Clicca qui per scaricare

La difficoltà di affacciarsi sul mondo di Elisa
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Antonio Scarinci, Domenico Accorrà, Luigi Bonfiglioli, Daniela Ciaffaroni, Anna Fiorani 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 105-119 Dimensione file:  760 KB
DOI:  10.3280/PSOB2017-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo propone la concettualizzazione di un caso clinico. Elisa, seguita privatamente, arriva al Centro di Salute Mentale con un’indicazione di stato misto, per un ricovero urgente in struttura psichiatrica. La paziente viene presa in carico, con l’obiettivo iniziale di evitare il ricovero. È trattata farmacologicamente in ambiente ambulatoriale, con incontri ravvicinati, in media due, tre volte la settimana. In questo periodo la paziente spesso non si presenta agli appuntamenti e gli infermieri sono costretti a contattarla per somministrare la terapia. A distanza di un anno sarà necessario un ricovero volontario in SPDC. Dopo la degenza, la paziente incrementa la consapevolezza di malattia chiedendo aiuto in modo esplicito. Inizia così un percorso, che porterà Elisa a ridurre notevolmente la sintomatologia e a migliorare la qualità di vita. Gli autori delineano il progetto terapeutico: l’accoglienza, l’assessment, la dinamica dello scompenso e i fattori di mantenimento della patologia. Definiscono gli obiettivi dell’intervento nelle diverse fasi del trattamento e il lavoro terapeutico per il raggiungimento degli stessi. Il quadro teorico è definito dall’approccio cognitivo-comportamentale. Sono evidenziate le criticità che riguardano sia l’alleanza terapeutica, sia il trattamento basato sugli sviluppi della LIBET (Life Themes and Plans Implications of Biased Beliefs: Elicitation and Treatment) e della terapia metacognitiva.


Keywords: Terapia cognitivo-comportamentale; terapia metacognitiva; disturbo dell’umore; Cognition Attentional System; Life Themes and Plans Implications of Biased Beliefs: Elicitation and Treatment.

  1. Armazzani M., Grimaldi F., Pezzullo L. (2006) Tecniche costruttivistiche per la diagnosi psicologica, Mc Graw Hill, Milano
  2. Dimaggio G., Montano A., Popolo R., Salvatore G. (2013) Terapia metacognitiva interpersonale, Raffaello Cortina, Milano
  3. Framba R. (2008) “L’autocaratterizzazione”, in: Incerti A., Scarinci A., Assessment dei disturbi d’ansia, Erickson, Trento
  4. Gilbert P., Petrocchi N. (2014) La terapia focalizzata sulla compassione. Caratteristiche distintive, FrancoAngeli, Milano
  5. Kelly G. (2004) La psicologia dei costrutti personali. Teoria e personalità, Raffaello Cortina, Milano
  6. Liotti G., Farina B. (2011) Sviluppi traumatici. Eziopatogenesi, clinica e terapia della dimensione dissociativa, Raffaello Cortina, Milano
  7. Liotti G., Monticelli F. (2014) Teoria e clinica dell’alleanza terapeutica. Una prospettiva cognitivo-evoluzionista, Raffaello Cortina, Milano
  8. Lorenzini R., Scarinci A. (2013) Dal malessere al benessere, FrancoAngeli, Milano
  9. Orefice S. (2002) La sfiducia e la diffidenza. Metodologia clinica per i casi difficili, Raffaello Cortina, Milano
  10. Ruggiero G.M., Sassaroli S. (2013) Il colloquio in psicoterapia cognitiva, Raffaello Cortina, Milano
  11. Safran J., Segal V.Z. (1993) Il processo interpersonale nella terapia cognitiva, Feltrinelli, Milano
  12. Wells A. (2012) Terapia metacognitiva dei disturbi d’ansia e della depressione, Eclipsi, Firenze

Antonio Scarinci, Domenico Accorrà, Luigi Bonfiglioli, Daniela Ciaffaroni, Anna Fiorani, in "PSICOBIETTIVO" 1/2017, pp. 105-119, DOI:10.3280/PSOB2017-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche