Clicca qui per scaricare

La terza via. Nuove regole per trasformare gli spazi aperti nei quartieri della città pubblica
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Maria Livia Olivetti 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 72  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  7 P. 40-46 Dimensione file:  460 KB
DOI:  10.3280/TR2015-072006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La tesi secondo la quale i numerosi ed ampli spazi aperti della città pubblica sono tra i luoghi essenziali da cui partire per innescare trasformazioni urbane d’ampio respiro è oggi riconosciuta e ben fondata. Tuttavia al pesante corpus di riflessioni teoriche (ed anche di operazioni reali) effettuate a riguardo, non corrisponde ancora una risposta adeguata in termini procedurali e di definizione delle categorie d’azione possibili e legittime. Tale mancanza pesa sulla possibilità di intervenire in maniera veloce ed adeguata in questi luoghi. Cominciare a riflettere su nuove regole che accolgano e, insieme, normino l’entusiasmo e il successo dimostrato da tante esperienze di trasformazioni informali di spazi aperti comuni può contribuire a restituire luoghi, paesaggi urbani, pieni di senso per la città e per la popolazione


Keywords: Paesaggi informali; politiche disciplinate; architetture effimere

  1. Aa.Vv., 2010, «City regeneration», Topos, n. 73.
  2. Bobbio L., 2004, a cura di, A più voci. Amministrazioni pubbliche, imprese, associazioni e cittadini nei processi decisionali inclusivi, Esi, Napoli.
  3. Castiglioni B., De Marchi M., 2009, Di chi è il paesaggio? la partecipazione degli attori nella individuazione, valutazione e pianificazione, Cleup, Padova.
  4. Cicalò E., 2009, Spazi pubblici. Progettare la dimensione pubblica della città contemporanea, FrancoAngeli, Milano.
  5. De Certeau M., 1984, The Practice of Everyday Life, University of California Press, Berkeley. Fédération nationale des Offices d’Hlm, 2007, La rénovation des quartiers d’habitat social, La Décuverte, Paris.
  6. Hou J., 2010, Insurgent Public Space: Guerrilla Urbanism and the Remaking of Contemporary Cities, Routledge, London.
  7. Lambertini A., Metta A., Olivetti M.L., 2013, a cura di, Città Pubblica/Paesaggi Comuni. Materiali per il progetto degli spazi aperti dei quartieri Erp, Gangemi, Roma.
  8. Lang Ho, C., 2012, «Spontaneous Interventions: Design Actions for the Common Good», in Aa.Vv., Biennale di Architettura 2012. Common ground, Marsilio, Venezia.
  9. Lemoine S., 2013, «Intervista a Miguel Georgieff», in Le monde culture et idées, 24 Octobre (www.lemonde.fr/culture/article/2013/10/24/poetes-vos-chantiers_3502465_3246.html).
  10. Munarin S., 2013, «I quartieri pubblici come semi di urbanità», in De
  11. Matteis M., Marin A. (a cura di), Nuove qualità del vivere in periferia. Percorsi di rigenerazione nei quartieri residenziali pubblici, Edicom, Monfalcone.
  12. National Swedish Institute for Building Research, 1972, Open Space in Housing Areas. Documentation of a Colloquium, Studentlitteraturatur ab, Lund.
  13. Olivetti M.L., Metta A., Lambertini A., 2014, a cura di, Progettare Paesaggi Quotidiani. Una ricerca/azione, Gangemi, Roma.
  14. Pellegrini P., Viganò P., 2006, a cura di, Comment vivre ensemble: prototypes of idiorhythmical conglomerates and shared spaces, Officina, Roma.
  15. Zagari F., 2013, Sul paesaggio lettera aperta, Libria, Melfi.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Maria Livia Olivetti, in "TERRITORIO" 72/2015, pp. 40-46, DOI:10.3280/TR2015-072006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche