Clicca qui per scaricare

Giovani, lavoro e cittadinanza sociale. Uno studio comparato sulle trasformazioni del Welfare in Europa
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Marco Marrone 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 138 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 173-189 Dimensione file:  151 KB
DOI:  10.3280/SL2015-138011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo elaborato si pone di analizzare in che modo le trasformazioni del Welfare occorse in Europa nel tentativo di rispondere alle sfide poste dalle nuove forme del lavoro, incidono sulla possibilità per i giovani di avere accesso alla cittadinanza sociale. L’autore sostiene che il sorgere del Welfare "attivo", nonostante si caratterizzi per una volontà di superare l’impianto assistenzialista, rimane ancora fortemente ancorato ad una rigidità del nesso tra dovere al lavoro e accesso alla cittadinanza. Pertanto, sebbene in quei paesi che più di altri hanno investito sulle politiche di attivazione si registri un successo in termini di occupazione giovanile, l’introduzione di strumenti coercitivi al lavoro sembrano produrre una difficoltà per i giovani nell’accesso alla sfera della cittadinanza sociale. Si sostiene infine che i bisogni delle nuove figure del lavoro necessitano di un nuovo tipo di cittadinanza sociale universale che superi la rigidità del nesso tra lavoro e cittadinanza.


Keywords: Giovani, disoccupazione, cittadinanza sociale, Welfare State, politiche di attivazione, studio comparativo

  1. Anastasia B., Mancini M., Trivellato U. (2009). Il sostegno al reddito dei disoccupati: note sullo stato dell’arte. Tra riformismo strisciante, inerzie dell’impianto categoriale e incerti orizzonti di Flexicurity. ISAE Working Paper n. 112.
  2. Bagnasco A. (2003). Società fuori squadra. Come cambia l’organizzazione sociale. Bologna: il Mulino.
  3. Barbier J.C. (2005). Citizenship and the activation of social protection: a comparative approach. In: Goul Andersen J., Guillemard A.M., Jensen P.H.,
  4. Pfau-Effinger B., a cura di, The Changing Face of Welfare. Bristol: Policy Press.
  5. Beck U. (2000). La società del rischio: Verso una seconda modernità. Roma: Carocci.
  6. Castel R. (1995). Les Métamorphes de la question sociale. Une chronique du salariat. Paris: Fayard.
  7. Castel R. (2009). La Montée des incertitudes. Travail, protections, statut de l’individu. Paris: Seuil.
  8. Esping-Andersen G. (1990). The Three World of Welfare Capitalism. Princeton: Princeton University Press.
  9. European Commission (2003). European Employment Strategy. European Commission: Bruxelles.
  10. Ewald F. (1986). L’Etat Providence. Paris: Grasset & Fasquelle.
  11. Ferrera M. (1984). Il Wefare State in Italia: sviluppo e crisi in chiave comparata. Bologna: il Mulino.
  12. Fumagalli A. (1997). Aspetti dell’accumulazione flessibile in Italia. In: Bologna
  13. S., Fumagalli A., a cura di, Il Lavoro autonomo di seconda generazione. Milano: Feltrinelli. Gallino L. (2007). Il Lavoro non è una merce. Contro la flessibilità. Bari: Laterza.
  14. Guillemard A.M. (2005). The advent of a flexible life course and the reconfiguration of welfare. In: Goul Andersen J., Guillemard A.M., Jensen P.H.,
  15. Pfau-Effinger B., a cura di, The Changing Face of Welfare. Bristol: Policy Press.
  16. Kohli M. (1987). Retirement and the moral economy: an historical interpretation of the German case. Journal of Aging Studies. 2: 125-144., 10.1016/j.jaging.2011.10.00DOI: 10.1016/j.jaging.2011.10.00
  17. Lodigiani R. (2008). Welfare Attivo, Apprendimento continuo e nuove politiche del lavoro in Europa. Trento: Erickson.
  18. Madsen P.K. (2006). How Can it Possibly Fly? The Paradox of a Dynamic Labour Market in a Scandinavian Welfare State. In: Campbell J.L., Hall J.A., Pedersen O.K., a cura di, National Identity and a Variety of Capitalism: The Case of Denmark. Montreal: McGill University Press.
  19. Marshall T.H. (1950). Citizenship and Social Class. London: Pluto Press (trad. it.: Mezzadra S., a cura di, Cittadinanza e Classe Sociale. Bari: Laterza, 2002).
  20. Martinelli M. (2003). Il Legame incrinato: Lavoro e società in trasformazione nell’epoca della globalità. Milano: Vita e Pensiero.
  21. Paci M. (2005). Nuovi Lavori, Nuovo Welfare. Bologna: il Mulino.
  22. Rosanvallon P. (1992). La Nouvelle Question Sociale. Repenser l’Etat-Providence. Paris: Seuil.
  23. Sennet R. (2012) This is not the kids’ problem, London: The Guardian
  24. Simonnet V. (2012) Le RSA est-il plus incitatif à la reprise de l’emploi que le RMI? Paris: Centre d’Etude par l’Emploi.
  25. Villa M. (2007). Dalla protezione all’attivazione. Le politiche contro l’esclusione tra frammentazione istituzionale e nuovi bisogni. Milano: FrancoAngeli.
  26. Weick K. (1969). The Social Psychology of Organizing. New York: Random House (trad. it.:. Organizzare. La psicologia sociale dei processi organizzativi. Milano: ISEDI, 1993).

Marco Marrone, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 138/2015, pp. 173-189, DOI:10.3280/SL2015-138011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche