Clicca qui per scaricare

Confronto tra ipnosi ericksoniana e metodo Vittoz attraverso l’osservazione dei minimal cues e dell’onda Vittoz
Titolo Rivista: IPNOSI 
Autori/Curatori: Elisabetta Rossi 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 68-79 Dimensione file:  295 KB
DOI:  10.3280/IPN2017-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente lavoro esplora la relazione tra il metodo terapeutico ideato all'inizio del 1900 dal neurologo svizzero Roger Vittoz per la cura e il riequilibrio delle atti-vità neuropsichiche nei disagi di origine nervosa e l’ipnosi Ericksoniana. Il metodo Vittoz propone esercizi di distensione fisica, di concentrazione e di recettività sen-soriale per sviluppare l’attenzione e l'attività cosciente. Peculiare a questo metodo è la rilevazione di una vibrazione o onda, percepita ponendo una mano sulla fronte del paziente, che consente al terapeuta di valutare l'attività mentale del paziente durante lo svolgimento degli esercizi e di verificarne la correttezza. Durante gli esercizi del metodo si raggiunge uno stato di profonda distensione corporea e una lieve modificazione dello stato di coscienza, che potrebbe essere interpretata come uno stato di trance ipnotica. Con lo studio svolto ci siamo quindi proposti di capire da un lato, se per questa terapia si possa parlare effettivamente di ipnosi, valutando la comparsa dei minimal cues, segnali corporei caratteristici della trance ipnotica, e dall’altro accertare se la vibrazione Vittoz sia presente anche durante lo stato di trance ipnotica Ericksoniana e osservarne le caratteristiche e le eventuali differenze rispetto alla vibrazione percepita durante la pratica del metodo Vittoz. Lo studio è stato svolto su volontari e la valutazione condotta da una terapeuta Vittoz e da una psicoterapeuta in ipnosi Ericksoniana. Vengono discussi i risultati ottenuti e le differenze rilevate tra le due tecniche, con un breve accenno ai correlati psico-neurofisiologici.


Keywords: Vittoz, coscienza, attenzione, recettività, vibrazione, ipnosi.

  1. Allen M., Dietz M., Blair K.S., Beek M., Rees G., Vestergaard-Poulsen P., Lutz A., Roepstorff A. (2012). Cognitive-affective neural plasticity following active-controlled mindfulness intervention. Journal of Neuroscience, 32(44): 15.601-15.610., 10.1523/JNEUROSCI.2957-12.2012DOI: 10.1523/JNEUROSCI.2957-12.2012
  2. Avicenna (1999). Kitab al-Qanun fi al-Tibb (Il Canone della Medicina). Great Books of the Islamic World.
  3. Bordoni B., Zanier E. (2015). Sutherland’s legacy in the new millennium: the oste-opathic cranial model and modern osteopathy. Advances in Mind-Body Medi-cine, 29(2): 15-21.
  4. De Benedittis G. (2003). Understanding the multidimensional mechanism of hyp-notic analgesia. Contemporary Hypnosis, 20(2): 59-80.
  5. De Benedittis G. (2015). Neural mechanism of hypnosis and meditation. Journal of Physiology ‒ Paris, 109(4-6): 152-164.
  6. Del Casale A., Ferracuti S., Rapinesi C., Serata D., Sani G., Savoja V., Kotsalidis D.G., Tatarelli R., Girardi P. (2012). Neurocognition under hypnosis. Findings from recent functional neuroimaging studies. International Journal of Clinical and Experimental Hypnosis, 60(3): 286-317., 10.1080/00207144.2012.675295DOI: 10.1080/00207144.2012.675295
  7. Ellenberger H.F. (1976). La scoperta dell’inconscio. Torino: Bolinghieri.
  8. Elkins G.R., Barabasz A.F., Council J.R., Spiegel D. (2014). Advancing Research and Practice: The Revised APA Division 30 Definition of Hypnosis. American Journal of Clinical Hypnosis, 57: 378-385., 10.1080/00029157.2015.1011465DOI: 10.1080/00029157.2015.1011465
  9. Erickson M. (1954). Hypnotism. Encyclopedia Britannica. 14th Ed. Vol.12.
  10. Ferrari A. (2002). Dizionario di mitologia greca e latina. Torino: UTET.
  11. Gay A., Gattegno C. (1952). Un nouveau phénomène psychosomatique. Parigi: Delachaux et Niestlé.
  12. Gay-Laurans M. (1990). La Psychosynthese Unicitaire. Lyon: L’Interdisciplinaire.
  13. Granone F. (1989). Trattato di ipnosi. Torino: UTET.
  14. Ilza Veith (2006). Testo Classico di Medicina Interna dell’Imperatore Giallo. Ro-ma: Mediterranee.
  15. Jensen E. (2009). Enriching the brain. How to Maximize Every Learner’s Poten-tial. San Francisco: Jossey-Bass.
  16. Jung C.G. (1977). Gli archetipi dell’inconscio collettivo. Torino: Boringhieri.
  17. Kabat-Zin J. (1997). Dovunque tu vada ci sei già. Milano: Corbaccio.
  18. Kandel E.R., Schwartz J.H., Jessel T.M. (2000). Principles of neural science. New York: McGraw-Hill.
  19. Mahncke H.W., Bronstone A., Merzenich M.M. (2006). Brain Plasticity and Func-tional Losses in the Aged: Scientific Bases for a Novel Intervention. Progress in Brain Research, 157: 81-109., 10.1016/S0079-6123(06)57006-2DOI: 10.1016/S0079-6123(06)57006-2
  20. Merzenich M.M. (2005). Change mind for the better. Journal on Active Aging, (12): 22-29.
  21. Nardone G., Loriedo C., Zeig J, Watzlawick P. (2006). Ipnosi e terapie ipnotiche. Milano: Ponte delle Grazie.
  22. Nelson K.E., Sergueff N., Lipinski C.M., Chapman A.R., Glonek T. (2001). Cranial rhythmic impluse related to the Traube-hering-Mayer oscillation: comparing laser-Doppler flowmetry and palpation, Journal of the American Osteopathic Association, 101(3): 163-173.
  23. Russo M.T. (2006). La ferita di Chirone. Milano: Vita e pensiero.
  24. Vittoz R. (1992). Traitement des psychonévroses par la rééducation du control cérébral. Parigi: Tequi.
  25. Zeig J.K. (1990). Erickson. Un’introduzione all’uomo e alla sua opera. Roma: Astrolabio.

Elisabetta Rossi, in "IPNOSI" 1/2017, pp. 68-79, DOI:10.3280/IPN2017-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche