Clicca qui per scaricare

Collisioni nell’area traumatica. Remember (di Atom Egoyan, Canada, 2015)
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Giuseppe Riefolo 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 181-196 Dimensione file:  129 KB
DOI:  10.3280/PSOB2017-003011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il film fa riflettere su alcuni passi dei processi terapeutici. Il colpo di scena, tipico dei film thriller, non è solo un’improvviso ribaltamento del codice che organizza la storia, ma può essere visto anche come la collisione di più storie che fino a quel momento procedevano parallele e a livelli differenti di evidenza. In questo caso le storie di Zev e di Max, che fino alla fine procedono parallele, improvvisamente collidono e ne emerge un nuovo registro che le tiene insieme: non più la vendetta condivisa contro un oggetto esterno, ma la collisione di due soggettività. Il trauma è il tema centrale del film, e risalire il trauma è un percorso che si compie a vari livelli. Il primo è il recupero delle memorie. Il film ribadisce che il blocco traumatico è organizzato intorno alle memorie implicite soprattutto procedurali e di priming. È il suono l’elemento sensoriale che guida il recupero delle memorie: quello del pianoforte e della musica di Wagner come il timbro della voce. Infine, vi sono apparenti false identità e falsi riconoscimenti che introducono alla funzione degli enactment: come nei processi terapeutici con pazienti particolarmente border, gli errori del terapeuta introducono al vero e profondo riconoscimento del paziente la cui identità sopravviveva protetta dalla dissociazione del trauma.


Keywords: Trauma; dissociazione; enactment; memorie implicite; memorie traumatiche; cinema e psicoanalisi.

  1. Boston Change Process Study Group (2010) Il cambiamento in psicoterapia, Raffaello Cortina, Milano, 2012
  2. Bromberg Ph.M. (1998) Clinica del trauma e della dissociazione, Raffaello Cortina, Milano, 2007
  3. Bromberg Ph.M. (2006) Destare il sognatore, Raffaello Cortina, Milano, 2009
  4. Bromberg Ph.M. (2011) L’ombra dello tsunami, Raffaello Cortina, Milano, 2012
  5. Bateman A.W., Fonagy P. (2004) Il trattamento basato sulla mentalizzazione, Raffaello Cortina, Milano, 2006
  6. Bateman A.W., Fonagy P. (2006) Guida pratica al trattamento basato sulla mentalizzazione, Raffaello Cortina, Milano, 2010
  7. Clarkin J.F., Yeomans F.E., Kernberg O.F. (1999) Psicoterapia della personalità borderline, Raffaello Cortina, Milano, 2000
  8. Gaudilliére J.M. (2010) “Psychoanalysis and the trauma(s) of history”, 17th online colloquium of the International Association of Relational Psychoanalysis and Psychotherapy, 6-19 dicembre (cit. in Bromberg, 2011)
  9. Jacobs T.J. (1986) “On Countertransference Enactments”, J. Amer. Psychoanal. Assn., 34: 289-307
  10. Jaynes J. (1990) Il crollo della mente bicamerale e l’origine della coscienza, Adelphi, Milano
  11. Janet P. (1889) L’automatismo Psicologico, Raffaello Cortina, Milano, 2013
  12. Janet P. (1907) The major symptoms of hysteria, The MacMillan Company, New York, Forgotten Books, Norwood, Mass., 2012
  13. Meares R. (2000) Intimità e alienazione, Raffaello Cortina, Milano, 2005
  14. Meares R. (2012) Un modello dissociativo del disturbo di personalità, Raffaello Cortina, Milano, 2015
  15. Reik T. (1935) Der Uberraschte Psychologe, Leiden (trad. franc.: Le psychologue surpris, Paris, Denoël, 1976)
  16. Renik O. (2006) Psicoanalisi pratica per terapeuti e pazienti, Raffaello Cortina, Milano, 2007
  17. Romagnoli G. (2014) “Non dirmi come va a finire”, La Repubblica, 26, 10: 44
  18. Rossi Monti M. (2013) “Borderline. Quale depressione?”, in Rossi Monti M., Gosio N., Depressione: il paradigma errante, FrancoAngeli, Milano, 2013
  19. Sandler J. (1976) “Countertransference and Role-Responsiveness”, Int. Rew. Psycho-Anal., 3: 43-47
  20. Shore A. (2011) “Attaccamento, trauma, dissociazione: una premessa neurobiologica”, in Bromberg P.M., L’ombra dello tsunami. La crescita della mente relazionale (trad. it.: Raffaello Cortina, Milano, 2012)
  21. Smith H.F. (1995) “Analytic listening and the experience of surprise”, Int. J. Psycho-Anal., 76: 67-78
  22. Stengel E. (1939) “Studies on the psychopatology of compulsive wandering”, British Journal of of Mediccal Psychology, 18: 250-254 (cit. in Meares, 2012)
  23. Stern D.B. (2003) L’esperienza non formulata. Dalla dissociazione all’immaginazione in psicoanalisi, Del Cerro, Tirrenia, 2007
  24. Stern N.D. (2004) Il momento presente, Raffaello Cortina, Milano, 2005
  25. Stoeri J. (2005) “Surprise, shock, and dread, and the nature of therapeutic action”, Contemp. Psychoanal., 41:183-202.
  26. Taerk G. (2002) “Moments of spontaneity and surprise: The nonlinear road to something more”, Psychoanal. Inq., 22: 728-739
  27. Vennemann J. (1993) “Psicanalisi, incontro simbolico, produzione poetica, presa e sorpresa”, Metaxù, 15: 66-71

Giuseppe Riefolo, in "PSICOBIETTIVO" 3/2017, pp. 181-196, DOI:10.3280/PSOB2017-003011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche