Clicca qui per scaricare

Dall’assenza della scrittura allo scrivere appunti. Il caso di Lisa
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Francesca Calioni Bembo 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 94-108 Dimensione file:  1737 KB
DOI:  10.3280/PSP2018-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel lavoro l’autrice si pone domande sull’uso della ritrascrizione dei propri appunti nella psicoterapia con una paziente, e cerca di rintracciarne il senso a partire dall’iniziale assenza di scrittura, sulla quale s’interroga come bisogno trasmessole da un’area del Sé della paziente tenuta segreta e in clandestinità. L’autrice individua nel percorso di psicoterapia i tempi di una sintonizzazione della coppia fra l’inizio del disegnare non più imitativo della paziente, e l’inizio dello stendere appunti delle sedute della terapeuta, esperienza che si traduce per entrambe nella ricerca di una modalità espressiva non imitativa di stesura grafica personale.


Keywords: Scrivere in psicoanalisi, prendere appunti delle sedute, sospensione della scrittura delle sedute, scrittura come esperienza di pensiero secondario.

  1. Algini M.L. (1999). Dal transfert alla scrittura. Tavola rotonda “La comunicazione dell’esperienza clinica”, Psicoterapia Psicoanalitica, VI: 62-67.
  2. Bellanova B. (1965). Rapporti tra terapia ed espressione pittorica dell’analisi di un omosessuale. Rivista di Psicoanalisi, 11, 3, 211-225.
  3. Capogrossi Guarna G. (1997). Dall’esperienza clinica alla scrittura. Alcune riflessioni. Psicoterapia Psicoanalitica, 2: 15.
  4. Chianese D., Fontana A. (2010). Immaginando. Milano: FrancoAngeli.
  5. Ferenczi S. (1913). Un sintomo “transitorio”: la posizione del paziente durante la seduta. In: Opere, vol. 2. Milano: Cortina, 1990.
  6. Ferruta A. (2005). Configurazioni iconiche e pensabilità. In: Ferruta A. (a cura di), Pensare per immagini. Roma: Borla, pp. 25-42.
  7. Gaddini E. (1959). Immagine corporea primaria e periodo fallico: considerazioni sulla genesi dei simboli di forma rotonda. In: Scritti. Milano: Cortina, 1989.
  8. Gaddini E. (1982). Il sé in psicoanalisi. In: Scritti (1953-1985). Milano: Cortina, 1989.
  9. Gori E.C. (2001). L’esperienza psicoanalitica. Scrivere i “fatti clinici”. Bologna: Pendragon.
  10. Grinberg L. (1979). Countertransferece and Projective Counteridentification. Contemporary Psychoanalysis, 15: 226-247., DOI: 10.1080/00107530.1979.1074557
  11. Mascagni M.L. (a cura di) (1994). Studi sul pensiero di Eugenio Gaddini. Chieti: Metis.
  12. Milner M. (1950). Disegno e creatività. Firenze: La Nuova Italia, 1957.
  13. Ogden T.H. (2016). Vite non vissute. Esperienze in psicoanalisi. Milano: Cortina.
  14. Riefolo G. (2005). Per via d’immagini. In: Ferruta A. (a cura di), Pensare per immagini. Roma: Borla, pp. 43-57.
  15. Roussillon R. (1997). Il setting psicoanalitico. Logica e archeologia. Roma: Borla.
  16. Russo L. (2008). Evento e Psiche. In: Cupelloni P. (a cura di), L’impronta del trauma. Sui limiti della simbolizzazione. Milano: FrancoAngeli.
  17. Winnicott D.W. (1971). Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974.

Francesca Calioni Bembo, in "PSICOTERAPIA PSICOANALITICA" 1/2018, pp. 94-108, DOI:10.3280/PSP2018-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche