Clicca qui per scaricare

Brevi ma profonde. Consultazioni psicoanalitiche nel Centro Pediatrico Mama Mia
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Bjorn Salomonsson 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 11-19 Dimensione file:  41 KB
DOI:  10.3280/INT2015-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le consultazioni psicoterapeutiche con bambini e genitori possono focalizzarsi sul promuovere l’attaccamento, facilitare lo sviluppo, e migliorare le interazioni. Alcune tecniche offrono una guida ai genitori, mentre altre interpretano le loro fantasie inconsce, cioè i "fantasmi" che contribuiscono a creare il disturbo del bambino. Esistono anche tecniche che sottolineano l’interazione del terapeuta con il bambino in presenza del genitore/dei genitori. Queste ultime tecniche entrano in contatto con le motivazioni inconsce e con i sentimenti verso il terapeuta sia della madre sia del bambino a patto che il terapeuta ricordi che, anche se il coinvolgimento del bambino è intenso, la sua comprensione linguistica è limitata. Un terapeuta che lavora nel Servizio di Consultazione di un General Health Care deve adattarsi a limiti di tempo e di budget, e a quelli imposti dalla motivazione dei genitori. Tuttavia, in questi interventi brevi - per capire meglio la sofferenza della madre e del bambino e per capire come aiutarli nel modo più efficace - il terapeuta può utilizzare le esperienze vissute nei trattamenti di più lunga durata e la sua conoscenza della teoria psicoanalitica. Questo lavoro sarà illustrato dal caso clinico di una madre e del suo bambino di due mesi e mezzo. Durante la gravidanza alla madre fu diagnosticato un tumore e fu operata. Nel corso dell’operazione, il bambino fu fatto nascere per taglio cesareo. Dal punto di vista medico l’operazione andò bene, ma il rapporto della madre con il bambino fu disturbato da questi eventi. Un trattamento di otto sedute riuscì a sciogliere molti dei nodi che ostruivano la loro relazione d’amore.


Keywords: Psicoterapia genitore-bebé, attaccamento, gravidanza, interpretazione, interazioni genitore-bebé

  1. Bion W.R. (1962). Apprendere dall’esperienza. Roma: Armando, 1972.
  2. Bion W.R. (1965). Trasformazioni. Roma: Armando, 1973.
  3. Britton R. (2000). Hyper-subjectivity and hyper-objectivity in narcissistic disorders. Fort Da, 6, B: 53-64.
  4. Green A. (1977). Conceptions of affect. International Journal of Psychoanalysis, 58: 129-156.
  5. Grotstein J.S. (1990). Nothingness, meaninglessness, chaos, and the “black hole” II. Contemporary Psychoanalysis, 26: 377-407., 10.1080/00107530.1990DOI: 10.1080/00107530.1990
  6. 10746668 Lebovici S. (2000). La consultation thérapeutique et les interventions métaphorisantes. In: Maury M., Lamour M., Eds., Alliances autour du bébé. De la recherche à la clinique. Paris: Presses Universitaires de France.
  7. Lebovici S., Barriguete J.A., Salinas J.L. (2002). The therapeutic consultation. In: Maldonado-Durán J.M., Ed., Infant and toddler mental health. Washington DC: American Psychiatric Publishing Inc.
  8. Salomonsson B. (2011). La musica del contenimento. Come e quando rivolgersi ai membri della diade madre-lattante in trattamento psicoanalitico. Interazioni, 34: 29-47., 10.3280/INT2011-00200DOI: 10.3280/INT2011-00200
  9. Salomonsson B. (2012). La terapia madre-bambino e il suo impatto sulla psicoanalisi dell'adulto. Interazioni, 35: 11-29., 10.3280/INT2012-00100DOI: 10.3280/INT2012-00100
  10. Widlöcher D. (2001). The treatment of affects: An interdisciplinary issue. The Psychoanalytic Quarterly, 70, 1: 243-264., 10.1002/j.2167-4086.2001.tb00598.DOI: 10.1002/j.2167-4086.2001.tb00598.

Bjorn Salomonsson, in "INTERAZIONI" 1/2015, pp. 11-19, DOI:10.3280/INT2015-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche