Clicca qui per scaricare

Introduzione. Rifugiati in transito attraverso l’Europa
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Chiara Marchetti, Michele Manocchi 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 21-38 Dimensione file:  66 KB
DOI:  10.3280/MM2016-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L'articolo mette in luce la complessità del fenomeno delle migrazioni forzate e della sua gestione da parte di attori istituzionali in Europa. L'obbiettivo dell'autrice è quello di evidenziare le relazioni di potere e le frizioni che emergono dall'interazione tra i sistemi di controllo e gestione delle migrazioni e i tentativi di muoversi autonomamente messi in atto dai soggetti migranti. Verrà utilizzato il concetto di soggettività, che permette di indagare gli effetti delle relazioni di potere e le pratiche di costruzione del sé messe in atto dai soggetti dentro i limiti e le costrizioni strutturali in cui si muovono. Queste dinamiche verranno rappresentate attraverso il caso-studio etnografico di "secondi movimenti" di un gruppo di migranti forzati approdati in Italia nel 2011 e trasferirtisi successivamente in Germania, alla ricerca di condizioni migliori di vita, nonostante le limitazioni ai loro movimenti imposte dagli accordi di Schengen e Dublino. I soggetti migranti vivono così una condizione di transito prolungata nel tempo, che assume una dimensione sia spaziale, che temporale e giuridica - categorie che transitano dalla condizione "illegale" a quella "legale" e viceversa - divenendo essa stessa parte integrante dell'esperienza migratoria e non più solo una fase di passaggio. Si sviluppano così soggettività in movimento caratterizzate da temporalità in transito, che si incontrano e scontrano con le istituzioni europee, nazionali e locali. Le frizioni che emergono da questi incontri mostrano come l'Europa sia un campo di battaglia, dove pratiche di negoziazione tra soggetti migranti, attori istituzionali e gruppi di supporto, contribuiscono alla ridefinizione dei confini territoriali, giuridici e politici.


Keywords: Transiti - confini - migrazioni forzate - soggettività - temporalità - secondi movimenti.

  1. AA.VV. (2008). Transizioni biografiche. Glossario minimo. Torino: Libreria Stampatori.
  2. Agamben G.(2005).Homo Sacer. Il potere sovrano e la nuda vita. Torino: Einaudi.
  3. Agamben G. (2003). Stato di eccezione. Torino: Bollati Boringhieri.
  4. Ambrosini M. (2013). Irregular Migration and Invisible Welfare. Basingstoke and New York: Palgrave MacMillan.
  5. Andreas P. (2003). Redrawing the Line. Borders and Security in the 21° Century. International Security, 38, 2: 78-111;, DOI: 10.1162/016228803322761973.ArendtH.(1988).VitaActiva.Milano:Bompiani
  6. Ariely D. (2010). Predictably Irrational: The Hidden Forces That Shape our Decisions. New York, NY: Harper Collins.
  7. Asah S.T. (2015). Post-2015 Development Agenda: Human Agency and the Inoperability of the Sustainable Development Architecture. Journal of Human Development and Capabilities, 16, 4: 631-636;, DOI: 10.1080/19452829.2015.1103712
  8. Bandura A. (1997). Self-efficacy: The exercise of control. New York: W.H. Freeman and Company.
  9. Bara B.G. (1999). Pragmatica cognitiva. I processi mentali della comunicazione. Torino: Bollati Boringhieri.
  10. Bauman Z. (1999). Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone. Roma-Bari: Editori Laterza.
  11. Bhabha H. (1992). Double vision. Artforum, 30, 5: 85-89.
  12. Bigo D. (2003). Criminalization of «Migrants»: The Side Effect of the Will to Control the Frontiers and the Sovereign Illusion. Irregular Migration and Human Rights Conference, Centre European Law-Integration, University of Leicester.
  13. Bolzoni M., Gargiulo E. and Manocchi M. (2015). The social consequences of denied access to housing for refugees in urban settings: the case of Turin, Italy. International Journal of Housing Policy. Abingdon, Oxfordshire (UK): Taylor & Francis;, DOI: 10.1080/14616718.2015.1053337
  14. Brown W. (2013). Stati murati, sovranità in declino. Roma-Bari: Editori Laterza.
  15. Bruner J. (1983). In Search of Mind. New York: Harper.
  16. Bruun H. and Langlais R. (2003). On the Embodied Nature of Action. Acta Sociologica, 46, 1. London, Thousand Oaks, CA and New Delhi: Scandinavian Sociological Association and Sage Pubs.
  17. Campesi G. (2015). Polizia della frontiera. Frontex e la produzione dello spazio europeo. Roma: DeriveApprodi.
  18. Cuttitta P. (2009). Confini territoriali e sovraterritoriali dei controlli dell’ immigrazione. Ragion Pratica, 2: 399-421.
  19. Della Porta D., M. Greco e A. Szakolczai, a cura di (2000). Identità, riconoscimento, scambio. Roma-Bari: Laterza.
  20. Eurostat (2016). Record number of over 1.2 million first time asylum seekers registered in 2015. Eurostat News Release, 44/2016 - 4 March, http://ec.europa.eu/eurostat/documents/2995521/7203832/3-04032016-APEN.pdf/ 790eba01-381c-4163-bcd2-a54959b99ed6
  21. Faist T. (2013). The mobility turn: a new paradigm for the social sciences?. Ethnic and Racial Studies, 36, 11: 1637-1646;, DOI: 10.1080/01419870.2013.812229
  22. Feldman A. (1994). On Cultural Anesthesia: From Desert Storm to Rodney King. American Ethnologist, 21, 2: 404-418.
  23. Foucault M. (1977). Discipline and Punish. New York: Pantheon Books.
  24. François P.H., Langelier B. (2000). L’agentivité comme variable sortie du bilan. In Gangloff B., ed. cit.
  25. Fraser N. (1999). La giustizia sociale nell’era della politica dell’identità: redistribuzione, riconoscimento e partecipazione. Iride, 12, 28.
  26. Gangloff B., ed. (2000). Les competences professionnelles: descriptif, mésure et développement. Paris: L’Harmattan.
  27. Goffman E. (2003). Asylum. Torino: Einaudi.
  28. Lanzara G.F. (1993). Capacità negativa. Bologna: il Mulino.
  29. Malkki L. (1992). National Geographic: The Rooting of People and the Territorialization of National Identity Among Scholars and Refugees. Cultural Anthropology, 7:1, 24-44;, DOI: 10.1525/can.1992.7.1.02a00030
  30. Malkki L. (1995). Refugees and exile: from «refugee studies» to the national order of things. Annual Review of Anthropology, 24, 495-523;, DOI: 10.1146/annurev.an.24.100195.002431
  31. Malkki L.H. (1996). Speechless Emissaries: Refugees, Humanitarianism, and Dehistoricization. Cultural Anthropology, 11, 3: 377-404.
  32. Manocchi M. (2014). Richiedenti asilo e rifugiati: processi di etichettameto e pratiche di resistenza. Rassegna Italiana di Sociologia, a. LV, No. 2, aprile-giugno.
  33. Manocchi M. (2011). “Questo sì che è un rifugiato”. La valutazione della domanda d’asilo e i processi di etichettamento. Interdipendenze, 4: 3-23;, DOI: 10.4447/int.4110015
  34. Manocchi M. (2012). Richiedenti asilo e rifugiati politici. Percorsi di ricostruzione identitaria: il caso torinese. Milano: FrancoAngeli. Manwell L.A., S.P. Barbic, K. Roberts et al. (2015). What is mental health? Evidence towards a new definition from a mixed methods multidisciplinary international survey. BMJ Open, 5;, DOI: 10.1136/bmjopen-2014-007079
  35. Marchetti C. (2014). Rifugiati e migranti forzati in Italia. Il pendolo tra ‘emergenza’ e ‘sistema’. Remhu. Rev. Interdiscip. Mobil. Hum., 22, 43: 53-70, jul./dez.
  36. Marzocca O., a cura di (2004). Moltiplicare Foucault. Vent'anni dopo. Milano: Mimesis.
  37. Ministero dell’Interno (2015). Rapporto sull’accoglienza di migranti e rifugiati in Italia. Aspetti, procedure, problemi. disponibile al sito: http://www.libertaciviliimmigrazione.interno.it/dipim/ export/sites/default/it/assets/pubblicazioni/Rapporto_accoglienza_ps.pdf.
  38. Rajaram P.K. (2002). Humanitarianism and Representations of the Refugee. Journal of Refugee Studies, 15, 3.
  39. Sciolla L. (2000). Riconoscimento e teoria dell’identità. In: Della Porta et al., cit.
  40. Sigona N. (2003). How Can a «Nomad» be a «Refugee»? Kosovo Roma and Labelling Policy in Italy. Sociology, 37, 1: 69-79.
  41. Sokol A. B., Huerta S. (2010). Through Thick and Thin: Agency as ‘Taking’ Perspective. Human Development, 53: 46-52.
  42. Sparti D. (2003). L’importanza di essere umani. Milano: Feltrinelli.
  43. Urry J. (2007). Mobilities. Cambridge: Polity Press.
  44. Van Aken M. (2008). Rifugio Milano. Vie di fuga e vita quotidiana dei richiedenti asilo. Torino: Carta Editore.
  45. Zetter R. (2007). More Labels, Fewer Refugees: Remaking the Refugee Label in an Era of Globalization. Journal of Refugee Studies, 20, 2: 172-192.
  46. Zetter R. (1991). Labelling Refugees: Forming and Transforming a Bureaucratic Identity. Journal of Refugee Studies, 4, 1: 39-62.



  1. Sandra Annunziata, Fare spazio all'accoglienza. Una riflessione sul progetto territoriale di accoglienza integrata di Roccagorga in MONDI MIGRANTI 1/2017 pp. 39, DOI: 10.3280/MM2017-001003
  2. Devi Sacchetto, Francesca Alice Vianello, Rutvica Andrijasevic, Introduzione. Le migrazioni lavorative intra-UE: modelli, pratiche e traiettorie di mobilità dei cittadini europei in MONDI MIGRANTI 3/2017 pp. 23, DOI: 10.3280/MM2016-003002
  3. Francesca Campomori, Maurizio Ambrosini, Multilevel governance in trouble: the implementation of asylum seekers’ reception in Italy as a battleground in Comparative Migration Studies 22/2020 pp. , DOI: 10.1186/s40878-020-00178-1
  4. Michele Manocchi, Entrapping Asylum Seekers pp. 217 (ISBN:978-1-137-58738-1)
  5. Ilaria Sommaruga, Annapaola Ammirati, Il diritto di restare: il Regolamento Dublino, i volti, le storie e le possibili buone pratiche in MONDI MIGRANTI 1/2018 pp. 107, DOI: 10.3280/MM2018-001006

Chiara Marchetti, Michele Manocchi, in "MONDI MIGRANTI" 1/2016, pp. 21-38, DOI:10.3280/MM2016-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche