Clicca qui per scaricare

Dall’equivalenza all’inquadramento: i nuovi limiti ai mutamenti "orizzontali" delle mansioni
Titolo Rivista: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Autori/Curatori: Carlo Pisani 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 149 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 149-165 Dimensione file:  87 KB
DOI:  10.3280/GDL2016-149007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 





  1. Assanti C. (1967). Rilevanza e tipicità del contratto collettivo. Milano: Giuffrè.
  2. Baldissera A. (1982). Professionalità: un solo termine per molti significati. SO, p. 191 ss.
  3. Basenghi F. (1990). La figura del dirigente nell’elaborazione dottrinale e giurisprudenziale. DL, p. 38 ss.
  4. Calcaterra L. (2014). Brevi riflessioni sulle tecniche normative nella legislazione della flessibilità. ADL, p. 1286 ss.
  5. Cataudella A. (1973). La dignità del lavoratore (considerazioni sul titolo 1° dello Statuto dei lavoratori). DL, I, p. 5 ss.
  6. D’Antona M. (1990). Contrattazione collettiva e autonomia individuale nei rapporti di lavoro atipici. DLRI, p. 529 ss.
  7. De Luca Tamajo R. (2015). Licenziamento disciplinare, clausole elastiche, “fatto” contestato. ADL, 2015, p. 269 ss.
  8. De Luca Tamajo R., Bianchi D’Urso A. (1990). La mobilità professionale dei lavoratori. LD, p. 233 ss.
  9. Dell’Olio M. (1984). Nuove forme di lavoro dipendente. MGL, p. 668 ss.
  10. Gallino L. (1983). Informatica e qualità del lavoro. Torino: Einaudi.
  11. Garilli A. (1989). Innovazione tecnologica e statuto dei lavoratori: i limiti ai poteri dell’imprenditore tra tutela individuale e collettiva. QDLRI, p. 181 ss.
  12. Giugni G. (1963). Mansioni e qualifiche nel rapporto di lavoro. Napoli: Morano.
  13. Giugni G. (1975). Mansioni e qualifica. Enc. Dir., XXV. Milano: Giuffrè.
  14. Giugni G. (1986). Giuridificazione e deregolazione nel diritto del lavoro italiano. DLRI, p. 317 ss.
  15. Grandi M. (1973). Intervento. In: Aa.Vv., Mansioni e qualifiche dei lavoratori: evoluzione e crisi dei criteri tradizionali. Atti delle Giornate di studio di Pisa, 26-27 maggio 1973. Milano: Giuffré.
  16. Ichino P. (1996). Il lavoro e il mercato. Milano: Mondadori.
  17. Liso F. (1982). La mobilità del lavoratore in azienda. Il quadro legale. Milano: Franco Angeli.
  18. Liso F. (1986). Categorie giuridiche. Enc. giur. Treccani. Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana.
  19. Liso F. (1987). L’incidenza delle trasformazioni produttive. QDLRI, p. 11 ss.
  20. Liso F. (1998). Autonomia collettiva e occupazione. DLRI, p. 191 ss.
  21. Liso F. (2015). Brevi osservazioni sulla revisione della disciplina delle mansioni contenuta nel decreto legislativo n. 81/2015 e su alcune recenti tendenze di politica legislativa in materia di rapporto di lavoro. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 257/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Brevi-osservazioni-sulla-revisione-della-disciplina-delle-mansioni-contenuta-nel-decreto-legislativo/5416.aspx (consultato il 2.12.2015).
  22. Mancini G.F. (1966). Le categorie dei prestatori di lavoro nell’ordinamento italiano. RTDPC, p. 893 ss.
  23. Mengoni L. (1985). I poteri dell’imprenditore. In: Id., Diritto e valori. Bologna: il Mulino.
  24. Nogler L. (2012). Crescita economica e riforma della disciplina dei rapporti di lavoro. MGL, p. 450 ss.
  25. Opez De Oñate F. (1942). La certezza del diritto. Roma: Gismondi.
  26. Perone G. (1986). Lo statuto dei lavoratori. In: Rescigno P., diretto da, Trattato di diritto privato. Vol. 15 (II). Torino: Utet.
  27. Persiani M. (2002). Radici storiche e nuovi scenari del diritto del lavoro. In: Aa.Vv., Interessi e tecniche nella disciplina del lavoro flessibile. Atti del convegno A.I.D.La.S.S. Pesaro-Urbino, 24-25 maggio 2002. Milano: Giuffrè, p. 629 ss.
  28. Pisani C. (1987). I controlli a distanza sui lavoratori. DLRI, p. 121 ss.
  29. Pisani C. (1988). Rapporto di lavoro e nuove tecnologie: le mansioni. DLRI, p. 293 ss.
  30. Pisani C. (1996). La modificazione delle mansioni. Milano: Giuffrè.
  31. Pisani C. (2004). Formazione professionale “continua”, equivalenza delle mansioni, giustificato motivo oggettivo di licenziamento. MGL, p. 396 ss.
  32. Pisani C. (2009). Mansioni e trasferimento nel lavoro privato e pubblico. Torino: Giappichelli.
  33. Pisani C. (2013a). Il lavoro: strumento o fine?. MGL, p. 122 ss.
  34. Pisani C. (2013b). Lo jus variandi: le questioni dommatiche irrisolte e dimenticate nel diritto del lavoro. MGL, p. 738 ss.
  35. Pisani C. (2015a). La nuova disciplina del mutamento delle mansioni. Torino: Giappichelli.
  36. Pisani C. (2015b). Il nuovo regime di tutele per il licenziamento ingiustificato. In: Aa.Vv., Jobs Act e licenziamento. Torino: Giappichelli.
  37. Roppo V. (2011). Il contratto. Milano: Giuffrè.
  38. Scarpelli F. (1994). Professionalità e nuovi modelli di organizzazione del lavoro: le mansioni. DRI, p. 43 ss.
  39. Tosi P. (1979). Mutamento di mansioni, equivalenza e trasferimento dei lavoratori. MGL, p. 713 ss.
  40. Mengoni L., (1985). Le modificazioni del rapporto di lavoro alla luce dello statuto dei lavoratori. In: Id., Diritto e valori. Bologna, il Mulino, p. 371 ss.
  41. Mengoni L. (1985a). I poteri dell’imprenditore. In: Id., Diritto e valori. Bologna: il Mulino, p. 402 ss.
  42. Mengoni L. (1985b). Legge e autonomia collettiva. In: Id., Diritto e valori. Bologna: il Mulino, p. 287 ss.
  43. Mengoni L. (1985c). Relazione conclusiva. RIDL, I, p. 896 ss.
  44. Mengoni L. (1994). L’argomentazione orientata alle conseguenze. RTDPC, p. 1 ss.
  45. Miscione M. (2015). Jobs Act: le mansioni e la loro modificazione. LG, p. 437 ss.
  46. Napoletano D. (1968). Categorie, qualifiche e mansioni nel rapporto di lavoro. Roma.
  47. Natoli U. (1956). Sicurezza, libertà, dignità del lavoratore nell’impresa. DL, I, p. 3 ss.
  48. Pera G. (1990). Le rinunce e transazioni del lavoratore. Art. 2113. In: Schlesinger P., diretto da, Il codice civile. Commentario. Milano, Giuffré.
  49. Persiani M. (1971). Prime osservazioni sulla nuova disciplina delle mansioni e dei trasferimenti dei lavoratori. DL, p. 11 ss.
  50. Perulli A. (2015). Il contratto a tutele crescenti e la Naspi: un mutamento di “paradigma” per il diritto del lavoro? In: Fiorillo L., Perulli A., a cura di, Contratto a tutele crescenti e Naspi. Torino: Giappichelli, p. 3 ss.
  51. Pisani C. (1996). La modificazione delle mansioni. Milano: Giuffrè.
  52. Pisani C. (2012). La rilegificazione della equivalenza delle mansioni nel lavoro pubblico contrattualizzato. MGL p. 828 ss.
  53. Pisani C. (2015). La nuova disciplina del mutamento delle mansioni. Torino: Giappichelli.
  54. Riccobono A. (2014a). Mansioni esigibili ed equivalenza professionale nel lavoro pubblico e privato: un’ipotesi di «cross fertilization» tra modelli regolativi della mobilità introaziendale?. ADL, I, p. 993 ss.
  55. Riccobono A. (2014b). Ancora sull’equivalenza delle mansioni nel lavoro pubblico e privato: interferenze reciproche e circolazione dei modelli regolativi nella più recente evoluzione normativa. ADL, p. 1341 ss.
  56. Romagnoli U. (1972). Sub art. 13. In: Ghezzi G., Mancini F., Montuschi L., Romagnoli U., a cura di, Statuto dei lavoratori. In: Scialoja A., Branca G., diretto da, Commentario al codice civile. Bologna-Roma: Zanichelli, p. 174 ss.
  57. Romagnoli U. (1979). Sub Art. 1. In: Ghezzi G., Mancini F., Montuschi L., Romagnoli U, a cura di, Statuto dei lavoratori. In: Scialoja A., Branca G., diretto da, Commentario al codice civile. Bologna-Roma: Zanichelli, p. 1 ss.
  58. Scarpelli F. (1994). Professionalità e nuovi modelli di organizzazione del lavoro: le mansioni. DRI, p. 52 ss.
  59. Speziale V. (2014). Le politiche del lavoro del Governo Renzi: il Jobs act e la riforma dei contratti e di altre discipline del rapporto di lavoro. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 233/2014. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/ workingpapers/Le-politiche-del-lavoro-del-Governo-Renzi-il-Jobs-Act-e-la-riforma-dei-contratti-e-di-altre-discipli/5254.aspx (consultato il 2.12.2015).
  60. Speziale V. (2015). Il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti tra law and economics e vincoli costituzionali. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 259/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Il-contratto-a-tempo-indeterminato-a-tutele-crescenti-tra-law-and-economics-e-vincoli-costituzionali/5419.aspx (consultato il 2.12.2015).
  61. Suppiej G. (1975). Sub art. 13. In: Prosperetti U., diretto da, Commentario dello Statuto dei lavoratori. Milano: Giuffrè, p. 334 ss.
  62. Tosi P. (2015). L’art. 2, comma 1, d. lgs. n. 81/2015: una norma apparente?. ADL, in corso di pubblicazione.
  63. Tullini P. (1998). Le mansioni nel lavoro pubblico (un’idea incompiuta di privatizzazione). LD, p. 181 ss.
  64. Tullini P. (2008). Indisponibilità dei diritti dei lavoratori: della tecnica al principio e ritorno. DLRI, p. 423 ss.
  65. Vendramin M. (2009). L’equivalenza delle mansioni nel lavoro pubblico “privatizzato” all’indomani della riforma Brunetta tra modelli negoziali e interpretazioni giudiziali. LPA, I, p. 997 ss.
  66. Voza R. (2015). Autonomia privata e norma inderogabile nella nuova disciplina del mutamento di mansioni. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 262/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Autonomia-privata-e-norma-inderogabile-nella-nuova-disciplina-del-mutamento-di-mansioni/5424.aspx (consultato il 2.12.2015).



  1. Bruno Caruso, Strategie di flessibilità funzionale e di tutela dopo il Jobs Act: fordismo, post fordismo e industria 4.0 in GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI 157/2018 pp. 81, DOI: 10.3280/GDL2018-157003
  2. Chiara Lazzari, La tutela della dignità professionale del lavoratore in GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI 156/2017 pp. 663, DOI: 10.3280/GDL2017-156002

Carlo Pisani, in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 149/2016, pp. 149-165, DOI:10.3280/GDL2016-149007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche