Clicca qui per scaricare

On the representative status of Belgian employers’ organizations for the purpose of collective bargaining
Titolo Rivista: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Autori/Curatori: Filip Dorssemont 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 154 Lingua: Inglese 
Numero pagine:  11 P. 253-263 Dimensione file:  170 KB
DOI:  10.3280/GDL2017-154003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In this paper, some legal characteristics of the Belgian system of collective bargaining (in the private sector) are highlighted for an Italian audience. The procedures identifying the representative employers’ organizations at the various bargaining levels concerned are analysed. It goes without saying that employers are per se representative for collective bargaining taking place at the level of the enterprises. Hence, the levels concerned are solely the branch and intersectoral levels. For a better understanding of this procedure, en filigrane, a comparison is drawn with the procedure applied for the identification of the representative trade unions. This paper concludes with some "comparative" observations dealing with the representative status of trade unions and employers and with an assessment of the conformity of the Belgian system for identifying representative employers’ organizations with the ILO standards.

In questo saggio sono evidenziate alcune caratteristiche giuridiche del sistema belga di contrattazione collettiva (settore privato), per un pubblico italiano. Vengono analizzate le procedure che qualificano le organizzazioni datoriali a vari livelli. Risulta ovvio che i datori di lavoro siano di per se rappresentativi in fase di contrattazione collettiva a livello aziendale. Di conseguenza, i livelli trattati nel saggio sono esclusivamente quello d’industria e quello intersettoriale. Per meglio delineare il funzionamento della suddetta procedura, en filigrane, si sviluppa una comparazione con la procedura utilizzata per la qualificazione dei sindacati rappresentativi. Il saggio conclude con alcune osservazioni, sempre di ordine comparatistico, a proposito della rappresentatività dei sindacati e delle organizzazioni datoriali e con un’analisi della conformità del sistema belga con gli standard OIL.
Keywords: Rappresentatività; Organizzazioni datoriali; Libertà di associazione e contrat-tazione collettiva.

  1. Bechter B., Brandl B. (2014). Developments in Industrial relations in Europe. In: European Commission, Industrial relations in Europe. Luxembourg: Publications Office of the European Union.
  2. Brion R., Moreau J-L. (1995). L’organisation interprofessionnelle du patronat (1895-1973). In: Brion R., Hatry P., Moreau J.-M., Peeters T. (eds.), 100 ans pour l’entreprise. Bruxelles: éditions Racine.
  3. Van Hiel I. (2011). De werkgever, de werkgeversorganisatie en de vrijheid van vakvereniging. Orientatie: 2.

Filip Dorssemont, Rappresentatività; Organizzazioni datoriali; Libertà di associazione e contrattazione collettiva. in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 154/2017, pp. 253-263, DOI:10.3280/GDL2017-154003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche