Clicca qui per scaricare

I molteplici livelli dell’interazione nella comunicazione terapeutica: applicazioni cliniche della teoria
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Wilma Bucci 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 25-36 Dimensione file:  62 KB
DOI:  10.3280/RPR2015-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Attraverso la ripresa di alcuni passaggi salienti di quattro casi clinici l’Autrice fornisce una descrizione iconica e microanalitica del procedere delle tre fasi del processo referenziale - attivazione, simbolizzazione, riflessione - durante la seduta analitica. La fase finale dell’analisi di Katy, così come descritta da Bromberg, esemplifica la natura congiunta ed emotiva del processo di creazione di nuovi significati che avviene nelle tre fasi; le due psicoterapie senso-motorie, descritte da Ogden, mettono in risalto la natura eminentemente corporea, sensoriale e motoria degli schemi dell’emozione dissociati che è necessario ed utile attivare durante la terapia; infine il caso di Ann, descritto da Cornell, fornisce un esempio dell’imprescindibilità dell’attivazione nella relazione analitica dei vissuti corporei, sensoriali e motori che creano sofferenza nel paziente per poterli poi farli accedere al livello simbolico e con ciò favorire un cambiamento reale. A conclusione vengono evidenziati i molteplici ruoli che il linguaggio assume all’interno di ciascuna fase del processo referenziale.


Keywords: Teoria del codice multiplo, processo referenziale, creatività emotiva congiunta, corporeità, linguaggio

  1. Bromberg P. M. (2006). Introduction: When reality blinks. In: Bromberg P. M. (Ed.), Awakening the dreamer: Clinical journeys. Hillsdale, NJ: Analytic Press.
  2. Bucci W. (2011). The Role of Embodied Communication in Therapeutic Change: A Multiple Code Perspective. In: Tschacher W. & Bergomi C. (Eds), The Implications of Embodiment: Cognition and Communication, pp. 209-228. Exeter, UK: Imprint Academic.
  3. Bucci W. (2012). The Implications of Embodiment: Enactive, Clinical Social. Paper presented at the 17th Herbstakademie, Heidelberg, Germany.
  4. Bucci W. (2013). The enduring hope of shared creative exploration: some thoughts on the work of Philip Bromberg. Contemporary Psychoanalysis, 49(3), 420-436., 10.1080/00107530.2013.10779257DOI: 10.1080/00107530.2013.10779257
  5. Cornell W.F. (2008). Self in action: The bodily basis of self-organization. In: Anderson F.S. (Ed.), Bodies in Treatment. The Unspoken Dimension. Hillsdale, NJ: Analytic Press.
  6. Ogden P., Pain C., Fisher J. (2006). A sensorimotor approach to the treatment of trauma and dissociation. Psychiatric Clinics of North America, 29(1), 263-279., 10.1016/j.psc.2005.10.012DOI: 10.1016/j.psc.2005.10.012



  1. Attà Negri, Rachele Mariani, Livelli e codici multipli della mente, ovvero vincoli e possibilità della nostra relazione con il mondo in RICERCA PSICOANALITICA 3/2015 pp. 37, DOI: 10.3280/RPR2015-003004

Wilma Bucci, in "RICERCA PSICOANALITICA" 3/2015, pp. 25-36, DOI:10.3280/RPR2015-003003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche