Clicca qui per scaricare

Il caso di Elisa. Recita e trasformazione di un copione inconscio
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Federico Granito 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  5 P. 124-128 Dimensione file:  684 KB
DOI:  10.3280/PSOB2017-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo articolo l’autore propone una lettura da un punto di vista psicoanalitico del caso clinico di Elisa. Partendo dall’analisi della relazione con la madre, e di come essa possa aver influito nella creazione di un complesso materno negativo nella paziente, l’autore prosegue evidenziando come questo complesso abbia condizionato Elisa nelle relazioni extrafamiliari della sua vita e nelle prime fasi della psicoterapia. L’autore si sofferma in particolare sulla descrizione della trasmissione transgenerazionale di un oggetto psichico interno, portatore della sofferenza psichica della madre, che viene "trasmesso" alla figlia, secondo le modalità descritte da Racamier (1992). L’autore continua sottolineando come l’approccio multivariato descritto dai colleghi possa agire in maniera efficace su pazienti come Elisa. Quando «gli altri in noi» (Badaracco, 2000) «abitano» la mente attraverso un nucleo patogeno dissociato, esso condiziona il comportamento del paziente come se egli stesse recitando un copione inconscio. L’autore sostiene che l’intervento multivariato potrebbe permettere, grazie alla pluralità delle figure coinvolte, e all’interno delle dinamiche di transfert-controtransfert multipli, una comprensione maggiore della sofferenza psichica messa in campo dalla paziente.


Keywords: Intervento multivariato; copione inconscio; trasmissione transgenerazionale della patologia; identificazione proiettiva; complesso materno negativo; relazione di transfert-controtransfert.

  1. Badaracco J.E.G. (2000) Psicoanalisi multifamiliare (trad. it.: Bollati Borin-ghieri, Torino, 2004)
  2. Bion W.R. (1967) Analisi degli schizofrenici e metodo psicoanalitico (trad. it.: Armando, Roma, 2009)
  3. Ferro A., Civitarese G. (2015) Il campo analitico e le sue trasformazioni, Raffaello Cortina, Milano
  4. Jung C.G. (1926/1946) “Psicologia analitica ed educazione” (trad. it. in: Opere, vol. 17, Bollati Boringhieri, Torino, 1999)
  5. Jung C.G. (1934) “Considerazioni generali sulla teoria dei complessi” (trad. it. in: Opere, vol. 8, Bollati Boringhieri, Torino, 2008)
  6. Jung C.G. (1938/1954) “Gli aspetti psicologici dell’archetipo della Madre” (trad. it. in: Opere, vol. 9 tomo 1, Bollati Boringhieri, Torino, 2008)
  7. Lambert K. (1972) “Transfert/controtransfert: legge del taglione e gratitudine”, in: Fordham M., Gordon R., Hubback J.E., Lambert K. (a cura di), La tecnica nell’analisi junghiana (trad. it.: Ma.Gi., Roma, 2003)
  8. Racamier P.C. (1992) Il genio delle origini (trad. it.: Raffaello Cortina, Milano, 1993)
  9. Searles H.F. (1959) “Il tentativo di far impazzire l’altro partecipante al rapporto: una componente dell’etiologia e della psicoterapia della schizofrenia” (trad. it. in: Scritti sulla schizofrenia, Bollati Borin-ghieri, Torino, 1974)
  10. Winnicott D. (1965) Sviluppo affettivo e ambiente (trad. it.: Armando, Roma, 2002)

Federico Granito, in "PSICOBIETTIVO" 1/2017, pp. 124-128, DOI:10.3280/PSOB2017-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche