Clicca qui per scaricare

Traiettorie e criticità della presenza delle lavoratrici anziane con bassa scolarità nel sistema occupazionale italiano
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori:  Tania Toffanin 
Anno di pubblicazione:  2015 Fascicolo: 140 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 81-97 Dimensione file:  118 KB
DOI:  10.3280/SL2015-140006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Dagli anni Duemila in Italia sono aumentate le lavoratrici anziane nel mercato del lavoro. Tuttavia, le trasformazioni economiche in atto su scala globale e la deregolazione del mercato del lavoro avvenuta su scala nazionale hanno reso discontinua e precaria la condizione occupazionale di queste lavoratrici, specie di quelle con bassa scolarita. L’articolo esamina la condizione delle lavoratrici anziane in Italia a partire dagli anni Duemila e presenta i risultati di una ricerca qualitativa svolta nel 2013 in Veneto. L’analisi del quadro nazionale e l’esame di quanto emerso nel corso della ricerca evidenziano la condizione di vulnerabilita che interessa le lavoratrici anziane a bassa scolarita: le recenti riforme pensionistiche e la casualizzazione dell’impiego impongono a queste lavoratrici il posticipo del pensionamento ma senza alcuna garanzia reddituale, contestualmente alla generale riduzione del finanziamento alla spesa sociale che allarga il loro carico di lavoro di cura.


Keywords: Lavoratrici anziane, lavoro riproduttivo, sistema famiglia-lavoro, rappresentanza sindacale

  1. Andreotti A., Fellini I. (2012). Dentro la crisi: partecipazione e occupazione femminili in un mercato del lavoro territorialmente diviso. Sociologia del lavoro, 126: 25-38., 10.3280/SL2012-12600DOI: 10.3280/SL2012-12600
  2. Arber S., Ginn J. (1991). Gender and Later Life: A Sociological Analysis of Resources and Constraints. London: Sage.
  3. Banca d’Italia (2013a). The Gender Wage Gap in Italy. Questioni di economia e finanza.
  4. Banca d’Italia (2013b). L’indebitamento e la vulnerabilita finanziaria delle famiglie nelle regioni italiane. Questioni di economia e finanza.
  5. Labour’s Changing and Singular Ambiguities. In: Colgan F., Ledwith S., a cura di, Gender, Diversity and Trade Unions: International Perspectives. London: Routledge.
  6. Betti G., Bettio F., Georgiadis T. and Tinios P. (2015). Unequal Ageing in Europe: Women’s Independence and Pensions. London, New York: Palgrave Macmillan.
  7. Carrera F., Toffanin T. (2015). Innovative Approaches to Age Diversity Management through Social Dialogue. An Immersion through Case Studies.
  8. In: Jubany O., Perocco F., a cura di, Vulnerable Workers in Times of Social Transformations. Discrimination and Participation of Young and Older Workers, and Social Dialogue Stances. Venezia: Edizioni Ca’ Foscari.
  9. Drury E. (1994). Age Discrimination against Older Workers in the European Union. The Geneva Papers on Risk and Insurance, 19: 496-502., 10.1057/gpp.1994.3DOI: 10.1057/gpp.1994.3
  10. Duncan C., Loretto W. (2004). Never the Right Age? Gender and Age‐based Discrimination in Employment. Gender, Work & Organization, 1: 95-115., 10.1111/j.1468-0432.2004.00222.DOI: 10.1111/j.1468-0432.2004.00222.
  11. Eurofound (2015). New Forms of Employment. Luxembourg: Publications Office of the European Union.
  12. Eurostat (2015). Gender Pay Gap Statistics.
  13. Faini R., Sapir A. (2005). Un modello obsoleto? Crescita e specializzazione dell’economia italiana. In: Boeri T. et al., a cura di, Oltre il Declino. Bologna: il Mulino.
  14. Federici S. (2004). Caliban and the Witch: the Body and Primitive Accumulation. New York: Autonomedia.
  15. Federici S. (2012). Revolution at Point Zero. Housework, Reproduction, and Feminist Struggle. Oakland: PM Press.
  16. Gereffi G., Humphrey J., Sturgeon T. (2005). The Governance of Global Value Chains. Review of International Political Economy, 1: 78-104., 10.1080/0969229050004980DOI: 10.1080/0969229050004980
  17. Hofacker D. (2010), Older Workers in a Globalizing World: An International Comparison of Retirement and Late-Career Patterns in Western Industrialized Countries. Cheltenham, Northampton: Edward Elgar Publishing.
  18. ILO (1999). Decent Work. Report of the General Director to the 87th Session of the International Labour Conference.
  19. ILO (2001). Reducing the Decent Work Deficit: A Global Challenge. Report of the General Director to the 89th Session of the International Labour Conference.
  20. Inps, Istat (2014). Trattamenti pensionistici e beneficiari
  21. Lussana F. (2012). Il movimento femminista in Italia. Esperienze, storie, memorie. Roma: Carocci.
  22. Mies M. (1986). Patriarchy and Accumulation on a World Scale. Women in the International Division of Labour. London: Zedpress.
  23. Moore S. (2009). ‘No Matter What I Did I Would Still End Up in the Same Position’. Age as a Factor Defining Older Women’s Experience of Labour Market Participation. Work, Employment and Society, 23(4): 655-671., 10.1177/095001700934487DOI: 10.1177/095001700934487
  24. Naldini M. (2014). Politiche e pratiche: I confini di genere della cura. Rassegna Italiana di Sociologia, 3: 439-464.
  25. Naldini M., Saraceno C. (2011). Conciliare famiglia e lavoro. Vecchi e nuovi patti tra sessi e generazioni. Bologna: il Mulino.
  26. Pirone F. (2010). La transizione dall’occupazione al pensionamento. Roma: Ediesse.
  27. Pleck J.H. (1977). The Work-family Role System. Social Problems, 24(4): 417-427.
  28. Ponzellini A. M. (2006). Work-life Balance and Industrial Relations in Italy. European Societies, 8(2): 273-294., 10.1080/1461669060064504DOI: 10.1080/1461669060064504
  29. Pugliese E. (2011). La terza età. Anziani e società in Italia. Bologna: il Mulino.
  30. Righi M.L. (2008). Il lavoro delle donne e le politiche del sindacato: dal boom economico alla crisi degli anni Settanta. In: Chianese G., a cura di, Mondi femminili in cento anni di sindacato, vol. II. Roma: Ediesse.
  31. Saraceno C. (2003). Mutamenti della famiglia e politiche sociali in Italia. Bologna: il Mulino.
  32. Saraceno C. (2006). Introduzione. Usi e abusi del termine conciliazione. Economia & lavoro, 1: 31-34.
  33. Saraceno C. (2014). Simmetrie perverse. I paradossi delle politiche di contrasto alla poverta negli anni della crisi in Italia. Politiche Sociali, 1: 27-40.
  34. Simonazzi A. (2008). Care Regimes and National Employment Models. Cambridge Journal of Economics, 33: 211-232.
  35. Simonazzi A. (2014). Back to the Mediterranean Model? Italy’s Reopening Gap with the ‘European Social Model’. Economia & Lavoro, 2: 109-122.
  36. Sontag S. (1978). The Double Standard of Ageing. In: Carver I., Liddiard P., a cura di, An Ageing Population: A Reader and Sourcebook. Suffolk: Hodder and Stoughton in association with the Open University Press.
  37. Tattara G., Gianelle C. (2006). Produrre all’estero e fare profitti in patria: uno studio sulle imprese venete dell’abbigliamento e delle calzature. In: Coro G.,
  38. Tattara G., Volpe M., a cura di, Andarsene per continuare a crescere. Roma:
  39. Carocci. Villa P. (2009). La difficile strada verso l’indipendenza economica per le donne in Italia: dalla protezione nella famiglia al lavoro retribuito. Economia & Lavoro, 2: 41-62.
  40. Viviani G. (2010). Il lavoro irregolare in Italia. Un’analisi longitudinale dei percorsi lavorativi. Stato e Mercato, 88: 149-180.
  41. Walker A. (1997). Combating Age Barriers in Employment. Luxembourg: Office of Official Publications of the European Communities.
  42. Werlhof C. v. (2011). The Failure of Modern Civilization and the Struggle for a ‘Deep’ Alternative: On ‘Critical Theory of Patriarchy’ as a New Paradigm. Frankfurt am Main: Peter Lang.
  43. West K., Hussein A., Burke C. (2015). Age Discrimination and Age Diversity Management within Vulnerable Groups. In: Jubany O., Perocco F., a cura di, Vulnerable Workers in Times of Social Transformations. Discrimination and Participation of Young and Older Workers, and Social Dialogue Stances. Venezia: Edizioni Ca’ Foscari.

Tania Toffanin, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 140/2015, pp. 81-97, DOI:10.3280/SL2015-140006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche