Clicca qui per scaricare

Social media e legami familiari: verso un superamento della dicotomia tra mondo reale e digitale
Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE  
Autori/Curatori: Marta Di Grado, Aurora Boison, Margherita Tata, Virginia Tamborini 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 45 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 68-81 Dimensione file:  189 KB
DOI:  10.3280/PR2017-045004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il lavoro affronta i social media secondo una prospettiva sistemica: viene approfondito come essi abbiano influenzato i giovani e le loro relazioni dentro e fuori la famiglia, la quale deve assumere un ruolo di mediazione. Per superare un’ottica di demonizzazione, si parte dal presupposto che l’uso di tali canali non è negativo in sé: gli effetti sono mediati dai valori e dalle modalità di ciascuno. Le autrici si focalizzano sulle potenzialità dei media: essi possono incrementare i legami familiari e il comportamento pro-sociale e rispondere a bisogni cruciali dei giovani (autonomia, identità e intimità). Infine, non vengono trascurati gli effetti negativi come la dipendenza, le ripercussioni di una sovraesposizione su un cervello in via di sviluppo e gli effetti distruttivi sull’immagine corporea, sull’aggressività e sulla sessualità. Vengono affrontati infine gli aspetti paradossali dei social, tra cui i "pre-diciottesimi".


Keywords: Social media, famiglia, legami, mediazione, identità, sessualità, paradosso.

  1. Aroldi P. (2015). Famiglie connesse. Social Network e relazioni familiari online. Media Education. 6: 1-17.
  2. Bartholomew M.K., Schoppe-Sullivan S.J., Glassman M., Kamp Dush C.M., Sulli-van J.M. (2012). New Parents’ Facebook Use at the Transition to Parenthood . Family relations, 61: 455-469.
  3. Brandtzæg P.B., Heim J., Kaare B.H. (2010). Bridging and bonding in socialnet-work sites. Investigating family-based capital. International Journal of Web Based Communities, 6: 231-253.
  4. Coyne S.M., Padilla-Walker L.M, Howard E. (2013). Emerging in a digital world: a decade review of media use, effects and gratifications in emerging adulthood. Society for the study of emerging adulthood, 1: 125-137., 10.1177/216769681347978DOI: 10.1177/216769681347978
  5. Coyne S.M., Padilla-Walker L.M., Fraser A.M. (2012). Getting a high-speed family connection: associations between family media use and family connection. Family Relations, 61: 426-440.
  6. Denham J. (2016). Finding Dory may not feature Disney's first same-sex couple after all. The Indipendent. --Testo disponibile al sito: http://www.independent.co. uk/arts-entertainment/films/news/finding-dory-may-not-feature-disneys-first-same-sex-couple-after-all-a7072596.html [data di consultazione: 10-06-2016].
  7. Deriu M., Filomia M. (2015). Famiglia e nuovi media. I nativi digitali e i loro ge-nitori. Milano: San Paolo.
  8. Díaz Bohórquez J.C. (2015). Come evitare che i nostri figli cadano nella trappola del Grooming. Family and media. --Testo disponibile al sito: http://www. familyandmedia.eu/it/argomenti/associazioni/364-come-evitare-che-i-nostri-figli-cadano-nella-trappola-del-grooming.html [data di consultazione: 10-06-2016].
  9. Georgiou M. (2006). Diaspora, identity and the media: diasporic transnationalism and mediated spatialities. Cresskill: Hampton Press.
  10. Giaccardi G. (2016). Intervento sulle comunicazioni e le relazioni umane, Conve-gno sui Social Media per Missionari Saveriani, Tavernerio, 17-30 gennaio.
  11. Greco G. (a cura di) (2014). Pubbliche intimità. L’affettivo quotidiano nei siti di social Network. Milano: Franco Angeli.
  12. Griffiths M. (2000). Does Internet and computer “addiction” exist? Some case study evidence. CyberPsychology & Behavior, 3: 211–218., 10.1089/10949310031606DOI: 10.1089/10949310031606
  13. Kaare B.H., Brandtzaeg P.B., Heim J., Endestad T. (2007). In the borderland be-tween family orientation and peer culture: the use of communication technolo-gies among Norwegian tweens, New Media & Society, 9: 603-624., 10.1177/146144480708032DOI: 10.1177/146144480708032
  14. Kuss D.J., Griffiths M.D. (2011). Online social networking and addiction ‒ A review of the psychological literature. International Journal of Environmental Research and Public Health, 8: 3528–3552.
  15. Mascheroni G. (2012). I ragazzi e la rete. La ricerca UE Kids Online e il caso Ita-lia. Brescia: La Scuola.
  16. Nathan D., Shukla L., Kandasamy A., Benegal V. (2016). Facebook Role Play Addiction – A Comorbidity with Multiple Compulsive ‒ Impulsive Spectrum Disorders. Journal of behavioral addictions, 5: 1-5., 10.1556/2006.5.2016.02DOI: 10.1556/2006.5.2016.02
  17. Scabini E., Rossi G. (2013). Famiglia e nuovi media. Milano: Vita e Pensiero.
  18. Spada, M. (2014). An overview of problematic Internet use. Addictive Behaviors, 39: 3–6.
  19. Regalia C., Manzi C. (2013). La sfida dei social network per l’identità familiare. In Scabini E. e Rossi G. (a cura di) Famiglia e nuovi media. Milano: Vita e Pen-siero, pp. 105-125.
  20. Riva G. (2013). I tre paradossi dei Social Network. In Scabini E. e Rossi G. (a cura di) Famiglia e nuovi media. Milano: Vita e Pensiero, pp. 16-17.
  21. Rivoltella P. (2013). Educare ai nuovi media in famiglia: metafore e prospettive, intervento al Convegno Family TAG, Technology Across Generations, Milano, 18 ottobre.
  22. Rivoltella P., Ferrari S. (2013). Educare ai new media in ambito familiare. Rifles-sioni pedagogiche. In Scabini E. e Rossi G. (a cura di) Famiglia e nuovi media. Milano: Vita e Pensiero, pp. 127-146.
  23. Rowan C. (2015). 10 Reasons Why Handheld Devices Should Be Banned for Chil-dren Under the Age of 12. Huffington Post. --Testi disponibile al sito: http://www.huffingtonpost.com/cris-rowan/10-reasons-why-handheld-devices-should-be-banned_b_4899218.html [data di consultazione: 10-06-2016].
  24. Truzoli R. (2014). Internet Addiction, umore e tratti di personalità. Evidenze dalla ricerca di base, intervento al Congresso Internazionale Congress on Internet Addiction Disorders, Milano, 21-22 marzo.
  25. Veneroni L., Ferrari A., Massimino M., Clerici C.A. (2015). Facebook in oncologia. Revisione della letteratura. Recenti progressi in medicina, 106: 46-51., 10.1701/1740.1896DOI: 10.1701/1740.1896
  26. Vittadini N., Milesi D., Aroldi P. (2013). New-generation Ties: Identity, Social Relations and Digital Technologies among 2G Migrants in Italy. Observatorio (OBS*) Journal: 61-88.
  27. Weinstein A., Curtiss Feder L., Rosenberg K.P., Dannon P. (2014). Internet addic-tion disorder: Overview and controversies. In Curtiss Feder L. e Rosenberg K.P. (eds.), Behavioral addictions. San Diego: Academic Press.
  28. Widyanto L., Griffiths M. (2006). ‘Internet addiction’: A critical review. Interna-tional Journal of Mental Health and Addiction, 4: 31–51.
  29. Young, K. S. (1998). Internet addiction: The emergence of a new clinical disorder. CyberPsychology & Behavior, 1: 237–244.

Marta Di Grado, Aurora Boison, Margherita Tata, Virginia Tamborini, in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 45/2017, pp. 68-81, DOI:10.3280/PR2017-045004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche