Clicca qui per scaricare

Il suicidio nelle carceri: un’analisi sociologica del fenomeno
Titolo Rivista: SALUTE E SOCIETÀ 
Autori/Curatori: Anna Civita 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 88-104 Dimensione file:  212 KB
DOI:  10.3280/SES2018-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 




Suicide is often one of the most common causes of death in prison. Each suicide has its own story, whereby the dynamics, the causes, the circumstances and the factors that induce the subject to commit this extreme act should be analysed. Such act is to be understood as a way to communicate a dramatic and desperate situation, that didn’t find any solution in society. The convict, in this way, finds in suicide an escape from the situation he is in. The lost of hope and fear of the future, like the composure to adapt to the prison life can push the convict towards the enable to manage the uncertainty of his existence. The entrance in prison could represent a moment in which there is a manifestation of a feeling of bewilderment, confusion and apprehension, called "trauma of entrance" which changes from subject to subject. In the present paper the idea is to provide a context of the phenomenon of suicide in general, to present the total institution of prison, as well as to analyse the phenomenon of suicide inside of the same prison.
Keywords: Suicidio; carcere; integrazione; prevenzione; disagio; rieducazione.

  1. Barbagli M., Colombo A., Savona E. (2003). Sociologia della devianza. Bologna: Il Mulino.
  2. Barbagli M. (2009). Congedarsi dal mondo. Bologna: Il Mulino.
  3. Battisti F.M., Santilli M. (2007). Jail Toleration Scale. In: Esposito M, a cura di, Malati in carcere. Milano: FrancoAngeli.
  4. Bronfenbrenner U. (1979). The ecology of human development. Cambridge, MA: Harvard University Press.
  5. Buffa P. (2012a). Il suicidio in carcere: la categorizzazione del rischio come trappola concettuale ed operativa. Rassegna Penitenziaria e criminologica, n.1: 7-105.
  6. Buffa P. (2012b). Il suicidio in carcere: diffondere la riflessione per migliorare la prevenzione – definire il suicidio. Quaderni ISSP, 8: 10-16.
  7. Calaprice S. (2010). Si può rieducare in carcere? Una ricerca sulla pedagogia penitenziaria. Bari: Laterza.
  8. Ceraudo F. (2015). Il carcere: una città murata. Testo disponibile al sito http://www.ristretti.it/areestudio/salute/inchieste/ceraudo.htm (03/12/2016)
  9. Chiolo P. (2011). Il suicidio negli Istituti penitenziari: ruolo della Polizia Penitenziaria nella prevenzione del fenomeno e profili operativi dell’area sicurezza nella gestione dell’evento. Quaderni ISSP, n.8: 33-44
  10. CNB (2010). Il suicidio in carcere. Orientamenti bioetici. Testo disponibile al sito http://presidenza.governo.it/bioetica/pareri_abstract/suicidiocarcere_25062010.pdf (13/01/2017)
  11. D’Aniello A. (2011). L’autolesionismo penitenziario. Il fenomeno suicidario: analisi criminologica ed interventi gestionali. Quaderni ISSP, 8: 45-54.
  12. Durkheim E. (1897). Le Suicide, Etude de sociologie (trad.it.: Il Suicidio. Studio di Sociologia. Milano: Edizioni Bur, 2007).
  13. Foucault M. (1993). Sorvegliare e punire. Torino: Einaudi.
  14. Frabboni F., Minerva F.P. (2013). Manuale di pedagogia e didattica. Bari: Laterza.
  15. Giampieri E., Clerici M. (2013). Il suicidio oggi. Milano: Springer.
  16. Goffman E. (1968). Asylums. Essays on the Social Situation of Mental Patients and Other Inmates (trad. it.: Le istituzioni totali: i meccanismi dell’esclusione e della violenza. Torino: Einaudi).
  17. Hester S., Eglin P. (1999). A Sociology of Crime (trad. it.: Sociologia del crimine. Lecce: Manni).
  18. Jenkins R. et al. (2005). Psychiatric and social aspects of suicidal behaviour in prisons. Psychological Medicine, 35(2): 257-269.
  19. Merton R.K. (1949). Social theory and social structure. New York: Free Press.
  20. Pompili M. et al. (2007). Suicidio nelle carceri: i fattori di rischio e modalità dell’atto suicidario. Psichiatria e psicoterapia, 3: 207-225.
  21. Santelli Beccegato L. (2009). Educare non è una cosa semplice. Brescia: La Scuola.
  22. Sartarelli G. (2008). Pedagogia penitenziaria e della devianza. Roma: Carocci.
  23. Sarzotti C. (2007). I medici penitenziari tra istanze securitarie e paradigma del rischio: un’indagine sul campo. In: Esposito M., a cura di, Malati in carcere. Analisi dello stato di salute delle persone detenute. Milano: FrancoAngeli.
  24. Torrente G. (2015). Il suicidio nelle istituzioni totali. Una prospettiva di ricerca/azione nelle carceri. Torino: Giappichelli.
  25. Ubaldi S. (1997). Il suicidio in carcere. Testo disponibile al sito http://www.altrodiritto.unifi.it/ricerche/asylum/ubaldi/cap2.htm (13/09/2016)
  26. Vichi M., Conti S. (2014). Il fenomeno suicidario in Italia. Testo disponibile al sito http://www.epicentro.iss.it/temi/mentale/SuicidiItalia2014.asp (15/01/ 2017)
  27. WHO (2007). La prevenzione del suicidio nelle carceri. Testo disponibile al sito http://www.who.int/mental_health/resources/resource_jails_prisons_italian.pdf (22/01/2017)
  28. Zagrebelsky G. (2015). Il tempo e lo spazio del ‘capro espiatorio’. Del paradosso della dignità in carcere. Diritto e società, n. 1 pp. 1-12.

Anna Civita, in "SALUTE E SOCIETÀ" 1/2018, pp. 88-104, DOI:10.3280/SES2018-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche