Democrazia popolare e democrazia autoritaria. Dal cartismo (1836-1848) all’Italicum (2015)

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Gian Mario Bravo
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 20 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 20-39 Dimensione file: 127 KB
DOI: 10.3280/HM2016-020004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In the first half of the nineteenth century - in the UK - the Chartist movement linked the labor and class’ unrest to the achievement of universal suffrage and political democracy. By contrast, in Italy, the electoral laws engineered by the government of the center-left (2015) through the legislatve measure called Italicum distorts the purpose of the democratic tradition of the left and tends to replace the national political structure with an autocratic, authoritarian and caesaristic system.

Gian Mario Bravo, Democrazia popolare e democrazia autoritaria. Dal cartismo (1836-1848) all’Italicum (2015) in "HISTORIA MAGISTRA" 20/2016, pp 20-39, DOI: 10.3280/HM2016-020004