Clicca qui per scaricare

La crescita economica nelle regioni europee nuts 3: un’analisi delle economie alpine nel contesto dell’unione europea
Titolo Rivista: RIVISTA DI ECONOMIA E STATISTICA DEL TERRITORIO 
Autori/Curatori: Flavio Santi, Giuseppe Espa, Enrico Zaninotto 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  29 P. 60-88 Dimensione file:  3072 KB
DOI:  10.3280/REST2016-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo lavoro gli autori analizzano le economie delle regioni alpine nel contesto delle altre economie regionali europee a livello NUTS 3, prendendo in considerazione sia gli aspetti strutturali, sia le performance in termini di crescita economica, sia le dinamiche di interazione tra le economie delle regioni confinanti e i processi di convergenza del reddito pro capite. Con riferimento al primo aspetto le regioni vengono confrontate rispetto al contributo dato al valore aggiunto lordo da sei macro settori (agricoltura; costruzioni; industria; trasporti, distribuzione e ristorazioni; finanza e altri servizi; servizi non di mercato) distinguendo tra regioni alpine e non alpine e, all’interno di esse, tra le regioni a basso, medio e alto grado di urbanizzazione. Secondo la medesima disaggregazione le performance delle regioni vengono analizzate rispetto ai tassi di crescita settoriali del valore aggiunto lordo e al contributo che questi danno alla crescita economica complessiva. Rilievo particolare è riservato alle economie delle provincie autonome di Trento e Bolzano, essendo le due maggiori provincie italiane interamente alpine. Le dinamiche di convergenza tra le regioni europee sono analizzate mediante un’analisi longitudinale sulla β-convergenza che tiene conto sia dell’in¬terazione tra le economie geograficamente vicine (dipendenza spaziale), sia della presenza di ritardi e inerzia nelle variabili economiche (dipendenza spaziale). Viene quindi illustrata un’analisi di tipo panel sul tasso di crescita del PIL reale pro capite con componente autoregressiva spaziale della variabile dipendente e autocorrelazione temporale nell’errore. Infine, viene proposta un’analisi sul grado di interdipendenza delle economie regionali.


Keywords: Regioni NUTS 3, economie alpine, valore aggiunto lordo, analisi panel spaziale, β-convergenza
Jel Code: O47; R10; R11; R12

  1. Arbia G., Basile R., Piras G. (2005), Using Spatial Panel Data in Modelling Regional Growth and Convergence, ISAE Working Paper, 55.
  2. Barro R.J., Sala-i-Martin X. (1995), Economic Growth. New York: McGraw Hill.
  3. LeSage J.P., Pace R.K. (2009), Introduction to Spatial Econometrics. Boca Raton (FL): Chapmann & Hall.
  4. Solow R.M. (1956), A Contribution to the Theory of Economic Growth, The Quarterly Journal of economics, 70, pp. 65-94.
  5. Swan T.W. (1956), Economic Growth and Capital Accumulation, Economic Record, 3, pp. 334-361.

Flavio Santi, Giuseppe Espa, Enrico Zaninotto, in "RIVISTA DI ECONOMIA E STATISTICA DEL TERRITORIO" 3/2016, pp. 60-88, DOI:10.3280/REST2016-003005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche