Clicca qui per scaricare

Liberalizzazioni e regolazione pubblica tra isomorfismo e resilienza: il caso italiano
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Davide Arcidiacono, Rita Palidda 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 139 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 107-122 Dimensione file:  155 KB
DOI:  10.3280/SL2015-139009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Negli anni della recente crisi economica, le liberalizzazioni hanno assunto una nuova preminenza nel dibattito pubblico nel Sud d’Europa e in paesi come l’Italia. Le riforme economiche varate si sono però confrontate con un ambiente istituzionale poco "ricettivo" e l’azione di convergenza europea non ha prodotto gli effetti auspicati. L’analisi proposta prova a spiegare in quest’ottica la lentezza e limiti di un processo di riforma di tipo top-down assai poco coerente con la cultura corporativa e familista del Paese. In questo scenario i costi sociali delle liberalizzazioni sembrano assai più alti dei benefici proprio in assenza di un adeguato sistema di coordinamento pubblico e di legittimazione degli attori coinvolti.


Keywords: Mercato, regolazione, privatizzazione, capitalismo, istituzioni

  1. Amable B. (2003). The Diversity of Modern Capitalism. Oxford: Oxford University Press.
  2. Andreotti, A., Marisol Garcia S., Gomez A., Hespanha P., Kazepof Y., Mingione E. (2001). Does a Southern European Model Exist? Journal of European Area Studies, 1: 43-62., 10.1111/j.1468-2427.2010.01015DOI: 10.1111/j.1468-2427.2010.01015
  3. Andriani S. (2010). Le origini in Italia della cultura della programmazione. In: Pennacchi L., cit.
  4. Arcidiacono D. (2013). Consumatori Attivi. Scelte d’acquisto e partecipazione per una Nuova Etica Economica. Milano: FrancoAngeli.
  5. Barca F. (2006). Istituzioni e sviluppo: lezioni dal caso italiano. Stato e mercato, 76: 4-13., 10.1425/21846DOI: 10.1425/21846
  6. Bowman et al. (2014). The end of the experiment? From competition to the foundational economy. New York: Palgrave Macmillan.
  7. Boyer R., Caillé A., Favereau O. (2008). Towards an Institutinalist Political Economy. Revue du MAUSS permanente.
  8. Bruni L.,Zamagni S. (2004). Economia civile. Efficienza, Equità, Felicità pubblica. Bologna: il Mulino.
  9. Castel R. (2010). Nella società degli individui. Note sulla dimensione socioantropologica della protezione sociale. Rivista delle politiche sociali, 4: 11-30.
  10. Consumers’ Forum (2013). “Consumatori, imprese, istituzioni: idee a confronto. Report volume II”. Roma.
  11. Della Sala V. (2004). The Italian model of capitalism: On the road between globalization and Europeanization? Journal of European Public Policy. Vol. 11: 1041-57.
  12. Di Benedetto M. (2013). Le liberalizzazioni e la costituzione. In: Mattarella B.G., Natalini A., a cura di, La regolazione intelligente. Un bilancio critico delle liberalizzazioni italiane. Bagni a Ripoli (Firenze): Passigli editore.
  13. Durkheim E. (1893). De la division du travail social. Paris: Alcan (trad. it.: La divisione del lavoro sociale. Milano: Comunità, 1962).
  14. Florio M. (2014). Stato, conoscenza e ricchezza delle nazioni. Il Mulino, 3: 492-497., 10.1402/7697DOI: 10.1402/7697
  15. Hahn R.W., Hird E.J. (1991). The costs and benefits of Regulation: Review and Synthesis. The Yale Journal of Regulation, Volume 8, 1: 233-278.
  16. Hall P.A., Soskice D., a cura di (2001). Varieties of Capitalism. The Institutional Foundations of Comparative Advantage. Oxford: Oxford University Press.
  17. Hörpner M., Schäfer A (2007). Una nuova fase dell’integrazione europea. Stato e mercato, 81: 378-407., 10.1425/2590DOI: 10.1425/2590
  18. Istituto Bruno Leoni (2013). “L’indice delle liberalizzazioni. Report annuale 2012”.
  19. Keynes J.M. (1936). The general theory of employment, interest and money. (trad. it.: Teoria generale dell’occupazione, dell’interesse, della moneta. Torino: Utet, 2006).
  20. La Spina A., Majone G. (2000). Lo Stato Regolatore. Bologna: il Mulino.
  21. Magliulo A. (1999). La Costituzione Economica dell’Italia nella Nuova Europa. Un’interpretazione storica. Studi e Note di Economia, 3: 162-189. Mattei U., Reviglio E. (2010). Le s.p.a. pubbliche, le privatizzazioni formali e le strutture giuridiche delle società che gestiscono servizi pubblici e beni comuni. In: Pennacchi L., cit.
  22. Mazzucato M. (2014). Lo stato innovatore. Roma-Bari: Laterza.
  23. Montesi C. (2010). Pubblico, privato, comune. Lezioni dalla crisi mondiale. La Rivista delle politiche sociali, 4: 137-160.
  24. Nuti Giovannetti F. (2001). La valutazione economica delle decisioni pubbliche. Dall’analisi costi benefici alle valutazioni contingenti. Torino: Giappichelli.
  25. Olson M. (1965). The Logic of Collective Action: Public Goods and the Theory of Groups. Cambridge MA.: Harvard University Press.
  26. Onida F. (2014). Lo stato catalizzatore. Il Mulino, 3: 498-504., 10.1402/7698DOI: 10.1402/7698
  27. Ostrom E. (2006). Governare i beni collettivi. Venezia: Marsilio.
  28. Parrini D. (2013). Rc-auto, un’indagine senza novità.
  29. Pedersini R. (2009). Le riforme dei servizi pubblici. Stato e mercato, 85: 95-126.
  30. Pennacchi L. a cura di (2010). Pubblico, privato, comune. Lezioni dalla crisi mondiale. Roma: Ediesse.
  31. Polanyi K. (1944). The Great Transformation. New York: Farrar & Rinehart (trad. it.: La grande trasformazione. Torino: Einaudi, 1974).
  32. Polanyi K. (1977). The Liveliwood of Man. New York: Academic Press (trad. it.: La sussistenza dell’uomo, Torino, Einaudi, 1983).
  33. Rodotà S. (2012). Il valore dei beni comuni. La Repubblica, 5 gennaio.
  34. Salvati M. (2006). Un commento. Stato e mercato, 1: 19-22., 10.1425/2184DOI: 10.1425/2184
  35. Salvati M. (2010). Capitalismo, mercato e democrazia. Bologna: il Mulino.
  36. Schmidt V. (2003). The Future of European Capitalism. Oxford: Oxford University Press.
  37. Smith A. (1776). An Inquiry into the Nature and causes of Wealth of Nations, Edinburgh (trad. it.: Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni. Milano: Isedi, 1976).
  38. Stiglitz J., Lin J., Monga C. (2013). Introduction: the Rejuvenation of Industrial Policy. In: Stiglitz J., Lin J., a cura di, The industrial Policy Revolution I: the Role of Government beyond Ideology. New York: Palgrave Macmillan.
  39. Trigilia C., Burroni L. (2009). Italy: rise, decline and restructuring of a regionalized capitalism. Economy and Society, vol. 38, n. 4: 630-653.
  40. Vannucci A., Cabeddu R. (2009). La sfida mancata dell’economia della conoscenza. L’impossibile liberalizzazione del sistema politico italiano. In: Società Libera, a cura di, VII Rapporto sul Processo di Liberalizzazione della Società Italiana. Milano: FrancoAngeli.
  41. Zamagni S. (2007). L’economia del bene comune. Roma: Città nuova.

Davide Arcidiacono, Rita Palidda, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 139/2015, pp. 107-122, DOI:10.3280/SL2015-139009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche