Clicca qui per scaricare

Alla ricerca di politiche utili per governare i cambiamenti del lavoro. Ci sono alternative alla flexicurity?
Titolo Rivista: ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE  
Autori/Curatori: Bruno Anastasia 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 72-84 Dimensione file:  292 KB
DOI:  10.3280/ES2015-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La dinamica generale dell’occupazione in Veneto negli ultimi venticinque anni è ben nota: crescita quasi continua fino al 2008, quindi contrazioni e ridimensionamento. Non si è trattato di una dinamica lineare: i cambiamenti nella composizione interna sono stati assai significativi. Per analizzarli utilizziamo tre indicatori sintetici: la composizione settoriale, la composizione per professione e per tipologia contrattuale, la distribuzione secondo la classe dimensionale dell’impresa. I cambiamenti nella struttura produttiva "pilotano" anche quelli nelle modalità di regolazione della prestazione lavorativa. Le politiche del lavoro - che debbono e possono regolare utilmente questi cambiamenti, attenuandone le possibili conseguenze traumatiche - in Italia come in Europa si rifanno all’orizzonte culturale della flexicurity che, al lato pratico, appare logico e inevitabile. La problematicità sta tutta nella composizione delle misure di policy concrete - da un lato di flessibilità, dall’altro di sicurezza - e nella capacità di innovarle e adattarle all’evoluzione della struttura produttiva.


Keywords: Riforme, Jobs Act, mercato del lavoro
Jel Code: D04; J20; J21; J41

  1. Alaimo A (2008). Il diritto al lavoro fra Costituzione nazionale e Carte europee dei diritti: un diritto “aperto” e “multilivello”. WP ‘Massimo D’Antona’, n. 60.
  2. Alessi C. (2004). Professionalità e contratto di lavoro. Milano: Giuffrè.
  3. Anastasia B., Gambuzza G., Rasera M., Rosato S. (2012). Che cosa possiamo aspettarci dalla riforma del mercato del lavoro? Appunti sui nodi critici e sulle soluzioni possibili. Febbraio. .
  4. Baldassarre A. (1989). Diritti sociali. Enciclopedia Giuridica Treccani, XI: 1.
  5. Brollo M. (2007). Le modificazioni oggettive: il mutamento di mansione. In: Cester C. a cura di. Il Rapporto di lavoro subordinato: costituzione e svolgimento, Commentario diretto da Carinci. Torino: Utet.
  6. Calamandrei P. (1950). Introduzione storica sulla Costituzione. In: Commentario sistematico alla Costituzione italiana. Firenze, I, CXXXV.
  7. Caruso B. (2007). Occupabilità, formazione e “capability” nei modelli giuridici di regolazione dei mercati del lavoro. Giornale di Diritto de Lavoro e delle Relazioni Industriali, 29: 1 e sgg.
  8. Caruso B. (2009). I diritti sociali fondamentali nell’ordinamento costituzionale europeo. In: Sciarra S. e Caruso B. a cura di. Il Lavoro subordinato. Trattato di Diritto privato dell’Unione Europea, vol. V. Torino: Giappichelli.
  9. D’Antona M. (1999). Il diritto al lavoro nella Costituzione e nell’ordinamento comunitario. Rivista Giuridica del Lavoro e della Previdenza sociale, 3: 15 e sgg.
  10. Farina F. (2007). Della produttività. Discorso sulla qualità del lavoro. Roma: Ediesse.
  11. Gaeta L. (2001). Nuove regole per il lavoro che cambia? Diritti Mercato Lavori, 3: 467 e sgg.
  12. Gallino L. (2004). Lavoro, profitti e produttività. La Repubblica del 29 agosto.
  13. Gargiulo U. (2009). L’equivalenza delle mansioni nel contratto di lavoro. Soveria Mannelli: Rubbettino.
  14. Garofalo M.G. (1999). Un profilo ideologico del diritto del lavoro. Giornale di Diritto de Lavoro e delle Relazioni Industriali., 81: 29 e sgg.
  15. Istat (2014). IX Censimento dell’industria e dei servizi e Censimento delle istituzioni non profit. Principali risultati e processo di rilevazione. Veneto. Roma.
  16. La Forgia S. (2012). Il lavoro dignitoso, il lavoro decente e il lavoro purchessia. Lavoro nella giurisprudenza, 2: 129 e sgg. Mortati C. (1952). Il diritto al lavoro nel sistema dei principi costituzionali. In: La disoccupazione in Italia, Studi speciali, Atti della Commissione parlamentare di inchiesta sulla disoccupazione, Vol. IV, Tomo I: 79 e sgg.
  17. Refrigeri L. (2004). Oltre il capitale umano. Soveria Mannelli: Rubettino.
  18. Rodotà S. (2013). Antropologia dell’homo dignus. www.civilistica.com, 1.
  19. Romagnoli U. (1997). Dal lavoro ai lavori. Lavoro e diritti, 4: 3 e sgg.
  20. Salazar C. (2000). Dal riconoscimento alla garanzia dei diritti sociali. Orientamenti e tecniche decisorie della Corte costituzionale a confronto. Torino: Giappichelli.
  21. Sestito P. (2002). Il mercato del lavoro in Italia. Com’è, come sta cambiando. Bari-Roma: Laterza.
  22. Zoppoli A. (2007). La soggettività economico-professionale del lavoratore nelle politiche di flexicurity. Diritti Lavori Mercati, 3: 537 e sgg.

Bruno Anastasia, in "ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE " 1/2015, pp. 72-84, DOI:10.3280/ES2015-001006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche