Clicca qui per scaricare

Reti di collaborazione tra teatri di produzione in Campania
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Marco Serino 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 138 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 121-137 Dimensione file:  150 KB
DOI:  10.3280/SL2015-138008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo saggio presenta alcuni risultati di una ricerca sulle reti di collaborazione tra teatri di produzione della Campania, ai fini della coproduzione di spettacoli. L’indagine adotta gli strumenti di base della social network analysis per descrivere ed analizzare le proprietà formali delle rete costruita, con particolare riferimento alla centralità di alcuni attori rispetto ad altri. La rete di coproduzione teatrale è considerata come una rete di affiliazione, di tipo two-mode, che coinvolge più organismi i quali risultano legati in base alla loro partecipazione alle stesse coproduzioni. Lo studio presentato mira inoltre a comprendere i presupposti della collaborazione in ambito teatrale e alcune dinamiche specifiche del lavoro svolto in tale settore. A tal fine, i risultati sono discussi con riferimento sia all’analisi di rete che al materiale derivante da interviste somministrate ai membri delle organizzazioni interessate dalla ricerca.


Keywords: Social network analysis, reti di collaborazione, reti interorganizzative, coproduzione, teatro, Campania

  1. Argano L. (20046). La gestione dei progetti di spettacolo. Elementi di project management culturale. Milano: FrancoAngeli.
  2. Bagdadli S. (2001). Teatri italiani in rete. In: Salvemini S., Soda G., Artwork & Network. Reti organizzative per lo sviluppo dell’industria culturale. Milano: Egea.
  3. Becker H.S. (1982). Art Worlds. Berkeley, Calif.: University of California Press (trad. it.: I mondi dell’arte. Bologna: il Mulino, 2004).
  4. Burt R.S. (1992). Structural Holes. Cambridge, Mass.: Harvard University Press.
  5. Crane D. (1992). The Production of Culture. Newbury Park: Sage (trad. it.: La produzione culturale. Bologna: il Mulino, 1997).
  6. Curtolo A. (2004). Reti teatrali: il caso Teatri SpA. In: Grandinetti R., Moretti A., a cura di, Evoluzione manageriale delle organizzazioni artistico-culturali. Milano: FrancoAngeli.
  7. Gallina M. (20076). Organizzare teatro. Produzione, distribuzione, gestione nel sistema italiano. Milano: FrancoAngeli.
  8. Gulati R., Gargiulo M. (1999). Where Do Interorganizational Networks Come From? American Journal of Sociology, 104(5): 1439-1493.
  9. Lin N. (2001). Social Capital. A Theory of Social Structure and Action. Cambridge: Cambridge University Press.
  10. Nieminen J. (1974). On the centrality in a graph. Scandinavian Journal of Psychology, 15(1): 332-336.
  11. Sciarelli F. (2009). La gestione del teatro. Un evento sospeso tra l’apollineo e il dionisiaco. Milano: FrancoAngeli.
  12. Scott J. (1991). Social Network Analysis. A Handbook. London: Sage (trad. it.: L’analisi delle reti sociali. Roma: Carocci, 1997). Sedita S.R. (2008). Interpersonal and Inter-organizational Networks in the Performing Arts: The Case of Project-Based Organizations in the Live Music Industry. Industry and Innovation, 15(5): 493-511.
  13. Tota A.L. (1997). Etnografia dell’arte. Per una sociologia dei contesti artistici. Roma: Logica University Press.
  14. Wasserman S., Faust K. (1994). Social Network Analysis: Methods and Applications. Cambridge, MA: Cambridge University Press.



  1. Giancarlo Ragozini, Marco Serino, Daniela D’Ambrosio, Studies in Theoretical and Applied Statistics pp. 119 (ISBN:978-3-319-73905-2)
  2. Marco Serino, Daniela D’Ambrosio, Giancarlo Ragozini, Bridging social network analysis and field theory through multidimensional data analysis: The case of the theatrical field in Poetics /2017 pp. 66, DOI: 10.1016/j.poetic.2016.12.002

Marco Serino, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 138/2015, pp. 121-137, DOI:10.3280/SL2015-138008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche