Clicca qui per scaricare

La valutazione partecipata come strumento di ricerca, formazione, cambiamento: uno studio di caso sul Peiv (piano educativo integrato del vergante)
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI 
Autori/Curatori: Nicoletta Pavesi 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 91-113 Dimensione file:  339 KB
DOI:  10.3280/SP2017-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il contributo propone una riflessione sul tema della valutazione partecipata, a partire da un’esperienza realizzata in ambito socio-educativo. La valutazione partecipata tiene conto da una parte delle competenze professionali dell’esperto valutatore, e dall’altra delle competenze esperienziali sull’oggetto della valutazione portate da tutti gli stakeholder, intendendo qualsiasi soggetto, sia esso un professionista erogatore del servizio o un semplice cittadino utilizzatore di esso. Il gruppo guida ha prima ricostruito il progetto nelle sue dimensioni materiali (bisogni-risposte), per poi ragionare sui principi che guidano l’iniziativa. Il processo di valutazione partecipata ha permesso di verificare che, così come indicato dalla letteratura, tale strumento consente di conseguire risultati a livello personale, di gruppo e di progetto.


Keywords: Valutazione partecipata; Lavoro di rete; Educazione; Comunità; Empowerment

  1. Adelman, C., Kemmis, S., Jenkins, D. 1980. Rethinking Case Study: Notes From the Second Cambridge Conference, in H. Simons (ed.), Towards a Science of the Singular, pp.47-61. CARE Occasional Publications. No. 10. Norwich: Centre for Applied Research in Education, University of East Anglia
  2. Beck, U. 2000. La società del rischio. Roma: Carocci.
  3. Belardinelli S. a cura di 2005. Welfare community e sussidiarietà. Milano: EGEA - Giuffrè.
  4. Bertolo, E. e Moretto, A. 1998, Percorsi di empowerment. Animazione Sociale, 1, pp. 61-69.
  5. Boccacin, L. 2009. Terzo settore e partnership sociali : buone pratiche di welfare sussidiario. Milano: Vita e Pensiero.
  6. Bramanti, D. 2010. Welfare community e nuove professioni: tra prossimità e coesione sociale, paper presentato al X Convegno Nazionale AIS, 23-25 settembre 2010, Milano.
  7. Brunner, I. and Guzman, A. 1989. Participatory Evaluation: A Tool to Assesss Projects and Empower People, in R.F. Conner and M. Hendricks eds., International Innovations in Evaluation Methodology. New Directions for Evaluation. 42, pp. 9-18
  8. Carrà, E. 1998. I molti “volti” dell’associazionismo familiare: due studi di caso. in P. Di Nicola a cura di. Famiglia e politiche di welfare. Sociologia e politiche sociali 3, pp. 153-179.
  9. Carrà, E. 2008a. Buone pratiche e capitale sociale. Servizi alla persona pubblici e di privato sociale a confronto. Milano: LED.
  10. Carrà, E. 2008b. Un’osservazione che progetta. Strumenti per l’analisi e la progettazione relazionale di interventi nel sociale. Milano: LED.
  11. Carrà E. 2013. “Putting family first”: a sociological analisys of Doherty’s citizen professionalism and participatory approaches. Italian Journal of Sociology of Education. 5, pp. 127-147.
  12. Colozzi I. 1997. Il principio di sussidiarietà come principio regolatore delle politiche sociali, in G. Rossi a cura di. Terzo settore, stato e mercato nella trasformazione delle politiche sociali in Europa. pp. 24-33. Milano: FrancoAngeli.
  13. Cousins, J. B. and Earl, L. M. 1992, The Case for Participatory Evaluation, Educational Evaluation and Policy Analysis. 14 (4), pp. 397-418.
  14. Doherty, W.J. 2013. The citizen professional: working with families and communities in problem people care about. Italian Journal of sociology of education. 5, pp. 111-126.
  15. Donati, P. 2006. Un nuovo modo di analizzare, valutare e implementare le buone prassi nei servizi alla famiglia: il modello relazionale, in P. Donati P. e R. Prandini a cura di. Buone pratiche e servizi innovativi per la famiglia, pp. 546- 567. Milano: FrancoAngeli.
  16. —2007. L’approccio relazionale al capitale sociale. Sociologia e politiche sociali, X, 1, pp. 9-39.
  17. —a cura di. 2007. Famiglia e bisogni sociali: la frontiera delle buone prassi. Milano: FrancoAngeli.
  18. Donati, P. e Prandini, R. 2006. a cura di. Buone pratiche e servizi innovativi per la famiglia, Milano: FrancoAngeli.
  19. Donati, P. e Colozzi, I. a cura di. 2005. La sussidiarietà: che cos’è e come funziona. Roma: Carocci.
  20. Folgheraiter, F. 1998. Teoria e metodologia del servizio sociale. FrancoAngeli: Milano.
  21. —2000. L’utente che non c’è. Lavoro di rete e empowerment nei servizi alla persona, Erickson, Trento.
  22. —2007. La logica sociale dell’aiuto. Fondamenti per una teoria relazionale del welfare. Trento: Erickson.
  23. Foresti, M. 2004. La partecipazione in ambito valutativo: mito o realtà? Teoria e pratica degli approcci valutativi. Rivista italiana di valutazione. 25, pp. 45-70.
  24. Franco, V. 1996. Etiche possibili. Il paradosso della morale dopo la morte di Dio. Roma: Donzelli.
  25. Freire, P. 1982. Creating Alternative Research Methods: Learning to Do It by Doing It, in B. Hall, A. Gillette, R. Tandon eds. Creating Knowledge: a Monopoly. Participatory Research, pp. 29-37. New Delhi: Society for Participatory research in Asia and Toronto: International Council for Adult Education.
  26. Garaway, G.B. 1995, Participatory Evaluation. Studies in Educational Evaluation. 21, pp. 85-102.
  27. Ghiglione, R., Beauvois, J.L., Chabrol, C., Trognon, A. 1980. Manuel d’analyse de contenu, Armand Colin, Paris.
  28. Goffman, E. 1970. Stigma, l’identità negata. Bari: Laterza.
  29. Kemmis, S. 1980. The imagination of the case and the invention of the study. in H. Simons ed. Towards a Science of the Singular, Centre for Applied Research in Education, pp. 96-146. Norwich: University of East Anglia.
  30. Levitorn, L.C. and Hughes, E.F.X. 1981. Research on the Utilization of Evaluations: a Review and Synthesis, Evaluation Review, 5, pp. 525-548.
  31. Maguire L. 1987, Il lavoro sociale di rete. L’operatore sociale come mobilizzatore e coordinatore delle risorse informali della comunità, Trento: Erickson.
  32. Martini, E.R. 1996. La ricerca-azione partecipata. Per una pratica dello sviluppo di comunità. In S. Berruti a cura di. Il lavoro di comunità, pp. 104-119, Torino: Gruppo Abele.
  33. Martini, E. R. 2001. La valutazione dei progetti di sviluppo di comunità, più domande che risposte. Rassegna italiana di valutazione, 21, pp. 35-50.
  34. Merton, R.K. 1968. Teoria e struttura sociale. Bologna: il Mulino.
  35. Orlando, V. e Pacucci, M. 2005, La scommessa delle reti educative. Il territorio come comunità educante, Roma: LAS.
  36. Palumbo, M. 2004. La valutazione partecipata e i suoi esiti. Rassegna italiana di valutazione, 25, pp. 71-88.
  37. Napolitano E. 2015, Educazione, comunità e politiche del territorio. FrancoAngeli: Milano.
  38. Prandini, R. 2006. I servizi relazionali per la famiglia, in E. Scabini, G. Rossi a cura di. Le parole della famiglia, Studi interdisciplinari sulla famiglia, n. 21, pp. 199-212.
  39. Rappaport, J. 1987, Terms of empowerment exemplars of prevention: towards theory of community, American Journal of Community Psychology, 15, 2, pp. 121-148.
  40. Rossi, G. 2005. Servizi alla persona e sussidiarietà. in S. Belardinelli a cura di. Welfare Community e sussidiarietà, p. 91-110. Milano: Egea, Milano.
  41. —2010. Politiche familiari, in AIS a cura di. Mosaico Italia, pp. 399-404. Milano: FrancoAngeli.
  42. Rossi, G. e Boccacin, L. a cura di 2007. Capitale sociale e partnership tra pubblico, privato e terzo settore. Casi di buone pratiche nei servizi alla famiglia. Volume I, Milano: FrancoAngeli.
  43. Scabini, E. e Rossi, G. a cura di. 2006. Le parole della famiglia. Milano: Vita e Pensiero.
  44. Shaw, I.F. and Green, J.C., Mark, M.M. eds. 2006. The Sage Handbook of Evaluation, New Delhi: Sage.
  45. Schön, D. A. 1999. Il professionista riflessivo. Per una epistemologia della pratica professionale. Bari: Dedalo.
  46. Shaw, I., and Lishman, J. a cura di 2002. La valutazione nel lavoro sociale. Approcci e metodi. Trento: Erickson.
  47. Smits, P.A. and Champagne, F. 2008. An Assessment of the Theoretical Underpinnings of Practical Participatory Evaluation. American Journal of Evaluation. 29, pp.427-442
  48. Stake, R.E. 1995. The Art of Case Study Research. Thousand Oaks- London-New Delhi: Sage.
  49. Weaver, L. and Cousins, J.B. 2004. Unpacking the participatory process. Journal of MultiDisciplinary Evaluation. 1, pp. 19-40
  50. Whitmore, E. 1991. Evaluation and empowerment: it’s process that counts. Empowerment and Family Support Networking Bulletin. (Cornell University Empowerment Project), 2, pp. 1-7.

Nicoletta Pavesi, in "SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI" 2/2017, pp. 91-113, DOI:10.3280/SP2017-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche