Carcere e clinica delle dipendenze. Quali le sfide da affrontare per mantenere terapeutico un sistema di cura?
Titolo Rivista: MISSION 
Autori/Curatori: Emanuele Bignamini, Sara Zazza, Loredana Ierardi, Enrico Teta 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 49 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  0 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/mis49-2018oa5334
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La comunità a custodia attenuata “Arcobaleno” della Casa Circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino ospita circa 80 pazienti con diagnosi di disturbi da uso di sostanze valutati in grado di sostenere il programma terapeutico comunitario. Se la persona reclusa è, per l’Amministrazione Penitenziaria, un detenuto, ovvero un soggetto reo di colpe da scontare e che va controllato e rieducato, per il Servizio Sanitario è una persona che richiede un trattamento articolato, sanitario e psicosocioeducativo. Questa differenza di sguardo porta a mettere in atto stili “trattamentali” o “terapeutici” diversi e reciprocamente influenzantesi  con rischi consistenti e poco controllabili (certamente non controllabili in tempo reale e senza costi) che integrano, oltre alle positività,  anche le diverse problematiche, sempre presenti in ognuno degli approcci. I pazienti gravi, a volte al limite della trattabilità, come quelli presenti nel contesto carcerario, investono massicciamente tutti coloro che si prendono cura di loro (operatori sanitari e agenti di custodia) di sentimenti di perdita, impotenza e invidia, costringendo gli operatori a un lavoro di elaborazione continua di queste emozioni. Come può il trattamento clinico coniugarsi con le condizioni dettate dal sistema penitenziario? A partire dall'analisi delle dinamiche relazionali e contestuali che si creano in una comunità detentiva, gli autori forniscono una prima risposta a tale quesito.


Keywords: attaccamento, aggressività, tempo, pedagogia della responsabilità, costi e benefici

Emanuele Bignamini, Sara Zazza, Loredana Ierardi, Enrico Teta, in "MISSION" 49/2018, pp. , DOI:10.3280/mis49-2018oa5334

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche