Clicca qui per scaricare

La competenza consultiva della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo dopo il Protocollo n. 16
Titolo Rivista: CITTADINANZA EUROPEA (LA) 
Autori/Curatori: Ermanno Calzolaio 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 103-122 Dimensione file:  72 KB
DOI:  10.3280/CEU2015-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente articolo prende in esame il Protocollo n. 16 della CEDU, che consente alle più alte giurisdizioni degli Stati aderenti di richiedere alla Corte di Strasburgo la pronuncia di pareri consultivi su questioni di principio relative all’interpretazione o all’applicazione dei diritti e delle libertà definiti dalla Convenzione e dai suoi protocolli. Al di là del dichiarato valore non vincolante dei pareri (art. 5), questo nuovo strumento potrà rafforzare il ruolo della Corte quale principale artefice di un sistema di tutela dei diritti umani a base essenzialmente giurisprudenziale, laddove ne verranno colte le potenzialità, nella prospettiva di un sempre più intenso dialogo tra i giudici nazionali e la Corte. In quest’ottica, l’Autore svolge anche alcune considerazioni critiche sul parere reso dalla Corte di Giustizia dell’UE nel dicembre 2014 con il quale ha ritenuto non conforme al diritto dell’Unione il progetto di adesione dell’UE alla CEDU


Ermanno Calzolaio, in "CITTADINANZA EUROPEA (LA)" 1/2015, pp. 103-122, DOI:10.3280/CEU2015-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche