Clicca qui per scaricare

«This Culture of Ours». The Role of Informal Institutions in the (Re)Development of China’s Urban Villages
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Guo Yu 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 74  Lingua: Inglese 
Numero pagine:  2 P. 54-55 Dimensione file:  235 KB
DOI:  10.3280/TR2015-074009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Osservare oggi le danwei, unità di lavoro socialiste, significa scoprire un interessante laboratorio di progetto urbano per la Pechino contemporanea. La loro presenza nel tessuto urbano testimonia ancora oggi l’organizzazione della città post- 1949, e offre un’esperienza urbana capace di mediare tra gli hutong e i «superblocchi» contemporanei. Una delle loro principali caratteristiche è la configurazione mista: nello stesso recinto fabbriche, case, scuole, palestre, club di lavoratori. Se guardiamo in particolare alle danwei industriali, ciò le rende «urbane» quasi per definizione, in contrapposizione con le fabbriche europee la cui scala, con poche eccezioni, rappresenta una frattura nel tessuto urbano. Il patrimonio industriale cinese si presta pertanto a pratiche di riuso dedicate non tanto al singolo oggetto, ma al tessuto urbano. È possibile immaginare strategie innovative di recupero delle danwei, ispirate alla tradizione europea dell’urbanistica dialogica, e basate su una ricca comprensione della stratificazione di memorie?


Keywords: Beijing; danwei; rigenerazione urbana

  1. He S., Liu Y., Wu F., Webster C., 2010, «Social Groups and Housing Differentiation in China’s Urban Villages: An Institutional Interpretation ». Housing Studies, 25, 5: 671-691., DOI: 10.1080/02673037.2010.483585
  2. Lin Y., De Meulder B., 2012, «A Conceptual Framework for the Strategic Urban Project Approach for the Sustainable Redevelopment of ‘Villages in the City’ in Guangzhou». Habitat International, 36, 3: 380-387., DOI: 10.1016/j.habitatint.2011.12.001
  3. Read B., 2014, «Theoretical Approaches to Neighbourhood Governance: Searching for Lost Treasure and Comparative Frameworks».
  4. In: Yip N. (ed.), Neighbourhood Governance in Urban China. Cheltenham: Edward Elgar, 25-39.
  5. S.a., 2014, Southern Metropolis Daily, 8 August, «Guangzhou xiancun gaizao bao fubai tiesanjiao» («The Corruption Triangle in the Redevelopment Process in Xian Village in Guangzhou»).
  6. Xinhua Agency, 10 January 2007, «Guangzhou 138tiao chengzhongcun sanyue qian jian huanweidui» («At the End of March 2007, there were in Total 138 Urban Villages with Environmental Protection Groups in Guangzhou»).
  7. Zhang L., Zhao S.X.B., Tian, J.P., 2003, «Selfhelp in Housing and chengzhongcun in China’s Urbanization». International Journal of Urban and Regional Research, 27: 912-937., DOI: 10.1111/j.0309-1317.2003.00491.x
  8. Zhou Z., 2014, «Towards Collaborative Approach? Investigating the Regeneration of Urban Village in Guangzhou, China». Habitat International, 44: 297-305., DOI: 10.1016/j.habitatint.2014.07.01

Guo Yu, in "TERRITORIO" 74/2015, pp. 54-55, DOI:10.3280/TR2015-074009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche