Clicca qui per scaricare

Riflessi sonori del Sé.. Alcune riflessioni su ritmo, suono e musica dalle prime interazioni alla stanza d’analisi
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Clelia De Vita 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 75-91 Dimensione file:  71 KB
DOI:  10.3280/INT2015-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo propone alcune riflessioni sul suono, ritmo e musica come strumenti di comunicazione che rivestono un valore specifico nello sviluppo della relazione tra madre e bambino come pure nel rapporto con pazienti precocemente traumatizzati. L’autrice si collega al concetto di oggetto trasformativo di Bollas per focalizzare il valore processuale e dinamico del rapporto con l’oggetto, di cui gli scambi sonori rappresenterebbero un momento importante, data l’ipotesi che essi possano contribuire alla costruzione del mondo interno del bambino. Viene valorizzata la "funzione materna di presentazione dei suoni" e il contributo che essa può dare alla costruzione alla formazione di un’estica del mondo interno. Il suono può svolgere una funzione terza nella relazione; esso svolge un ruolo nell’esperienza di riconoscimento di sé nello specchio al momento della "fase dello specchi"”, dal momento che il suono della voce materna fornisce di una qualità tridimensionale l’immagine del bambino allo specchio. Alcune esemplificazioni cliniche forniscono stimolo alla riflessione sul ruolo della comunicazione non verbale e sulle memorie sonore all’interno della seduta quali opportunità unica e preziosa per contattare esperienze non comunicabili altrimenti.


Keywords: Suono, sintonia, oggetto trasformativo, preverbale, rispecchiamento sonoro, funzione di presentazione sonora

  1. Anzieu D. (1987). L’Io pelle. Roma: Borla.
  2. Ardizzone I., De Vita C. (2000). La colonna sonora della relazione madrebambino. Relazione letta preso il Dipartimento di Neuropsichiatria Infantile dell’Università di Roma La Sapienza.
  3. Bollas C. (1989). L’ombra dell’Oggetto. Roma: Borla.
  4. Bollas C. (2009). Il mondo dell’oggetto evocativo. Roma: Astrolabio.
  5. Bromberg P.M. (2007). Clinica del trauma e della dissociazione. Milano: Cortina.
  6. Cates Lorrane B. (2014). Insidious Emotional Trauma: the Body Remembers. International Journal of Psychoanalytic Self Psychology, 9: 35-53., 10.1080/15551024.2014.857751DOI: 10.1080/15551024.2014.857751
  7. De Luca Erri (2014). La musica provata, Milano: Einaudi.
  8. De Toffoli C. (2014). Transiti Corpo-Mente. Milano: Franco Angeli.
  9. Grotstein J.S. (2010). Un raggio di intensa oscurità. Milano: Cortina.
  10. Kohut H. (1957). Observation on the Psychological function of music. Journal Amer. Psychoanal. Assn., 5: 389-407.
  11. Lacan J. (1948). Lo stadio dello specchio come formatore della funzione dell’io. In: Lacan J., Scritti. Torino: Einaudi.
  12. Lackman F.M. (2001). Chapter 14 Words and Music. Progress in Self Psychology, 17: 167-178.
  13. Langer S. (1948). Philosophy in a New Key. New York: New American Library.
  14. Mancia M. (2007). La psicoanalisi in dialogo con le neuroscienze: lo stato dell’arte. Rivista di Psicoanalisi, LII, 4: 1015-1032.
  15. Meltzer M, Harris M. (1989). Amore e Timore della bellezza. Quaderni di Psicoterapia Infantile, 20. Roma: Borla.
  16. Rilke R. M. (1923). Elegie Duinesi. Torino: Einaudi.
  17. Sacks O. (2007). Musicofilia. Milano: Adelphi. Stern D. (1985). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Boringhieri.
  18. Vermote R. (2015). Relazione al Convegno Essere/Divenire. L’esperienza della Psicoanalisi, Centro di Psicoanalisi Romano Roma, 31 Gennaio 2015.
  19. Winnicott D. (1970). Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando.
  20. Zuckerkandl V. (1956). Sound and Symbol: Music and External World. New Jersey: Princeton University Press.

Clelia De Vita, in "INTERAZIONI" 1/2015, pp. 75-91, DOI:10.3280/INT2015-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche