Clicca qui per scaricare

Dialogare con gli insegnanti, un approccio psicoanalitico. Tirocinio di lettura delle emozioni
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Sara Micotti 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 56-69 Dimensione file:  171 KB
DOI:  10.3280/INT2016-001005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La scuola ha l’obiettivo della crescita delle competenze cognitive ed emotive di bambini e ragazzi, in un mondo in trasformazione. La classe è un microcosmo in cui prendono vita passioni, condivisioni, alleanze, esclusioni e - a livello profondo - movimenti identificativi, scissioni, proiezioni, integrazioni. Il lavoro rifletterà sull’esperienza di Gruppi Balint rivolti a insegnanti di scuola elementare e media (insieme), a Milano. Gruppi che hanno perseguito l’obiettivo della promozione della relazione con l’altro, attraverso la visione di estratti di grandi film, l’osservazione, la riflessione nel gruppo. Nel saggio si documenta il lavoro trasformativo sull’insieme delle emozioni e dei vissuti di controtransfert che la relazione con lo studente mobilita nell’insegnante e l’apertura a nuove possibilità di comprensione. La preside delle scuole con cui collaboro parteciperà alla scrittura con un commento, presentando una cornice pedagogica di riferimento per connettere le esperienze documentate nell’articolo con alcuni recenti studi sul tema. Infine, inquadrerà le trasformazioni del mondo scuola, per meglio capire le finalità, gli obiettivi formativi, i traguardi degli studenti e le sfide attuali.


Keywords: Gruppo Balint con insegnanti, emozioni e apprendimento, cinema, alfabetizzazione delle emozioni.

  1. Adamo S. (2001). Osservare e creare legami. In: Progetto infanzia zero-sei anni del Comune di Napoli (a cura di), Passaggi. Bergamo: Junior.
  2. Balint M. (1957). Medico Paziente e Malattia. Milano: Feltrinelli, 1961.
  3. Balint E. et al. (1993). The doctor the patient and the group: Balint revisited. London: Routledge.
  4. Baricco A. (2008). I barbari. Milano: Feltrinelli.
  5. Bion W.R. (1970). Attenzione e interpretazione. Roma: Armando, 1973.
  6. Bondioli A., Ferrari M. (2004) (a cura di). Educare la professionalità degli operatori per l’infanzia. Bergamo: Junior.
  7. Ciavaldini A., Ruffiot A. (1999). La prima consultazione familiare e l’indicazione. Interazioni, 2: 19-26.
  8. Collovà M. (2013). Il setting come luogo delle trasformazioni possibili. In: Ferro A., Psicoanalisi oggi. Roma: Carocci Editore.
  9. Dartington T., et al. (1992). Bambini in ospedale. Napoli: Liguori, 1992.
  10. De Vita C., Grassi L. (2015). Nostalgia e migrazione: sospensioni e transizioni identitarie. Relazione presentata alla Giornata di studio “La trama delle prime relazioni: rotture e trasformazioni”, Milano, CBDI ONLUS, 9 ottobre 2015.
  11. Ferro A. (1995). Giocare e pensare. In: Noziglia M. (a cura di), Giocare e pensare. L’osservazione del bambino come momento di formazione. Milano: Edizioni Angelo Guerini.
  12. Ferro A. (2002). Fattori di malattia fattori di guarigione. Genesi e cura della sofferenza psichica. Milano: Raffaello Cortina.
  13. Ferro A. (2009). Contenibilità ed incontenibilità delle emozioni. Decostruzione e rinarrazione. In: Pellicanò W. (a cura di), Aggressività, Trasformazione e Contenimento. Un seminario con Antonino Ferro. Roma: Borla.
  14. Ferro A. (2013). Modello onirico della mente. In: Ferro A., Psicoanalisi oggi. Roma: Carocci.
  15. Ferro A. (2014). Le viscere della mente. Milano: Raffaello Cortina.
  16. Ferruta A. (2010). Il Seminario clinico di gruppo come esperienza analitica, accanto all’analisi e alla supervisione. In: Gabbriellini G. (a cura di), Giovanni Hautmann e il pensiero gruppale. Pisa: Felici Editore.
  17. Freud S. (1914). La psicologia del ginnasiale. OSF, vol. 7. Torino: Bollati Boringhieri.
  18. Gallese V., Guerra M. (2015). Lo Schermo Empatico. Cinema e Neuroscienze. Milano: Raffaello Cortina.
  19. Giori F. (1998) (a cura di). Adolescenza e rischio. Milano: FrancoAngeli.
  20. Holmes J. (1993). La teoria dell’attaccamento. Milano: Raffaello Cortina, 1994.
  21. Kaës, R. (2003). Aspetti del complesso fraterno nel gruppo dei primi psicoanalisti. In: Algini M.L. (a cura di), Fratelli. Quaderni di Psicoterapia Infantile, 47. Roma: Borla.
  22. Kernberg P. et al. (2000). I Disturbi della personalità nei bambini e negli adolescenti. Roma: Giovanni Fioriti, 2001.
  23. Lancini M. (2004). Ascolto a scuola. La consultazione con l’adolescente. Milano: FrancoAngeli.
  24. Lancini M. (2015). Adolescenti navigati. Come sostenere la crescita dei nativi digitali. Trento: Erickson.
  25. Levine H.B. (2013). The colourless canvas: representation, therapeutic action, and the creation of mind. In: Levine H.B., Reed G.S., Scarfone D., Unrepresented states and the construction of meaning. London: Karnac.
  26. Meltzer D. (1991). Introduzione. In: Costantino A., Noziglia M., Osservazione del bambino e formazione degli educatori. Milano: Unicopli.
  27. Meltzer D., Harris M. (1983). Il ruolo educativo della famiglia. Torino: Centro Scientifico Editore, 1986.
  28. Menzies Lyth I. (1988). Containing Anxiety in Istitutions. London: Free Association Books.
  29. Midgley N., Vrouva I. (2012). La Mentalizzazione nel ciclo di vita. Interventi con bambini, genitori e insegnanti. Milano: Raffaello Cortina, 2014.
  30. Moroni A.A. (2011). Giovani a disagio. Psicopatologia dell’individuo e del gruppo nell’adolescente di oggi. Forlì: Foschi.
  31. Noziglia M. (1986). Le alternative dell’asilo nido: adattamento o crescita del bambino. Milano: Hoepli.
  32. Ogden T. (2005). L’arte della psicoanalisi. Sognare sogni non sognati. Milano: Cortina, 2008.
  33. Ogden T. (2008). Riscoprire la psicoanalisi. Pensare e sognare, imparare e dimenticare. Milano: CIS, 2009.
  34. Rossi-Doria M. (2011) (a cura di). Genitori e insegnanti. Roma: Astrolabio.
  35. Salzberger-Wittenberg I. et al. (1983). L’esperienza emotiva nel processo di insegnamento e di apprendimento. Napoli: Liguori, 1993.
  36. Salzberger-Wittenberg I. (2013). Sulla fine e sull’inizio. Roma: Astrolabio, 2015.
  37. Vallino Macciò D. (1995). Il gioco di immaginazione dei bambini con l’educatrice che osserva, ascolta e aiuta. In: Noziglia M. (a cura di), Giocare e pensare. L’osservazione del bambino come momento di formazione. Milano: Edizioni Angelo Guerini.
  38. Viola M. (1991). Dal disagio alle nuove competenze: un metodo e una prospettiva per l’identità dell’educatore. In: Costantino A., Noziglia M., Osservazione del bambino e formazione degli educatori. Milano: Unicopli.

Sara Micotti, in "INTERAZIONI" 1/2016, pp. 56-69, DOI:10.3280/INT2016-001005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche