Clicca qui per scaricare

I "partiti gassosi": aspetti storici, alleanze elettorali e dinamiche parlamentari dei partiti politici brasiliani (1985-2016)
Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO 
Autori/Curatori: Giuseppe Federico Benedini 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  31 P. 139-169 Dimensione file:  352 KB
DOI:  10.3280/MON2018-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


A partire dall’analisi delle dinamiche politiche al Congresso nazionale brasiliano nel periodo compreso tra la fine della dittatura militare e la destituzione della presidente Dilma Rousseff, l’autore perviene ad una definizione delle formazioni ivi rappresentate come "partiti gassosi", in cui sono le scelte tattiche degli eletti e non le istanze avanzate dalla società civile a determinarne le posizioni. Le ragioni primarie dell’emergere dei "partiti gassosi" vanno ricercate, oltre che nella loro propria storia, nella struttura istituzionale del Brasile, nella sua estrema eterogeneità sociale e nella sostanziale indifferenza della maggior parte dell’elettorato nei confronti delle questioni ideologiche. Il risultato complessivo è un Congresso nazionale segnato dalla presenza di grandi coalizioni che sostengono il presidente («presidenzialismo di coalizione», secondo la celebre definizione di Sérgio Abranches), sovente molto diverse da quelle che governano Stati e municipi, variamente composte da alleati della prima e dell’ultima ora, in cui il partito del presidente non è mai la componente maggioritaria e nelle quali il trasformismo parlamentare regna incontrastato.


Keywords: Partiti gassosi, storia dei partiti politici, storia del Brasile, ideologia politica, presidenzialismo di coalizione, trasformismo parlamentare

Giuseppe Federico Benedini, in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2018, pp. 139-169, DOI:10.3280/MON2018-001006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche