Clicca qui per scaricare

Dalla "confusione delle lingue" alle "patologie dell’immediatezza": tra vite vissute e pellicole cinematografiche
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Mariangela Villa 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 41-54 Dimensione file:  195 KB
DOI:  10.3280/PSP2017-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Integrando vignette cliniche e pellicole cinematografiche, l’Autrice affronta la tematica del limite e della sua assenza nell’epoca attuale, mettendo in risalto quanto questa abbia decretato il passaggio a nuove forme psicopatologiche, fondate su un profondo senso di vacuità interiore e cristallizzate in un’assenza di progettualità. Partendo dal presupposto che le patologie con cui ci siamo sempre più confrontati negli ultimi decenni hanno reso necessaria una modulazione del setting, si chiede quali strumenti sia necessario ora reperire per affrontare quella che è stata definita una vera e propria mutazione antropologica.


Keywords: Modulazione del setting, dissociazione, stati del Sé, nuove patologie.

  1. Algini M.L. (2011). Tra siti, manga e anime. Percorsi perturbanti. Psicoterapia Psicoanalitica, 2: 23-38.
  2. Baumann Z. (2000). Modernità liquida. Roma-Bari: Laterza, 2002.
  3. Benasayag M., Schmit G. (2003). L’epoca delle passioni tristi. Milano: Feltrinelli, 2005.
  4. Benasayag M. (2015). Oltre le passioni tristi. Dalla solitudine contemporanea alla creazione condivisa. Milano: Feltrinelli, 2016.
  5. Bromberg P.M. (1998/2001). Clinica del trauma e della dissociazione. Standing in the spaces. Milano: Cortina, 2007.
  6. Ehrenberg A. (1999). La fatica di essere se stessi. Depressione e società. Torino: Einaudi.
  7. Ehrenberg Bregman D. (1992). Il limite dell’intimità. Potenziare l’interazione psicoanalitica. Torino: Centro Scientifico Editore, 2009.
  8. Kaës R. (2005). Il disagio del mondo moderno e la sofferenza del nostro tempo. Saggio sui garanti metapsichici. Psiche, 2: 47-55.
  9. Kaës R. (2012). Il malessere. Roma: Borla, 2013.
  10. Kaës R. (2015). L’estensione della psicoanalisi. Per una metapsicologia di terzo tipo. Milano: Franco Angeli, 2016.
  11. Kimura B. (2005). Scritti di psicopatologia fenomenologica. Roma: Fioriti.
  12. La Scala M., Costantini M.V. (a cura di) (2008). Il lavoro psicoanalitico sul limite. Contributi teorici e clinici. Milano: Franco Angeli.
  13. Pewzner E. (1996). L’uomo e la sua colpa, Moretti e Vitali, Bergamo, 2000.
  14. Recalcati M. (2010), L’uomo senza inconscio. Figure della nuova clinica psicoanalitica. Milano: Cortina.
  15. Recalcati M. (2011). Cosa resta del padre? La paternità nell’epoca ipermoderma. Milano: Cortina.
  16. Sennet R. (1998). L’uomo flessibile. Milano: Feltrinelli.
  17. Stanghellini G. (2014). Una Società ad Orologeria. Una modesta proposta. Plexus, 7: 24-36.
  18. Williams P. (2013). Feccia. Milano: Mimesis, 2017.
  19. Winnicott D.W. (1965). Sviluppo affettivo e ambiente. Roma: Armando, 1970.
  20. Zaltzman N. (2007). Lo spirito del male. Roma: Borla, 2011.

Mariangela Villa, in "PSICOTERAPIA PSICOANALITICA" 2/2017, pp. 41-54, DOI:10.3280/PSP2017-002004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche