Clicca qui per scaricare

Dissociazione e Attaccamento: costruire ponti associativi tramite l’ipnoterapia
Titolo Rivista: IPNOSI 
Autori/Curatori: Alessandra Grillo 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 5-20 Dimensione file:  207 KB
DOI:  10.3280/IPN2018-002001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Se durante il corso dell’infanzia interviene un trauma, ecco che le capacità integrative del bambino sono messe a repentaglio e avviene quel che chiamiamo fenomeno dissociativo. Se la noxa patogena traumatica si presenta al bambino ripetutamente, si porranno le basi per un possibile attaccamento disturbato, per lo più disorganizzato. Il fenomeno dissociativo reiterato potrà, in accordo con l’eventuale presenza di altri fattori di rischio concomitanti, strutturarsi nella vita adulta del soggetto come disturbo dissociativo vero e proprio. L’ipnosi, grazie all’utilizzo della Metafora Integrativa, rende possibili vari tipi e livelli di "integrazione" qui elencati e spiegati dall’autore. Segue la descrizione di due casi clinici, come esempio di utilizzo terapeutico della tecnica metaforica integrativa in caso di dissociazione e di disturbo dell’attaccamento.


Keywords: Attaccamento, dissociazione, ipnosi, metafore integrative, integrazione.

  1. Benjamin J. (1994). What angel would hear me? The erotics of transference. Psychoanalytic Inquiry, 14: 535-557., 10.1080/07351699409534005DOI: 10.1080/07351699409534005
  2. Bowlby J. (1969). Attaccamento e perdita. Vol. 1 L’attaccamento alla madre. Torino: Boringhieri.
  3. Bowlby J. (1973). Attaccamento e perdita. Vol. 2 La separazione alla madre. Torino: Boringhieri.
  4. Bowlby J. (1980). Attaccamento e perdita. Vol. 3 La perdita della madre. Torino: Boringhieri.
  5. Bowlby J. (1988). Una base sicura. Milano: Raffaello Cortina.
  6. Fisher J. (2017). Healing the fragmented selves of trauma survivors. Overcoming Internal Self-Alienation. UK: Routledge.
  7. Liotti G. (2011). Attachment disorganization and the controlling strategies. An illustration of the contributions of attachment theory to developmental psychopathology and to psychotherapy integration. Psychotherapy Integration, 21(3): 232-252.
  8. Loriedo C. (2016). Workshop Ipnosi nel trattamento delle esperienze traumatiche e dei disturbi dissociativi. Università La Sapienza, Roma.
  9. Lyons-Ruth K., Dutra L., Schuder M.R., Bianchi I. (2006). From infant attachment disorganization to adult dissociation: Relational adaptations or traumatic experiences? Psychiatric Clinics of North America, 29(1): 63-86.
  10. Main M. (1995). Attachment: Overview with implications for clinical work. In: Golberg S., Muir R., Kerr J., a cura di, Attachment Theory Social, Developmental and Clinical Perspectives. Hillsdale: Analytic Press.
  11. Main M., Kaplan N., Cassidy J. (1985). La sicurezza nella prima infanzia, nella seconda infanzia e nell’età adulta: il livello rappresentazionale. In: Riva Crugnola C., a cura di, Lo sviluppo affettivo del bambino. Milano: Raffaello Cortina.
  12. Ogden P., Minton K., Pain C. (2006). Il trauma e il corpo. Manuale di psicoterapia senso-motoria. Sassari: Istituto di Scienze Cognitive.
  13. Perry B.D. (1995). Evolution of symptoms following traumatic events in children. (Abstract). Proceedings of the 148th Annual Meeting of the American Psychiatric Association. Miami, FL.
  14. Shore A.N. (2001a). The effects of early relational trauma on right brain development, affect regulation, and infant mental health. Infant Mental Health Journal, 22: 201-269.
  15. Shore A.N. (2001b). Minds in the making: Attachment, the self-organizing brain, and developmentally-oriented psychoanalytic psychotherapy. British Journal of Psychotherapy, 17(3): 299-328.
  16. Shore A.N. (2003). I disturbi del sé. La disregolazione degli affetti. Roma: Astrolabio.
  17. Siegel D.J. (1999). La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Taine H. (1878). De l’intelligence. Parigi: Librairie Hachette and Cie.
  19. Tronik E. (2007). The Neurobehavioral and Social-Emotional Development of Infant and Children. New York: Norton.
  20. Van Der Hart O., Steele K. (2006). Fantasmi nel sé. Trauma e trattamento della dissociazione strutturale. Milano: Raffaello Cortina.
  21. Whitaker C.A. (1990). Considerazioni notturne di un terapeuta della famiglia. Roma: Astrolabio.

Alessandra Grillo, in "IPNOSI" 2/2018, pp. 5-20, DOI:10.3280/IPN2018-002001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche