Clicca qui per scaricare

Conscientious objection to abortion in Sweden. A commentary on the Swedish Labour Court Grimmark case, AD 2017 nr 23
Titolo Rivista: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Autori/Curatori: Kavot Zillén 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: 156 Lingua: Inglese 
Numero pagine:  11 P. 791-811 Dimensione file:  170 KB
DOI:  10.3280/GDL2017-156010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Per assicurare l’effettivo godimento della libertà di religione e di coscienza del personale medico e sanitario, alcuni paesi europei hanno sviluppato e adottato norme che conferiscono a tali professionisti il diritto di rifiutare di partecipare a certi servizi medici e sanitari, per motivi religiosi, un diritto conosciuto anche come diritto all’obiezione di coscienza nei servizi medici e sanitari. Attualmente, in Svezia, non esiste un diritto del personale medico e sanitario di rifiutarsi di prestare - o partecipare a - procedure mediche contrarie al loro credo religioso o morale. Tuttavia, recentemente la questione dell’obiezione di coscienza è stata sollevata in Svezia a seguito del desiderio di svariate ostetriche di non prendere parte a procedure di aborto, in quanto in contrasto con le proprie convinzioni religiose. In questo commento, la questione dell’obiezione di coscienza all’aborto in Svezia è esplorata analizzando un recente caso sollevato di fronte al Tribunale del lavoro svedese (AD 2017 n. 23), concernente un’ostetrica, Ellinor, a cui era stato rifiutato l’impiego in svariate cliniche per donne sulla base della sua obiezione di coscienza all’aborto. Il caso è analizzato con particolare attenzione alle due questioni centrali trattate dal Tribunale del lavoro: la libertà di religione e il divieto di discriminazione per motivi religiosi.


Keywords: Obiezione di coscienza; Aborto; Svezia; Tribunale del lavoro svedese; libertà di religione; divieto di discriminazione per motivi religiosi

  1. Barnard C. (2012). EU Employment Law. Oxford: Oxford University Press.
  2. Farsides B. et al. (2004). Aiming towards ‘moral equilibrium’: health care professionals’ views on working within the morally contested field of antenatal screening. JME: 505 ss.
  3. Jonsson I.M., Zätterström C., Sundström K. (2001). Midwives’ role in management of medical abortion. Swedish Country Report.
  4. Lamačkova A. (2008). Conscientious objection in reproductive health care: analysis of Pichon and Sajous v. France. EJHL: 7 ss.
  5. McCafferty C. (2010). Report on women’s access to lawful medical care: the problem of unregulated use of conscientious objection. Doc. 12347, 20.7.2010. The Social, Health and Family Affairs Committee, Council of Europe.
  6. Ringelheim J. (2012). Religion, Diversity and The Workplace: What Role of Law. In: Alidadi K., Foblets M.C., Jogchum V. (eds.), A Test of Faith? Religious Diversity and Ac-commodation in the European Workplace. Routledge.
  7. Sjöström S. et al. (2016). Medical Abortion Provided by Nurse-Midwives or Physicians in a High Resource Setting: A Cost-Effectiveness Analysis. PloS one 11 (6).
  8. Zillén K. (2016). Health care professionals freedom of religion and conscience: A legal study about conscientious refusal and the requirement to provide good care. Uppsala: Uppsala University.

Kavot Zillén, in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 156/2017, pp. 791-811, DOI:10.3280/GDL2017-156010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche