Clicca qui per scaricare

Formarsi nell’istituzione: dall’osservazione alla relazione. Riflessioni sul tirocinio
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Mariateresa Stivanello 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 126-136 Dimensione file:  166 KB
DOI:  10.3280/PSP2016-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore individua elementi che rendono formativo il tirocinio nell’Istituzione: osservazione, attesa, relazione, che concorrono a formare l'assetto interno di ascolto psicoanalitico; conoscenza dei vari quadri clinici, relazione con il paziente in contesti non strutturati, risorsa della multi-professionalità, lavoro di gruppo e funzione dell’équipe, approfonditi anche sul piano teorico, L’autore afferma che i giovani tirocinanti costituiscono una risorsa per l’istituzione e possono fornire un’immagine del paziente nuova e, talvolta, più vitale.


Keywords: Ttirocinio, psicoterapeuta psicoanalitico, istituzione, gruppo di lavoro, formazione

  1. Adamo S.M.G. (1990). Un breve viaggio nella propria mente. Consultazioni psicoanalitiche con adolescenti. Napoli: Liguori, 1990.
  2. Adamo S.M.G., Giusti P., Infante S., Valerio P. (1988). Colloqui terapeutici con studenti universitari: Esperienze di follow-up. In: Majer V., Maceran R. (a cura di). Il laboratorio e la città. Lo psicologo professionista ricercatore. Milano: Guerini ed Associati, 1989.
  3. Adamo S.M.G., Giusti P., Portanova F., Petrì F., Valerio P. (2005). La cassetta degli attrezzi: I concetti che troviamo più utili nel lavoro di counselling psicodinamico con studenti universitari. In: Ruvolo G. (a cura di). Domanda e offerta di consultazione psicologica nei contesti universitari. Esperienze e modelli applicativi. Milano: Franco Angeli, 2005.
  4. Aulagnier P. (1975). La violenza dell’interpretazione. Dal pittogramma all’enunciato. Roma: Borla, 1994.
  5. Bion W.R. (1962). Il pensare: una teoria. In: Bott Spillius E. (a cura di). Melanie Klein e il suo impatto sulla psicoanalisi oggi. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 1995.
  6. Bion W.R. (1970). Attenzione e interpretazione. Roma: Armando, 2010.
  7. Blos P. (1967). The second individuation process of adolescence. Psychoanalytic Study of the Child, 22: 162-86.
  8. Copley B. (1976). Brief work with adolescents and young adults in a counselling service. Journal of Child Psychotherapy, 4, 2: 93-106., DOI: 10.1080/0075417760825496
  9. Ferraro F. (2000). Scenari del limite: considerazioni sulla tecnica. In: Ferraro F., Petrelli D. (a cura di). Tra desiderio e progetto. Counseling all’università in una prospettiva psicoanalitica. Milano: FrancoAngeli.
  10. Ferraro F., Petrelli D. (a cura di) (2000). Tra desiderio e progetto. Counseling all’università in una prospettiva psicoanalitica. Milano: FrancoAngeli, 2000.
  11. Hetherington A. (1999). Brief psychodynamic counselling with young adults. Counselling Psychology Quarterly, 12, 4: 319-325., DOI: 10.1080/0951507990825410
  12. Laurora E. (2005). Gruppalità e istituzione curante. In: Vigorelli M. (a cura di). Il lavoro della cura nelle istituzioni. Progetti, gruppi e contesti nell’intervento psicologico. Milano: FrancoAngeli, 2005.
  13. Richards B.M. (1999). Brief dynamic counselling: Making the right choice. Psychodynamic Counselling, 5, 3: 285-300., DOI: 10.1080/1353333990840414
  14. Salzberger Wittenberg I. (1977). Servizi di consulenza per i giovani. In: Boston M., Daws D. (a cura di). Il lavoro psicoterapeutico con bambini ed adolescenti. Napoli: Liguori, 1981.
  15. Valerio P., Adamo S.M.G. (1995). Psychodynamic counselling in a university setting. A space for thinking together over emotional problems. Psychodynamic Counselling, 1, 4: 576-590., DOI: 10.1080/1353333950840415

Mariateresa Stivanello, in "PSICOTERAPIA PSICOANALITICA" 1/2016, pp. 126-136, DOI:10.3280/PSP2016-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche