Clicca qui per scaricare

Communities and inhabited environment in the sociospatial reconstruction after a disaster: two italian stories
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA URBANA E RURALE 
Autori/Curatori: Monica Musolino 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 111 Lingua: Inglese 
Numero pagine:  15 P. 95-109 Dimensione file:  174 KB
DOI:  10.3280/SUR2016-111006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


This work presents a socio-historical and ethnographical analysis and is based on a comparative research of two Italian case studies marked by a reconstruction in relocation: it is about Vajont (Friuli) and Gibellina (Sicilia). The relocation represents a core issue in a medium-to-long-term perspective, above all if it is connected to the reconstruction of the damaged town. In fact, the socio-spatial and territorial reconstruction produces some relevant effects on the socio-economic structure and also on the symbolic and identity-making auto-representation processes of the communities involved in these phenomena.

Il saggio presenta un’analisi socio-storica ed etnografica centrata su una ricerca comparativa di due casi studio italiani, caratterizzati da un processo di ricostruzione in rilocalizzazione: si tratta di Vajont (Friuli) e Gibellina (Sicilia). La rilocalizzazione rappresenta un nodo cruciale in una prospettiva di medio e lungo termine, soprattutto se connessa con la ricostruzione di città danneggiate. Infatti, la ricostruzione socio-spaziale e territoriale genera diversi effetti rilevanti in merito alla struttura socio-economica e altresì riguardo ai processi di autorappresentazione simbolica e identitaria delle comunità coinvolte in questi fenomeni.
Keywords: Disastri, identità, ricostruzione, rilocalizzazione, comunità, trauma

  1. Barbera L. (2011). I ministri dal cielo. I contadini del Belice raccontano. Palermo: duepunti.
  2. Bonesio L. (2007). Paesaggio, identità e comunità tra locale e globale. Reggio Emilia: Dia-basis.
  3. Berque A. (2000). Médiance de milieux en paysages. Paris: Belin.
  4. Bertaux D. (1999). Racconti di vita: la prospettiva etnosociologica. Milano: FrancoAngeli.
  5. Bichi R. (2010). La conduzione delle interviste nella ricerca sociale. Roma: Carocci.
  6. Brinckeroff Jackson J. (1984). Discovering the Vernacular Landscape. New Haven and London: Yale University Press.
  7. Cannarozzo T. (2009). Rapporto da una periferia territoriale: la valle del Belice (1968-2008). www.antithesi.info, consulted August 29, 2016.
  8. Cavalli A. (2005). Tra spiegazione e comprensione: lo studio delle discontinuità socio-temporali. In Borlandi M., Sciolla L. (a cura di). La spiegazione sociologica, Bologna: il Mulino.
  9. Cavalli A. (1995). Patterns of Collective Memory. Collegium Budapest Discussion, Papers n. 14.
  10. Corrao L. (2011). Introduzione. In Camarrone D. I maestri di Gibellina. Palermo: Sellerio.
  11. Gribaudi G. (2010). Terremoti. Esperienza e memoria. Parole chiave, 4: 85-105.
  12. Guidicini P. (2007). Nuovo manuale per le ricerche sociali sul territorio. Milano: Fran-coAngeli.
  13. Heidegger M. (2007). Saggi e discorsi. Milano: Mursia.
  14. Ligi G. (2009). Antropologia dei disastri. Roma-Bari: Laterza.
  15. Merlin T. (1983). Sulla pelle viva. Come si costruisce una catastrofe. Il caso del Vajont. Ve-rona: CIERRE.
  16. Musacchio A., Mannocchi A., Mariani L., Orioli F., Saba L. (1981). Stato e società nel Belice. La gestione del terremoto: 1968-1976. Milano: FrancoAngeli.
  17. Musolino M. (2013). Distruzione, ricostruzione memoria. La catastrofe come mito fondativo ed evento costitutivo di un nuovo ordine temporale. Cambio, 6: 237-248.
  18. Musolino M. (2012). New towns post catastrofe. Dalle utopie urbane alla crisi delle identità. Milano-Udine: Mimesis.
  19. Nimis G.P. (2009). Terre mobili. Dal Belice al Friuli dall’Umbria all’Abruzzo. Roma: Don-zelli.
  20. Norberg-Schulz C. (1981). Genius Loci. Paesaggio Ambiente Architettura. Electa.
  21. Noto S.G. (2008). La “disastrologia”: approcci e contributi significativi. Storia e Futuro, 17: 1-17.
  22. Olori D. (2015). Ricerca qualitativa, vulnerabilità e disastri. Note metodologiche. In Saitta P. (a cura di). Fukushima, Concordia e altre macerie. Firenze: Editpress.
  23. Parrinello G. (2015). Fault Lines. Earthquakes and Urbanism in Modern Italy. New York-Oxford: Berghahn.
  24. Poli D. (2000). Il cartografo-biografo come attore della rappresentazione dello spazio in co-mune. In Castelnovi P. (a cura di). Il senso del paesaggio. Torino: IRES.
  25. Saitta P. (2015). Note introduttive sulla complessità degli eventi indesiderati. Etnografia e Ricerca Qualitativa, 2: 201-215., 10.3240/8081DOI: 10.3240/8081
  26. Simmel G. (2006a). Saggi sul paesaggio. Roma: Armando.
  27. Simmel G. (2006b). Rome, Florence, Venise. Paris: Allia.

Monica Musolino, in "SOCIOLOGIA URBANA E RURALE" 111/2016, pp. 95-109, DOI:10.3280/SUR2016-111006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche