Clicca qui per scaricare

Feudi pontifici, fiscalità e transiti commerciali nel Piemonte del Settecento
Titolo Rivista: CHEIRON 
Autori/Curatori: Marco Battistoni 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 64-88 Dimensione file:  301 KB
DOI:  10.3280/CHE2016-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I feudi pontifici del Piemonte dell’età moderna offrono un buon esempio di come un territorio giurisdizionalmente frammentato potesse rivelarsi un fattore positivo per la vita economica locale. La larga indipendenza mantenuta per secoli nei confronti dello Stato sabaudo fu infatti determinante per il ruolo connettivo altamente redditizio da essi svolto all’interno di un’economia di transito di scala regionale e, in ultima analisi, globale. Insieme a numerose altre situazioni di ‘extraterritorialità’ o privilegio comprese entro i confini dello stato sabaudo di antico regime, i feudi pontifici assicurarono una rete di comunicazioni in grado di incanalare importanti flussi commerciali al riparo dalle barriere doganali interne ed esterne dello stato sabaudo. A sua volta, la vitale funzione economica dei feudi pontifici piemontesi contribuì, insieme con la protezione della Santa Sede, a rafforzare la loro capacità di resistenza alla piena incorporazione nello spazio politico sabaudo.


Keywords: Feudi pontifici; Piemonte; transiti commerciali; spazio sabaudo; confini; economia locale

Marco Battistoni, in "CHEIRON" 2/2016, pp. 64-88, DOI:10.3280/CHE2016-002004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche