Utilizzo del protocollo MBRP in un contesto carcerario
Titolo Rivista: MISSION 
Autori/Curatori: Mateo Ameglio, Barbara Cincinelli, Sicilia D’Arista, Elisa Tanzini 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 50 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  0 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/mis50-2018oa6368
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’abbinamento della Mindfulness al tradizionale approccio della Prevenzione della Ricaduta, arricchisce significativamente le possibilità di intervento aftercare nei confronti delle dipendenze. L’utilizzo presso la Casa di Reclusione di San Gimignano del Protocollo di Prevenzione della Ricaduta basato sulla Mindfulness (Mindfulness Based Relapse Prevention - MBRP) codificato da Alan Marlatt e collaboratori, ha confermato pienamente tale asserzione. Pur nelle difficoltà insite nel contesto carcerario, che hanno peraltro richiesto un adattamento del protocollo, esso presenta anche degli aspetti favorevoli per tale tipo di intervento e costituisce altresì un importante contributo allo sviluppo delle capacità di autroregolazione emotiva e comportamentale per chi si ritrova a vivere in tale dimensione.


Keywords: ricaduta, sostanze, mindfulness, consapevolezza, carcere



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Mateo Ameglio, Barbara Cincinelli, Sicilia D’Arista, Elisa Tanzini, in "MISSION" 50/2018, pp. , DOI:10.3280/mis50-2018oa6368

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche