Clicca qui per scaricare

L’assegno di ricollocazione nelle sue prime applicazioni
Titolo Rivista: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Autori/Curatori: Giovanni Di Corrado 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 152 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 P. 707-732 Dimensione file:  263 KB
DOI:  10.3280/GDL2016-152007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I lavoratori espulsi dal ciclo produttivo dell’impresa hanno un drammatico problema di competenze e di ricollocazione nel mercato del lavoro. In questo contesto ci si augura che l’assegno individuale di ricollocazione riesca a riformare le competenze consumate dalla rapidità con cui mutano i processi di innovazione tecnologica. Il legislatore con la nuova misura di politica attiva introduce nell’ordinamento uno strumento volto alla ricerca e ingaggio di nuove occasioni di lavoro che, a prescindere dalla terminologia usata, è pacificamente collocabile, ai sensi dell’art. 1321 c.c., nell’alveo della fattispecie contrattuale anche in considerazione dell’espressa adesione volontaria alla misura. Alla base del contratto di ricollocazione (assegno) vi è, quindi, un patto di servizio tra l’operatore e il soggetto disoccupato, in base al quale quest’ultimo matura il diritto di ottenere da parte del primo la messa in atto di un piano di azione personalizzato che vincola entrambi al rispetto di impegni fissati congiuntamente. L’eventuale violazione di detti impegni può dar luogo al sorgere di responsabilità contrattuale che assieme al principio di condizionalità rende effettiva la misura rispetto ai costi sopportati dal sistema. Il nuovo strumento si presta così ad essere il punto da cui partire per attribuire ai Centri per l’impiego e alle agenzie per il lavoro private il ruolo di strutture con funzioni manageriali efficienti capaci di luogo finalmente ad una spinta verso il cambiamento.


Keywords: Assegno; Ricollocazione; Politica attiva; Centri per l’Impiego; Disoccupatzione; Anpal; Welfare state

  1. Alaimo A. (2012). Servizi per l’impiego e disoccupazione nel “welfare” attivo e nei “mercati del lavoro transazionali”. RDSS, p. 555 ss.
  2. Alaimo A.M. (2013). Politiche attive del lavoro, patto di servizio e strategia delle obbligazioni reciproche. DLRI, p. 507 ss.
  3. Alaimo A. (2015a). Ricollocazione dei disoccupati e politiche attive del lavoro. Promesse e premesse di security nel Jobs Act del Governo Renzi. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 249/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/working papers/Ricollocazione-dei-disoccupati-e-politiche-attive-del-lavoro-Promesse-e-premesse-di-security-nel-Job/5383.aspx (consultato il 30.11.2016).
  4. Alaimo A. (2015b). Sostegno all’occupazione giovanile, politiche attive del lavoro e servizi per l’impiego: verso livelli di cooperazione ed integrazione a livello europeo. RIDL, p. 177 ss.
  5. Albanese A. (2007). Diritto all’assistenza e servizi sociali. Milano: Giuffrè.
  6. Behncke M., Frölich M., Lechner M. (2011). Strumenti statistici per migliorare il targeting delle politiche attive: l’esperienza della Svizzera. In: Cantalupi M., Demurtas M., a cura di, Politiche attive del lavoro, servizi per l’impiego e valutazione. Bologna: il Mulino.
  7. Bergamante F., Marocco M. (2014). Lo stato dei Servizi pubblici per l’impiego in Europa: tendenze, conferme e sorprese. ISFOL - Dati testuali elettronici. Isfol Occasional paper, 13, Roma.
  8. Bredgaard T., Larsen, F. (2008). Quasi-markets in employment policy in Australia, the Netherlands and Denmark: do they deliver on promises?. SPS, p. 341 ss.
  9. Canavesi G. (2015). La ricollocazione secondo il Jobs Act: dall’attività al contratto?. RDSS, p. 551 ss.
  10. Caruso B. (2015). Nuove traiettorie del diritto del lavoro nella crisi europea. Il caso italiano. in Caruso B., Fontana G., a cura di, Lavoro e diritti nella crisi europea. Un confronto fra costituzionalisti e giuslavoristi. Bologna: il Mulino.
  11. Caruso B., Cuttone M. (2016). Verso il diritto del lavoro della responsabilità: il contratto di ricollocazione tra Europa, Stato e Regioni. DRI, p. 63 ss.
  12. Casey B.H. (2004). The OECD job Strategy and the European Employment Strategy: Two views of the Labour Market and Welfare State. EJIR, p. 329 e ss.
  13. Corazza L. (2013). Il principio di condizionalità (al tempo della crisi). DLRI, p. 139 ss.
  14. Cumming L. (2011). Payment – by – Outcome in Welfare to Work. 2010 Public Services Trust, London.
  15. Freedland M., Countouris N. (2005). Diritti e doveri nel rapporto tra disoccupati e servizi per l’impiego in Europa. DLRI, p. 557 ss.
  16. Filì V. (2015). L’assegno individuale di ricollocazione tra Welfare e Workfare. In: Zilio Grandi G., Biasi M., a cura di, Commentario Breve alla riforma Jobs Act. Milano: Wolters Kluwer - CEDAM, p. 374 ss.
  17. Garofalo D. (2015). Il d.lgs. 4 marzo 2015, n. 22: un primo commento. RDSS, p. 385 ss.
  18. Ghera E., Garofalo G., a cura di (2016). Organizzazione e disciplina del mercato del lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci.
  19. Giubileo F. (2013). Rapporto pubblico-privato nelle politiche del lavoro. Le priorità dei servizi pubblici per l’impiego, l’opportunismo dei privati e il modello di riferimento in Europa. RDSS, p. 595 ss.
  20. Giubileo F. (2014). La statistica che aiuta i disoccupati. Un software aiuta a selezionare i percorsi con “migliore risultato atteso” per ciascun disoccupato. Testo disponibile al sito: http://www.linkiesta.it/it/article/2014/09/01/la-statistica-che-aiuta-i-disoccupati/22714/ (consultato il 30.11.2016).
  21. Grandi M. (1997). “Il lavoro non è una merce”: una formula da rimeditare. LD, p. 557 ss.
  22. Hasluck C. (2008). The use of Statistical rofiling for Targetting Employment Service. In: Di Domenico G., Spattini S., eds., New European Approaches to Long - Term Unemployment. What role for Public Employment Services and What Market for Private Stakeholders?. Kluver Law International, The Netherlands, p. 39 ss.
  23. Ichino P. (2014). Che cos’è il contratto di ricollocazione e come funziona. GL, 19 gennaio 2014
  24. Lagala C., D’Onghia M. (2010). Politiche di attivazione dei disoccupati in Europa. Roma: Ediesse.
  25. Liso F. (2009a). Gli ammortizzatori sociali. Percorsi evolutivi ed incerte prospettive di riforma. In: Curzio P., a cura di, Ammortizzatori sociali. Regole, deroghe, prospettive. Bari: Cacucci.
  26. Liso F. (2009b). Il diritto al lavoro. DLRI, p. 139 ss.
  27. Leonardi M. (2014). Indagine conoscitiva relazionata nell’ambito della XI Commissione insediata presso la Camera dei Deputati (XVII Legislatura) del 1 ottobre.
  28. Mafalda D., Marocco M. (2013). Sistemi di governance pubblico-privato dei servizi al lavoro: un’indagine territoriale. ALSS, p. 3 ss.
  29. Marocco M. (2008). Teoria e prassi nell’attivazione dei disoccupati: il patto di servizio. DLRI, p. 533 ss.
  30. Marocco M. (2013). La doppia anima delle politiche attive del lavoro e la Riforma Fornero. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 192/2013.-- Testo disponibile al sito: http://csdle. lex.unict.it/docs/workingpapers/La-doppia-anima-delle-politiche-attive-del-lavoro-e-la-Riforma-Fornero/4541.aspx (consultato il 30.11.2016).
  31. Olivieri A. (2015). L’assegno di ricollocazione: una nuova condivisione di diritti e di doveri. ADL, p. 272 ss.
  32. Orioli A. (2014). Jobs Act, se il diritto al lavoro si chiama occupabilità. Il Sole 24 Ore, 27.12.2014.
  33. Pascucci P. (2012). Servizi per l’impiego, politiche attive, stato di disoccupazione e condizionalità nella l. n. 92/2012. Una prima ricognizione delle novità. RDSS, p. 453 ss.
  34. Pascucci P. (2016). I livelli essenziali delle prestazioni. In: Ghera E., Garogalo D., a cura di, Organizzazione e disciplina del mercato del lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci.
  35. Poletti G. (2015). Più lavoro ai giovani se si rafforzano i centri per l’impiego. Il Sole 24 ore, 10.112015.
  36. Sartori, A. (2013). Servizi per l’impiego e politiche dell’occupazione in Europa. Idee e modelli per l’Italia. Bologna: Maggioli.
  37. Secchi C. (1996). Il libro bianco di Delors per l’occupazione e la crescita economica in Europa. In: Aa.Vv., Cambiamento delle istituzioni economiche e nuovo sviluppo in Italia e in Europa. Bologna: il Mulino.
  38. Spattini S. La nuova condizionalità all’accesso ai trattamenti di sostegno al reddito: potenzialità e criticità nella prospettiva della riforma del sistema degli ammortizzatori, in Diritto delle Relazioni Industriali, Anno XX, 3/2010.
  39. Spattini S. (2008). Il governo del mercato del lavoro tra controllo pubblico e neocontrattualismo. Milano: Giuffrè.
  40. Tiraboschi M., a cura di (2003). La Riforma del mercato del collocamento e i nuovi servizi per l’impiego: commentario al d.lgs. 19 dicembre 2002, n. 297 e prospettive di attuazione dell’art. 1, legge 14 febbraio 2003, n. 30. Milano: Giuffrè.
  41. Tiraboschi M. (2009). Ammortizzatori sociali e decadenza dal trattamento. GL, n. 8, p. 12 ss.
  42. Tiraboschi M. (2010). L’evoluzione sulla normativa degli ammortizzatori sociali tra emergenza e ricerca di una logica di sistema. DRI, p. 331 ss.
  43. Tiraboschi M. (2015). Il contratto di ricollocazione: prime interpretazioni e valutazioni di sistema. In: Carinci F., Tiraboschi M., a cura di, I decreti attuativi del Jobs Act: prima lettura ed interpretazioni, ADAPT Labour studies e-book series n. 37, Modena.
  44. Tiraboschi M., Spattini S. (2015). D.lgs. 20 febbraio 2015 – Nuovi strumenti di sostegno al reddito e contratto di ricollocazione. GL, n. 19.
  45. Valente L. (2015). Il contratto di ricollocazione. In: Ghera E., Garofalo D., a cura di, Le tutele per i licenziamenti e per la disoccupazione involontaria nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci.
  46. Valente L. (2016). La riforma dei servizi per il mercato del lavoro. Milano: Giuffrè.
  47. Viscomi A. (2007). Servizi per l’impiego: i “patti di servizio”. DLM, p. 63 ss.

Giovanni Di Corrado, in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 152/2016, pp. 707-732, DOI:10.3280/GDL2016-152007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche