Clicca qui per scaricare

Empatia e psicoterapia sistemica. Implicazioni teoriche e cliniche
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Luigi Onnis 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 110 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 13-36 Dimensione file:  638 KB
DOI:  10.3280/TF2016-110003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore, dopo aver proposto una definizione e una breve ricostruzione storica del concetto di empatia, prende in considerazione i contributi scientifici che richiamano oggi grande interesse sull’empatia: quelli della psicologia dello sviluppo, attraverso, in particolare, l’importanza della intersoggettività e quelli delle neuroscienze, attraverso la funzione dei neuroni specchio. Emerge che l’empatia è un costrutto relazionale che implica una condivisione su base essenzialmente emozionale e affettiva, prima ancora che cognitiva, mediata da linguaggi impliciti, specificamente corporei. Queste caratteristiche relazionali dell’empatia si sposano perfettamente con la psicoterapia sistemica che pone l’importanza della relazione di intersoggettività tra i suoi principi ispiratori e che valorizza l’uso di linguaggi analogici nel lavoro terapeutico proprio per favorire la circolazione emozionale tra terapeuta e famiglia. Viene presentato un caso clinico in cui l’osservazione dell’empatia tra i membri della famiglia e col terapeuta è favorita dal metodo analogico delle Sculture del Tempo Familiare. Nella parte finale vengono anche discussi i rischi di una sopravvalutazione dell’empatia come fattore che da solo può produrre cambiamento.


Keywords: Empatia, intersoggettività, neuroni specchio, terapia sistemica, linguaggi impliciti, Sculture del Tempo Familiare

  1. Baron-Cohen S. (1995). L’autismo e la lettura della mente (trad. it.: Roma: Astrolabio, 1997).
  2. Bateson G. (1976). Verso un’ecologia della mente. Milano: Adelphi.
  3. Bonino S., Lo Coco A., Tani F. (1998). Empatia. I processi di condivisione delle emozioni. Firenze: Giunti.
  4. Borke H. (1971). Interpersonal perception of young children: egocentrism or empathy? Developmental Psychology, 5: 263-296.
  5. Boszormeny Nagy I., Spark J. (1988). Lealtà invisibili. Roma: Astrolabio.
  6. Buder M. (1923-1970). I and you (english translation by W. Kauffman), New York: Touchstone.
  7. Ceccarelli M., Pugliatti M., Avallone E., Brescia G., Cimmino M., Valente M., Farina B. (2013). L’organizzazione gerarchica dei processi cognitivi: dalle social neurosciences alla pratica clinica. Psicobiettivo, 2: 107-128.
  8. Damasio A. (1995). L’errore di Cartesio. Milano: Adelphi.
  9. Damasio A. (2000). Emozioni e coscienza. Milano: Adelphi.
  10. Decety J., Jackson P.L. (2004). The functional architecture of human empathy. Behavioral Cognitive Neuro Sciences Review, 3: 71-100.
  11. Eisenberg N., Strayer J. (1987). Empathy and its development. New York: Cambridge Univ. Press.
  12. Elkaim M. (1989). Si tu m’aimes ne m’aimes pas. Paris: Le Seuil.
  13. Fodor J. (1992). A theory of the child’s theory of mind. Cognition, 44: 283-296.
  14. Freud S. (1899). L’interpretazione dei sogni (trad. it.: Torino: Boringhieri, 1989). Gallese V. (2005). Emboded simulation: from neurons to phenomenal experience. Phenomenology and the Cognitive Science, 4: 23-48.
  15. Gallese V. (2015). Sé corporei in relazione: simulazione incarnate come prospettiva in seconda persona sull’intersoggettività. In: Onnis L. (a cura di), Una nuova alleanza tra psicoterapia e neuroscienze: dall’intersoggettività ai neuroni specchio. Dialogo tra D. Stern e V. Gallese. Milano: FrancoAngeli.
  16. Gallese V., Fadiga L., Fogassil., Rizzolatti G. (1996). Action recognition in premotor cortex. Brain, 119: 593-601.
  17. Gallese V., Migone P., Eagle M. (2006). La simulazione incarnata e i neuroni specchio. Le basi neurofisiologiche dell’intersoggettività ed alcune implicazioni per la psicoanalisi. Psicoterapia e Scienze Umane, 40, 3: 543-580.
  18. Hobson R.P. (2002). The cradle of thought. London: Pan Mc Millan.
  19. Hoffman M.L. (1982). Development of prosocial motivation: empathy and quilt. In:
  20. Eisemberg N. (ed.), The development of prosocial behavior. New York: Academic Press.
  21. Kandel E.R. (1999). Biology and the future of Psychoanalysis: a new intellectual frame work for psychiatry. American J. of Psychiatry, 156: 505-524.
  22. Kohut H. (1971). The analysis of the self. New York: International Univ. Press (trad. it.: Narcisismo e analisi del Sé. Torino: Boringhieri, 1976).
  23. Le Doux J. (1998). Il cervello emotivo. Milano: Baldini, Castoldi.
  24. Lipps T. (1905). Das wissen von fremden ichen. Psychologische Untersuchungen, 4: 694-722.
  25. Meltloff A.N., Moore M.K. (1977). Imitation of facial and manual gestures by human neonates. Sciences, 198: 75-78.
  26. Meltloff A.N., Moore M.K. (1999). Persons and representations: why infant imitation is important for theories of human development. In: Nadel J., Butterworth G. (eds.), Imitation in infancy. Cambridge: Cambridge Univ. Press.
  27. Onnis L. (2004). Il tempo sospeso. Milano: FrancoAngeli.
  28. Onnis L. (2009). Se la psiche è il riflesso del corpo: una nuova alleanza tra neuroscienze e psicoterapia. Psicobiettivo, 2: 51-73.
  29. Onnis L. (2012). Le voci interne della famiglia: Miti e fantasmi familiari. In: Onnis L. (a cura di), La terapia familiare in Europa. Milano: FrancoAngeli.
  30. Onnis L. (2013). Le Sculture del Tempo Familiare: un metodo di “narrazione analogica” in psicoterapia sistemica. Ecologia della mente, 1: 5-27.
  31. Onnis L. (a cura di) (2014). Una nuova alleanza tra psicoterapia e neuroscienze: dall’intersoggettività ai neuroni specchio. Dialogo tra D. Stern e V. Gallese.
  32. Milano: FrancoAngeli.
  33. Onnis L. (2014). La dimensione dell’intersoggettività nella psicoterapia sistemica relazionale. Ecologia della mente, 1: 5-15.
  34. Onnis L., Di Gennaro A., Cespa G., Agostini B., Chouhy A., Dentale R.C., Quinzi P. (1980). Le sculture del presente e del futuro: un modello di lavoro terapeutico nelle situazioni psicosomatiche. Ecologia della mente, 1: 21-48.
  35. Onnis L., Di Gennaro A., Cespa G., Agostini B., Chouhy A., Dentale R.C., Quinzi P. (1980). Sculpting present and future: a systemic intervention model applied to psychosomatic families. Family Process, 33, 3: 341-355.
  36. Onnis L., Laurent M., Bendetti P., Cespa G., Onnis L., Di Gennaro A., Cespa G., Dentale R.C., Quinzi P. (1980). Il mito familiare. Concetti teorici e implicazioni terapeutiche. Ecologia della mente, 2: 95-112.
  37. Rizzolatti G., Fadiga L., Gallese V., Fogassi L. (1996). Premotor cortex and the recognition of motor actions, Cognitive Brain Research, 9: 131-141.
  38. Rizzolatti G., Sinigaglia C. (2006). So quel che fai: il cervello che agisce e i neuroni specchio. Milano: Raffaello Cortina.
  39. Rogers C. (1975). Empathic. An unappreciated way of being. The counseling psychologist, 2: 2-10.
  40. Sander L.W. (1975). Infant and caretaking environment. Investigation and conceptualization of adaptive behavior in a system of increating complexity. In: Anthony E.J. (ed.), Exploration in child Psychiatry. New York: Plenum.
  41. Siegel D.J. (2009). La mente relazionale. Milano: Raffaello Cortina.
  42. Stern D.N. (1985). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri.
  43. Stern D.N. (2005). Il momento presente. Milano: Raffaello Cortina.
  44. Stern D.N. (2006). L’implicito e l’esplicito in psicoterapia. In: Spagnolo Lobb M. (a cura di), Atti del Convegno della Federazione Italiana Associazioni di Psicoterapia (FIAP). Milano: FrancoAngeli.
  45. Stern D.N., Hefer L., Haff W., Dore J. (1984). La “sintonizzazione affettiva” (trad. it. in: Le interazioni madre-bambino nello sviluppo e nella clinica, Milano: Raffaello Cortina, 1998).
  46. Stern D.N., Sander L.W., Nehum J.P., Harrison A.M., Lyons Ruth K., Morgan A.C., Brushweler Stern N., Tronick E. (1998). Non interpretive mechanism in psychoanalytic therapy: the “something more”, than interpretation. International Journal of Psychoanlysis, 79: 903-918 (trad. it. in: Onnis L. (a cura di), Una nuova alleanza tra psicoterapia e neuroscienze. Dialogo tra D. Stern e V. Gallese. Milano: FrancoAngeli).
  47. Strayer J. (1987). Affective and cognitive perspective on empath. In: Eisemberg F.,
  48. Strayer (eds.), Empathy and its development. New York: Cambridge Univ. Press.
  49. Titchener E. (1909). Experimental psychology of the thought processes. New York: Mc Millan.
  50. Trevarthen C. (1980). The foundation of intersubjectivity. Development of interpersonal and cooperative understanding in infants. In: Olson D. (ed.), The social foundation of Language and thought. New York: Norton.
  51. Trevarthen C. (1993). Il sé generale dell’intersoggettività, la psicologia della comunicazione infantile. In: Neisser U. (ed.), La percezione di Sé: le fonti ecologiche interpersonali della conoscenza di sé. Torino: Bollati Boringhieri, 1999).
  52. Tronick E.Z., Als H., Brazelton T.B. (1977). The infant capacity to regulate mutually in face to face interaction. Journal of Communication, 27: 74, 80.

Luigi Onnis, in "TERAPIA FAMILIARE" 110/2016, pp. 13-36, DOI:10.3280/TF2016-110003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche