Clicca qui per scaricare

La schiavitù e le forme "minori" d’asservimento in prospettiva giuridico-storica
Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO 
Autori/Curatori: Joel Quirk 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 113-139 Dimensione file:  149 KB
DOI:  10.3280/MON2015-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Ovunque nel mondo la schiavitù è stata formalmente abolita. Eppure milioni di persone continuano a vivere intrappolate in situazioni d’asservimento che sembrano ricordare i sistemi schiavistici tradizionali. Quest’articolo affronta l’analisi delle forme contemporanee d’asservimento proponendo di esplorare le aree grigie di so vrapposizione concettuale fra la schiavitù, da un lato, e il lavoro forzato, la schiavitù a contratto, la schiavitù per debito e il traffico di esseri umani, dall’altro. Sul problema, gli storici della schiavitù e dell’abolizione hanno sviluppato due approcci. Il primo considera la schiavitù come una categoria gerarchicamente superiore e separata rispetto alle altre forme di asservimento, mentre il secondo insiste sulla loro sovrapposizione storica. Questo secondo approccio, che definiremo "combinato", si adatta meglio all’analisi delle ambiguità che hanno caratterizzato le esperienze d’asservimento dopo l’abolizione legale della schiavitù. Sotto il profilo politico e ideologico, esso aiuta a mettere in luce quanto sia problematica la diffusa costruzione concettuale della schiavitù come male eccezionale.


Keywords: Schiavitù, coercizione, traffico di esseri umani, lavoro forzato, asservimento, post-abolizione

Joel Quirk, in "MONDO CONTEMPORANEO" 2/2015, pp. 113-139, DOI:10.3280/MON2015-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche