Clicca qui per scaricare

Ipnosi e autismo: esiti di un trattamento ipnotico in soggetto affetto da sindrome di Asperger - Comprensione degli stati emotivi mediata dallo stato di trance
Titolo Rivista: IPNOSI 
Autori/Curatori: Silvana Cagiada 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 40-51 Dimensione file:  368 KB
DOI:  10.3280/IPN2017-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il soggetto si presenta all’osservazione incapace di comprendere gli stati mentali delle altre persone: emozioni, pensieri, opinioni e desideri, al fine di spiegarne e anticiparne il comportamento. Tende ad avere uno sguardo sfuggente, una postura rigida, non orientata verso l’interlocutore. I suoi disegni esprimono creatività e dolore, mostra delle difficoltà ad integrare e organizzare le diverse informazioni presentate. Attraverso l’uso dell’ipnosi, con la stimolazione e il coinvolgimento di nuovi circuiti di processi mentali e cognitivi, in uno stato modificato di coscienza, il soggetto diviene in grado di visualizzare racconti metaforici i cui protagonisti sono super eroi, capaci di trasformare l’aggressività in forza creatrice. Una sorta di riscatto sociale che egli stesso persegue, indicandone il percorso, grazie all’azione della simulazione e dell’immaginazione operanti nella terapia ipnotica. I nuovi apprendimenti vengono gradualmente generalizzati alla quotidianità. I risultati ottenuti possono deporre a favore dell’ipotesi che, attraverso l’ipnosi, si possa attivare il meccanismo di "simulazione interna" mediata dai neuroni specchio, con l’attivazione di nuovi circuiti neurali, non danneggiati e usualmente non utilizzati.


Keywords: Ipnosi, simulazione interna, nuovi circuiti neurali.

  1. Anchisi R., Gambotto Dessy M. (1992). Non solo comunicare. Torino: Cortina.
  2. Attwood T. (2007). Guida alla Sindrome di Asperger Diagnosi e caratteristiche evolutive Trento: Edizioni Erickson.
  3. Appel P.R. (2003). Clinical hypnosis in rehabilitation. Seminars in Integrative Me-dicine, 1(2): 90-105., 10.1016/S1543-1150(03)00010-3DOI: 10.1016/S1543-1150(03)00010-3
  4. Balugani R., Ducci G. (2007). Ipnosi e neuroscienze. Neuroni specchio, simulazio-ne ed immaginazione all’opera nell’azione terapeutica. Milano: Franco Angeli.
  5. Bandler R., Grinder J. (1984). I Modelli della Tecnica Ipnotica di Milton H. Erick-son. Roma: Astrolabio.
  6. Cagiada S. (2015). Training ipnotico di assertività e comunicazione, in Merati L., Ercolani E., a cura di, Manuale pratico di ipnosi clinica e autoipnosi. Milano: Edra.
  7. Cagiada S., Canidio L., Pennati A. (1997). Successful integrated Hypnotic and Psychopharmacological treatment of a war-related post-traumatic psychological and somatoform dissociative disorder of two years duration (psychogenic coma). Dissociation, 10(3): 182-189.
  8. Cagiada S., Canidio L., Pizzi R. (2006). Sperimentazione sull’apprendimento in ipnosi, memorizzazione e ritenzione, rivolta a soggetti che presentano una disa-bilità medio-lieve, con tecnica multimediale. Rivista di Ipnosi e Psicoterapia Ipnotica ,107-110.
  9. Colombi C., Saron D., Beransky M. (2009). Mirror neuron system activation in au-tism in response to transitive and intransitive actions. Paper presented at the In-ternational Meeting for Autism Research, May 7-9.
  10. De Benedittis G., Del Castello E., Valerio C. (2008). Dall’ipnosi ericksoniana alle neuroscienze. L’ipnosi fra scienza, cultura e tecnica terapeutica. Milano: Franco Angeli.
  11. Erickson M.H. (1978). Le nuove vie dell’ipnosi. Roma: Astrolabio.
  12. Greenspan S.I., Simons R., Wieder S. (1998). The Child with Special Needs: En-couraging Intellectual and Emotional Growth. US: Capo Press.
  13. Gallese V. (2001). The Shared Manifold hypothesis: from mirror neurons to empa-thy. Journal of Consciousness Studies, 8: 33-50.
  14. Keller R., Bugiani S., Fantin P., Pirfo E. (2011). Neuroni specchio e autismo. Giornale Italiano di Psicopatologia, 17: 404-412.
  15. Lovaas I. (2002). Teaching Individuals with development delays. Pro-Ed.
  16. Morrison J. (2014) DSM-5 Made Easy Percorsi alla diagnosi. Milano: Edra.
  17. Oberman L.M., Ramachandran V.S., Pineda J.A. (2008). Modulation of mu sop-pression in children with autism spectrum disorder in response to familiar or unfamiliar stimuli: the mirror neuron hypothesis. Neuropsychologia, 46: 1558-1565.
  18. Rizzolatti G., Fadiga L., Gallese V., Fogassi L. (1996). Premotor cortex and the recognition of motor actions. Cognitive Brain Research, 3: 131-141., 10.1016/0926-6410(95)00038-0DOI: 10.1016/0926-6410(95)00038-0
  19. Rizzolatti G., Fogassi L., Gallese V. (2001). Neurophysiological mechanisms un-derlying the understanding and imitation of action. Nature Reviews neuroscience, 2: 661-670., 10.1038/35090060DOI: 10.1038/35090060
  20. Rizzolatti G., Fabbri-Destro M., Cattaneo L. (2009). Mirrorneurons and their clini-cal relevance. Nature Clinical Practice Neurology, 5: 24-34.
  21. Rogers S.J., Hall T., Osaky D., Reaven J., Herbison J. (2001). The Denver Model: A Comprenhensive, Integrated Educational Approach to Young Children with Autism and Theri Families, in Handleman J.S, Harris S.L., eds., Preschool Ed-ucation Program for Children with Autism. Texas: Pro-Ed.
  22. Schopler E., Reicher R.J., Lansing M. (1991). Strategie Educative nell’autismo. Milano: Masson.
  23. Van der Hart O., Steele K., Boon S., Brown P. (1993). The treatment of traumatic memories: synthesis realization and integration. Dissociation, 6: 162-180.
  24. Yapko D. (2009). L’intervento ipnotico con i bambini affetti da disturbi dello spet-tro autistico, in Fasciano M., a cura di, L’ipnosi con i bambini e gli adolescenti. Tecniche psicoterapeutiche in età evolutiva. Milano: Franco Angeli.
  25. Wing L. (1981). Asperger’s Syndrome: a clinical account. Psychological Medicine, 11: 115-129., 10.1017/S0033291700053332DOI: 10.1017/S0033291700053332

Silvana Cagiada, in "IPNOSI" 1/2017, pp. 40-51, DOI:10.3280/IPN2017-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche