873.
  11. Ellenberger H.F. (1976). Trad. it.: La scoperta dell’inconscio. Torino: Boringhieri, 1976.
  12. Gabbard G.O. (2005). Trad it.: Psichiatria psicodinamica. Quarta edizione. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2007.
  13. Guze S.B. (1967). The diagnosis of hysteria. What are we trying to do? American Journal of Psychiatry, 124: 491-498., 10.1176/ajp.124.4.491DOI: 10.1176/ajp.124.4.491
  14. Guze S.B., Perley M.J. (1963). Observation on the natural history of Hysteria. American Journal of Psychiatry, 119: 960-965., 10.1176/ajp.119.10.960DOI: 10.1176/ajp.119.10.960
  15. Kernberg O. (1984). Trad. it.: Disturbi gravi della personalità. Torino: Bollati Boringhieri, 1987.
  16. Kernberg O.F., Caligor E. (2005). Trad. it.: Teoria psicoanalitica dei disturbi di personalità, in Clarkin J.F., Lenzenweger M.J.,a cura di, I disturbi di personalità. Le principali teorie. Seconda edizione, Milano: Raffaello Cortina Editore, 2006
  17. Lingiardi V., Gazzillo F. (2011). La diagnosi dei disturbi di personalità nel DSM-5. Notiziario degli ordini degli psicologi del Lazio, 2/3: 15-17.
  18. Maffei C. (2008). Borderline. Struttura, categoria, dimensione. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  19. McWilliams N. (1994). Trad. it.: La diagnosi psicoanalitica. Milano: Astrolabio, 1999.
  20. McWilliams N. (2011). Trad. it.: La diagnosi psicoanalitica. Seconda edizione. Milano:
  21. Astrolabio, 2012.
  22. Migone P. (2010). La diagnosi descrittiva: i DSM dell’APA, in Terapia psicoanalitica. Seminari, 6° edizione aggiornata, Milano: FrancoAngeli.
  23. Migone P. (2013). Il destino della personalità isterica. Costruzioni psicoanalitiche, 13, 26: 53-69.
  24. PDM Task Force (2006). Trad. it.: PDM-Manuale Diagnostico Psicodinamico. Milano: Raffaello Cortina Editore, 2008.
  25. Perley M.J., Guze S.B. (1962). Hysteria – the stability and usefullness of clinical criteria. New England Journal of Medicine, 266: 421-426.
  26. Porcelli P. (2014). I disturbi di somatizzazione nel DSM-5. Psicoterapia e scienze umane, 48, 3: 431-452., 10.3280/PU2014-003004.RossiR.(1993a).Disturbisomatoformiedissociativi.In:CassanoG.B.,PancheriP.,acuradi(1993).Trattatoitalianodipsichiatria.Milano:Masson:1869-1905DOI: 10.3280/PU2014-003004.RossiR.(1993a).Disturbisomatoformiedissociativi.In:CassanoG.B.,PancheriP.,acuradi(1993).Trattatoitalianodipsichiatria.Milano:Masson:1869-1905
  27. Rossi R. (1993b). Disturbo di conversione. In: Cassano G.B., Pancheri P., a cura di (1993). Trattato italiano di psichiatria. Milano: Masson: 1873-1878.
  28. Rossi R. (1999). Il problema dell’isteria. In: Cassano G.B., Pancheri P., a cura di. Trattato Italiano di Psichiatria. Seconda edizione. Milano: Masson: 2185-2192.
  29. Rossi R., Fele P. (1999). Isteria ieri e oggi: evoluzione del termine e del concetto. In Cassano G.B., Pancheri P. (a cura di) Trattato Italiano di Psichiatria. Seconda edizione, Milano: Masson: 2185-2190.
  30. Shapiro D. (1965). Trad. it. Stili nevrotici. Roma: Casa Editrice Astrolabio, 1969.
  31. Silvestri M. (2015). La dissociazione delle origini. Freud e Janet: un confronto doloroso, un dialogo pensabile. Ricerca psicoanalitica, 1.
  32. Westen D., Shedler J., Bradley B. and DeFife J.A. (2012), Trad. it.: Una tassonomia della diagnosi di personalità derivata empiricamente: colmare il divario tra scienza e clinica nella concettualizzazione della personalità. Psicoterapia e scienze umane, 46, 3: 327-358., 10.3280/PU2012-003001DOI: 10.3280/PU2012-003001

Massimo Fontana, in "RICERCA PSICOANALITICA" 1/2015, pp. 85-100, DOI:10.3280/RPR2015-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche