Visibilità e invisibilità. Posizionamento, fiducia e accesso al campo in un’etnografia sui migranti romeni in Italia

Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI
Autori/Curatori: Remus Anghel, Micol Pizzolati
Anno di pubblicazione: 2014 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 15 P. 63-77 Dimensione file: 75 KB
DOI: 10.3280/MM2014-003004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo affronta il tema del posizionamento nell’etnografia multisituata della migrazione. La discussione si sviluppa a partire dalla molteplicità delle strategie di accesso al campo messe in atto dal ricercatore insider, che può muoversi tra le categorie di visibilità e invisibilità. Il posizionamento che ne deriva, insieme a tempo e ubicazione, contribuiscono a determinare modalità ed esiti dell’acceso al campo. Gli autori analizzano le strategie adottate nel corso di una ricerca multisituata tra Italia e Romania condotta da un ricercatore romeno, che ha assunto i molteplici ruoli di migrante, sociologo, amico di amici e amico di parenti. A Milano, mentre le posizioni visibili hanno comportato forti limitazioni d’accesso al campo, quelle invisibili hanno prodotto risultati fruttuosi. In entrambi i contesti, la strategia di accesso alle informazioni più efficace si è basata sulla costruzione di rapporti di fiducia mediante l’intercessione di amici e parenti (gatekeepers). L’ubicazione della ricerca e il tempo a disposizione degli interlocutori hanno determinato la relazione tra questi e il ricercatore: la situazione di Milano - tempo limitato dalla ricerca di lavoro e diffidenza - si è contrapposta alle circostanze in Romania - tempo libero delle vacanze estive e disponibilità a raccontare la propria esperienza di migrazione.

  1. Anghel (2013). Romanians in Western Europe. Migration, Status Dilemmas and Transnational Connections. Lanham MD: Lexington Books.
  2. Bleahu A. (2007). ‘With Calluses on Your Palms They Don’t Bother You’: Illegal Romanian Migrants in Italy. Focaal: European Journal of Anthropology, 49: 101-109; DOI: 10.3167/foc.2007.490108
  3. Boccagni P. (2011). From Rapport to Collaboration… and Beyond? Revisiting Field Relationships in An Ethnography of Ecuadorian Migrants. Qualitative Research, 11, 6: 736-754; DOI: 10.1177/1468794111415955
  4. Capello C., Cingolani P. e Vietti F. (2014). Etnografia delle Migrazioni. Roma:
  5. Carocci. Carling J., Erdal B.M. e Ezzati R. (2014). Beyond the Insider–Outsider Divide in Migration Research. Migration Studies, 2, 1: 36-54.; DOI: 10.1093/migration/mnt022
  6. Cingolani P. (2009). Romeni d’Italia. Migrazioni, vita quotidiana e legami transnazionali. Bologna: il Mulino.
  7. Colombo A. (1996). Amici, Clienti, Poliziotti. Quaderni di Sociologia, 40, 11: 51-77.
  8. Coleman S. e von Hellermann P., a cura di (2011). Problems and Possibilities in the Translocation of Research Methods. London: Routledge.
  9. Fanshawe S., Sriskandarajah D. (2010). You Can’t Put Me in a Box: Superdiversity and the End of Identity Politics in Britain. London: Institute for Public Policy Research.
  10. Ganga D., Scott S. (2006). Cultural ‘Insiders’ and the Issue of Positionality in Qualitative Migration Research: Moving ‘Across’ and Moving ‘Along’ Researcher-Participant Divides. Forum Qualitative Sozialforschung/ Forum: Qualitative Social Research, 7, 3, http://nbn-resolving.de/urn:nbn:de:0114-fqs 060379.
  11. Kempny M. (2012). Rethinking Native Anthropology: Migration and Auto-Ethnography in the Post-Accession Europe. International Review of Social Research, 2, 2: 39-52.
  12. Marcu O. (2011). Donne Rom e Lavoro di Strada. In: Civita A. e Massaro P., a cura di, Devianza e disuguaglianza di genere. Milano: FrancoAngeli.
  13. Matejskova T. (2013). Deep Situationality: Interstitial Spaces and Limits of Identity in Ethnographies of Politics of Immigrant Integration. Migration Studies, 2, 1: 16-35; DOI: 10.1093/migration/mnt028
  14. Mullings B. (1999). Insider or Outsider, Both or Neither: Some Dilemmas of Interviewing in a Cross-cultural Setting. Geoforum, 30, 4: 337-350; DOI: 10.1016/S0016-7185(99)00025-1
  15. Narayan K. (1993). How ‘Native’ is a Native Anthropologist. American Anthropologist, New Series, 95, 3: 671-686; DOI: 10.1525/aa.1993.95.3.02a00070
  16. Nowicka M., Cieslik A. (2013). Beyond Methodological Nationalism in Insider Research with Migrants. Migration Studies, 2, 1: 1-15; DOI: 10.1093/migration/mnt024
  17. Perrotta D. (2011). Vite in cantiere. Migrazione e lavoro dei rumeni in Italia. Bologna: il Mulino.
  18. Riccio B. (2011). Exploring Senegalese Translocal Spaces: Reflections on Multi-Sited Ethnography. In: Coleman S. e von Hellermann P., a cura di. cit.
  19. Torsello D. (2008). Trust, Kinship and Civil Society in a Post-socialist Slovakian Village. Sociológia, 40, 6: 514-529.
  20. Tsuda T. (1998). Ethnicity and the Anthropologist: Negotiating Identities in the Field. Anthropological Quarterly, 71, 3: 107-124.
  21. Vlase I. (2007). Morphologie des rapports sociaux des migrant(e)s. Revue européenne des migrations Internationales, 23, 1: 163-179.

Remus Anghel, Micol Pizzolati, Visibilità e invisibilità. Posizionamento, fiducia e accesso al campo in un’etnografia sui migranti romeni in Italia in "MONDI MIGRANTI" 3/2014, pp 63-77, DOI: 10.3280/MM2014-003004