Clicca qui per scaricare

Visibilità e invisibilità. Posizionamento, fiducia e accesso al campo in un’etnografia sui migranti romeni in Italia
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Remus Anghel, Micol Pizzolati 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 63-77 Dimensione file:  75 KB
DOI:  10.3280/MM2014-003004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo affronta il tema del posizionamento nell’etnografia multisituata della migrazione. La discussione si sviluppa a partire dalla molteplicità delle strategie di accesso al campo messe in atto dal ricercatore insider, che può muoversi tra le categorie di visibilità e invisibilità. Il posizionamento che ne deriva, insieme a tempo e ubicazione, contribuiscono a determinare modalità ed esiti dell’acceso al campo. Gli autori analizzano le strategie adottate nel corso di una ricerca multisituata tra Italia e Romania condotta da un ricercatore romeno, che ha assunto i molteplici ruoli di migrante, sociologo, amico di amici e amico di parenti. A Milano, mentre le posizioni visibili hanno comportato forti limitazioni d’accesso al campo, quelle invisibili hanno prodotto risultati fruttuosi. In entrambi i contesti, la strategia di accesso alle informazioni più efficace si è basata sulla costruzione di rapporti di fiducia mediante l’intercessione di amici e parenti (gatekeepers). L’ubicazione della ricerca e il tempo a disposizione degli interlocutori hanno determinato la relazione tra questi e il ricercatore: la situazione di Milano - tempo limitato dalla ricerca di lavoro e diffidenza - si è contrapposta alle circostanze in Romania - tempo libero delle vacanze estive e disponibilità a raccontare la propria esperienza di migrazione.


Keywords: Ricerca insider, migrazione, etnografia multisituata, posizionamento, Romania, Italia.

  1. Anghel (2013). Romanians in Western Europe. Migration, Status Dilemmas and Transnational Connections. Lanham MD: Lexington Books.
  2. Bleahu A. (2007). ‘With Calluses on Your Palms They Don’t Bother You’: Illegal Romanian Migrants in Italy. Focaal: European Journal of Anthropology, 49: 101-109;, 10.3167/foc.2007.490108DOI: 10.3167/foc.2007.490108
  3. Boccagni P. (2011). From Rapport to Collaboration… and Beyond? Revisiting Field Relationships in An Ethnography of Ecuadorian Migrants. Qualitative Research, 11, 6: 736-754;, 10.1177/1468794111415955DOI: 10.1177/1468794111415955
  4. Capello C., Cingolani P. e Vietti F. (2014). Etnografia delle Migrazioni. Roma:
  5. Carocci. Carling J., Erdal B.M. e Ezzati R. (2014). Beyond the Insider–Outsider Divide in Migration Research. Migration Studies, 2, 1: 36-54.;, 10.1093/migration/mnt022DOI: 10.1093/migration/mnt022
  6. Cingolani P. (2009). Romeni d’Italia. Migrazioni, vita quotidiana e legami transnazionali. Bologna: il Mulino.
  7. Colombo A. (1996). Amici, Clienti, Poliziotti. Quaderni di Sociologia, 40, 11: 51-77.
  8. Coleman S. e von Hellermann P., a cura di (2011). Problems and Possibilities in the Translocation of Research Methods. London: Routledge.
  9. Fanshawe S., Sriskandarajah D. (2010). You Can’t Put Me in a Box: Superdiversity and the End of Identity Politics in Britain. London: Institute for Public Policy Research.
  10. Ganga D., Scott S. (2006). Cultural ‘Insiders’ and the Issue of Positionality in Qualitative Migration Research: Moving ‘Across’ and Moving ‘Along’ Researcher-Participant Divides. Forum Qualitative Sozialforschung/ Forum: Qualitative Social Research, 7, 3, http://nbn-resolving.de/urn:nbn:de:0114-fqs 060379.
  11. Kempny M. (2012). Rethinking Native Anthropology: Migration and Auto-Ethnography in the Post-Accession Europe. International Review of Social Research, 2, 2: 39-52.
  12. Marcu O. (2011). Donne Rom e Lavoro di Strada. In: Civita A. e Massaro P., a cura di, Devianza e disuguaglianza di genere. Milano: FrancoAngeli.
  13. Matejskova T. (2013). Deep Situationality: Interstitial Spaces and Limits of Identity in Ethnographies of Politics of Immigrant Integration. Migration Studies, 2, 1: 16-35;, 10.1093/migration/mnt028DOI: 10.1093/migration/mnt028
  14. Mullings B. (1999). Insider or Outsider, Both or Neither: Some Dilemmas of Interviewing in a Cross-cultural Setting. Geoforum, 30, 4: 337-350;, 10.1016/S0016-7185(99)00025-1DOI: 10.1016/S0016-7185(99)00025-1
  15. Narayan K. (1993). How ‘Native’ is a Native Anthropologist. American Anthropologist, New Series, 95, 3: 671-686;, 10.1525/aa.1993.95.3.02a00070DOI: 10.1525/aa.1993.95.3.02a00070
  16. Nowicka M., Cieslik A. (2013). Beyond Methodological Nationalism in Insider Research with Migrants. Migration Studies, 2, 1: 1-15;, 10.1093/migration/mnt024DOI: 10.1093/migration/mnt024
  17. Perrotta D. (2011). Vite in cantiere. Migrazione e lavoro dei rumeni in Italia. Bologna: il Mulino.
  18. Riccio B. (2011). Exploring Senegalese Translocal Spaces: Reflections on Multi-Sited Ethnography. In: Coleman S. e von Hellermann P., a cura di. cit.
  19. Torsello D. (2008). Trust, Kinship and Civil Society in a Post-socialist Slovakian Village. Sociológia, 40, 6: 514-529.
  20. Tsuda T. (1998). Ethnicity and the Anthropologist: Negotiating Identities in the Field. Anthropological Quarterly, 71, 3: 107-124.
  21. Vlase I. (2007). Morphologie des rapports sociaux des migrant(e)s. Revue européenne des migrations Internationales, 23, 1: 163-179.

Remus Anghel, Micol Pizzolati, in "MONDI MIGRANTI" 3/2014, pp. 63-77, DOI:10.3280/MM2014-003004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche