Clicca qui per scaricare

L’improbabile alambicco, ovvero lo strano caso dell’identificazione proiettiva
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori:  Gian Paolo Scano 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 93-119 Dimensione file:  117 KB
DOI:  10.3280/RPR2016-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’opinione assai condivisa secondo cui l’identificazione proiettiva descrive fe-nomeni onnipresenti e facilmente osservabili si dimostra infondata. All’analisi si rivela, invece, un concetto fondato su un’epistemologia bizzarra, che, dal punto di vista teorico, sembra contraddire le concezione correnti sul transfert e il controtransfert, vertenti sullo stesso materiale clinico di riferimento. L’identificazione proiettiva, più che descrivere un fenomeno e una misteriosa prestazione psichica della coppia terapeutica, mira a risolvere in modo improprio il problema più grave della teoria tradizionale che, costruita sull’assunto del punto di vista intrapsichico, fatica a rendere conto della sostanza intersoggettiva della relazione terapeutica. Trattando le interazioni come se fossero processi intrapsichici, essa consente di aggirare la necessità di modificare il quadro teorico di base, evitando il problema di stabilire quali cambiamenti teorici e clinici sarebbe necessario affrontare, se si dovesse accettare l’asserto che oggetto della teoria e della terapia sono le interazioni e non i vissuti intrapsichici della mente isolata.


Keywords: Identificazione proiettiva, epistemologia, transfert e controtransfert, intersoggettività, relazione terapeutica

  1. Aron L. (1996). Trad. it.: Menti che si incontrano. Milano: Cortina.
  2. Baranger W. (1971). Position y objeto en la obra de Melanie Klein. Buenos Aires: Kagierman.
  3. Bion W.R. (1959a). Trad. it.: Esperienze nei gruppi. Roma: Armando, 1971.
  4. Bion W.R. (1959b). Trad. it.: Attacchi al legame. Analisi degli schizofrenici e metodo psicoanalitico. Roma: Armando, 1970.
  5. Bolko M., Merini A. (1991). Osservazioni sulla identificazione proiettiva: “Througt the looking glass”. Psic.Sc. Um., 25, 4: 19-34.
  6. Di Chiara G., Flegenheimer F. (1985). Identificazione proiettiva. Riv. di psicoan., 31, 2, 233-243.
  7. Eagle M. N. (2000). Trad. it.: Una valutazione critica delle attuali concettualizzioni su transfert e controtransfert, Psic. Sc. Um., XXXIV, 2.
  8. Ferro A. (1987). Il mondo alla rovescia. Riv. di Psicoan. 33, 1, 59-77.
  9. Gill M.M. (1994). Trad. it.: Psicoanalisi in transizione. Milano: Cortina, 1996.
  10. Grinberg L. (1962). On a specific aspect of countertransference due to the patient’s projective identification. Int. J. of Phychoanal., 43: 436-440.
  11. Heimann P. (1950). On Counter-Transference. Int. J. of Psychoanal., 31: 81-84.
  12. Klein M. (1932). Trad. it.: La psicoanalisi dei bambini. Firenze: Martinelli, 1969.
  13. Klein M. (1946). Notes on some schizoid mechanisms. Trad. it. in: Scritti, 1921-1950. Torino: Boringhieri, 1978.
  14. Klein M. (1955). On identification. Trad. it. In: Nuove vie della psicoanalisi. Milano: Il Saggiatore, 1966.
  15. Malin A., Grotstein J. (1966). Projective Identification in the Therapeutic Process. Int. J. Psycho-Anal., 47: 26-31.
  16. Massidda G.B. (2009). Identificazione proiettiva. Milano: Lampi di stampa.
  17. Meltzer D. (1967). Trad. it.: Il processo psicoanalitico. Roma: Armando, 1973.
  18. Ogden T.H. (1979). On Projective Identification. Int. J. Psychoanal., 60: 357-373.
  19. Ogden T.H (1991). Trad. it.: L’identificazione proiettiva e la tecnica psicoterapeutica. Roma: Astrolabio, 1994.
  20. Racker H. (1952). Observaciones sobre la contratransferencia como instrumento tecnico. Rev. Psicoanal, 9.
  21. Racker H. (1953). A contribution to the problem of counter-transference. Int. J. Psychoan., 34.
  22. Racker H. (1968). Trad. it.: Studi sulla tecnica psicoanalitica. Transfert e controtransfert. Roma: Astrolabio, 1970.
  23. Rosenfeld H. (1969). Sull’identificazione proiettiva, Riv. di psicoan. 26, 1: 118-139.
  24. Sandler (1976). Trad. it.: Controtransfert e risonanza di ruolo. In: Albarella C., Donadio M. (a cura di), Il controtransfert. Napoli: Liguori, 1986.
  25. Scano G.P. (2006). L’interazione come oggetto formale della psicoanalisi. Internet ed.: www.psychomedia.it/pm/indther/psanndx1.htm.
  26. Scano G. P. (2013). Narrazioni e narranti: verso una teoria generale dell’interazione terapeutica. In: Cavicchioli G. (a cura di). Io-Tu-Noi. L’intersoggettuività duale e gruppale in psicoanalisi. Milano: FrancoAngeli.
  27. Scano G.P. (2015). La mente del corpo: intenzionalità e inconscio della coscienza, Milano: FrancoAngeli.
  28. Searles H. (1963). Trad. it.: La psicosi di traslazione nella psicoterapia della schizofrenia cronica. In: Scritti sulla schizofrenia. Torino: Borinhieri, 1974.
  29. Turillazzi Manfredi S. (1985). L’unicorno. Saggio sulla fantasia e l’oggetto nel concetto di identificazione proiettiva. Riv. di psicoan., 31, 4: 462-477.
  30. Wallerstein R. S. (1988). Trad. it.: Una o molte psicoanalisi?. Gli argonauti, 1989, 43: 253-276.
  31. Wallerstein R. S. (1990). Trad. it.: Psicoanalisi: gli elementi comuni, in: Wallerstein R. S. (a cura di Lang M.) Psicoanalisi e psicoterapia. Milano: FrancoAngeli, 1993.
  32. Winnicott D. W. (1949). Trad. it.: L’odio nel controtransfert. In: Albarella C., Donadio M. (a cura di), Il controtransfert. Saggi psicoanalitici. Napoli: Liguori Editore, 1998

Gian Paolo Scano, in "RICERCA PSICOANALITICA" 2/2016, pp. 93-119, DOI:10.3280/RPR2016-002007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche