Clicca qui per scaricare

Tra sbarco e approdo: liminalità e valore performativo del transito dei richiedenti asilo eritrei ed etiopi nel quartiere di Milano Porta Venezia
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Giuseppe Grimaldi 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 229-247 Dimensione file:  189 KB
DOI:  10.3280/MM2016-002012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Situando l’indagine etnografica nel quartiere di Porta Venezia, spazio di riferimento della diaspora eritrea ed etiope a Milano, il lavoro mette in luce il carattere produttivo del transito nel quartiere dei richiedenti asilo eritrei ed etiopi diretti verso il Nord Europa. Partendo da un’analisi delle condizioni strutturali su cui si basa il processo di transito ed inquadrandolo in una cornice istituzionale marcata dall’invisibilità, l’autore considera il fenomeno in corso come una fase liminale nel sistema di governo transnazionale delle migrazioni forzate. Una fase liminale che inaugura un nuovo spazio di senso situato nella discrasia creatasi tra i termini di sbarco e approdo, che coinvolge nuovi attori sociali e apre a nuovi immaginari nella costruzione del progetto migratorio. Il quartiere di Porta Venezia si configura così come un punto denso attraverso cui indagare i processi sociali che nutrono questo fenomeno e il suo valore performativo rispetto alle configurazioni locali e all’appartenenza sociale in diaspora.


Keywords: Liminalità, Eritrea, Richiedenti asilo, Località, Sistema Dublino, invisibilità

  1. Amoore L. (2013). The Politics of Possibility: Risk and Security Beyond Probability. Durham: Duke Press University.
  2. Andall J.M. (2002). Second Generation Attitude? African-Italians in Milan. Journal of Ethnic and Migration Studies, 28, 3: 389-407;, DOI: 10.1080/13691830220146518
  3. Appadurai A. (2001). Modernità in polvere, dimensioni culturali della globalizzazione. Roma: Meltemi.
  4. Arnone A. (2010). Being Eritrean in Milan. The Constitution of Identity. Dphil thesis: University of Sussex.
  5. Blanchard E., Rodier C. (2003). L'Europe des camps. Plein droit, 58: 14-17;, DOI: 10.3917/pld.058.0014
  6. Borri G., Fontanari E. (2015). Lampedusa in Berlin: (Im)Mobilität innerhalb des europäischen Grenzregimes, Peripherie 138/139: 193-211.
  7. Calchi Novati G.P. (1994). Il corno d’Africa nella politica e nella storia. Torino. Società Editrice Internazionale.
  8. Camus A. (1947). La peste. Paris: Édition Gallimard. (trad it. La peste. Milano: Bompiani, 2013).
  9. Carter D.M. (2010). Navigating the African Diaspora: The Anthropology of Invisibility. Minneapolis: University of Minnesota Press.
  10. Cutitta P. (2012). Lo spettacolo del confine. Lampedusa tra produzione e messa in scena della frontiera. Milano: Mimesis Edizioni.
  11. De Certeau M. (2001). L'invenzione del quotidiano. Roma: Edizioni Lavoro.
  12. De Giovanni F., Perrone Capano L. (2015), Testi e linguaggi. Roma: Carocci. De Martino (2002). La fine del mondo. Roma: Einaudi.
  13. Galemba R.B. (2013). Illegality and Invisibility at Margins and Borders. PoLAR, 36, 2: 274-85;, DOI: 10.1111/plar.12027
  14. Gargani A., a cura di (1979). Crisi della ragione. Torino: Einaudi.
  15. Ginzburg C. (1979). Spie. Radici di un paradigma indiziario. In: Gargani A., a cura di, cit.
  16. Grimaldi G. (2015). Goffman e l'antropologia applicata. Riflessioni su un progetto di ricerca-azione in un quartiere della diaspora etiope ed eritrea. In: De Giovanni F., Perrone Capano L., a cura di, cit.
  17. Gupta A., Ferguson J., a cura di (1997). Culture, Power, Place, explorations in critical anthropology. Durham: Duke University Press. Gupta A., Ferguson J. (1997). Beyond “Culture”: Space, identity, and the politics of difference. In: Gupta A., Ferguson J., a cura di, cit.
  18. Goffman E. (1974). Frame analysis: An Essay on the Organization of Experience. Cambridge, MA: Harvard University Press (trad. it. Frame Analysis, l'organizzazione dell'esperienza. Roma: Armando Editore, 2001).
  19. Hepner T.R. (2015). Generation Nationalism and Generation Asylum: Eritrean Migrants, the Global Diaspora, and the Transnational Nation-State. Diaspora: A Journal of Transnational Studies, 18, 1: 184-207.
  20. Hepner T.R., O’Kane D., a cura di (2011). Biopolitics, Militarism and Development. Eritrea in the twenty-First Century. New York. Berghahn Books.
  21. Hepner T.R., O’Kane D. (2011). Introduction. Biopolitics, Militarism and Development in Contemporary Eritrea. In: Hepner T.R., O’Kane D., a cura di, cit.
  22. Hepner T.R. (2009). Soldiers, Martyrs, Traitors, and Exiles. Political Conflict in Eritrea and the Diaspora. Philadelphia: University of Pennsylvania Press.
  23. Herzfeld M. (1997). Cultural Intimacy. Social Poetics in the Nation-State- New York: Routledge (trad. it. Intimità culturale. Antropologia e nazionalismo. Napoli: l’Ancora del Mediterraneo, 2003).
  24. Iyob R. (2000). The Ethiopian-Eritrean conflict: diasporic vs. hegemonic states in the Horn of Africa, 1991-2000. The Journal of Modern African Studies, 38, 4: 659-682;, DOI: 10.1017/S0022278X0000349
  25. Mallki L. (1995). Purity and Exile: Violence, Memory and National Cosmology Among Hutu Refugees in Tanzania. Chicago: University of Chicago Press.
  26. Mallki L. (1996). Speechless Emissaries: Refugees, Humanitarianism, and Dehistoricization. Cultural Anthropology, 11, 3: 377-404;, DOI: 10.1525/can.1996.11.3.02a00050
  27. Manocchi M. (2012). Richiedenti asilo e rifugiati politici. Percorsi di ricostruzione identitaria, il caso torinese. Milano: FrancoAngeli.
  28. Merrill H. (2014). Postcolonial Borderlands: Black Life Worlds and Relational Place in Turin, Italy. Acme, 13, 2: 263-294.
  29. Palidda S. (2008). Mobilità umane. Introduzione alla sociologia delle migrazioni. Milano: Cortina.
  30. Piasere L. (2002). L'etnografo imperfetto. Esperienza e cognizione in antropologia. Roma-Bari: Laterza.
  31. Reid R. (2003). Old Problems in new conflicts: some observations on Eritrea and its relations with Tigray, from liberation struggle to inter-state war. Africa 73, 3: 369-401;, DOI: 10.3366/afr.2003.73.3.369
  32. Riccio B. (2007). Toubab e vu cumprà. Transnazionalità e rappresentazioni nelle migrazioni senegalesi in Italia. Padova: Cleup.
  33. Sciurba A. (2009). Campi di Forza. Percorsi confinati di migranti in Europa. Verona: Ombre Corte.
  34. Miller F., Vandome A., McBrewster J. (2009). Habesha People. Saarbrücken: Vdm Publishing.
  35. Negash T., Tronvoll K. (2001). Brothers at war: making sense of the Eritrean-Ethiopian war. Athens, Ohio: Ohio University Press.
  36. Turner V. (2014). Antropologia dell’esperienza, a cura di De Matteis S., Bologna: il Mulino.
  37. Turner V. (1967). The Forest of Symbols, Ithaca, Cornell University Press (trad. it. La Foresta dei simboli, Brescia: Morcelliana, 2001).
  38. Wimmer A., Glick Shiller N. (2002). Methodological nationalism and beyond: nation-state building, migration and the social sciences. Global Networks, 2, 4: 301-334;, DOI: 10.1111/1471-0374.00043



  1. Marco Cremaschi, Flavia Albanese, Maurizio Artero, Migrants and Refugees: Bottom-Up and DIY Spaces in Italy in Urban Planning /2020 pp. 189, DOI: 10.17645/up.v5i3.2921
  2. Maurizio Artero, Elena Fontanari, Obstructing lives: local borders and their structural violence in the asylum field of post-2015 Europe in Journal of Ethnic and Migration Studies /2021 pp. 631, DOI: 10.1080/1369183X.2019.1608168
  3. Ilaria Sommaruga, Annapaola Ammirati, Il diritto di restare: il Regolamento Dublino, i volti, le storie e le possibili buone pratiche in MONDI MIGRANTI 1/2018 pp. 107, DOI: 10.3280/MM2018-001006
  4. Elena Fontanari, Giulia Borri, Introduction. Civil society on the edge: actions in support and against refugees in Italy and Germany in MONDI MIGRANTI 3/2018 pp. 23, DOI: 10.3280/MM2017-003002

Giuseppe Grimaldi, in "MONDI MIGRANTI" 2/2016, pp. 229-247, DOI:10.3280/MM2016-002012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche