A 80 anni dall’introduzione delle leggi razziali: l’infamia del diritto. 1938: cacciati dalla scuola. Le leggi razziali e l’infanzia ebraica in Italia
Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA 
Autori/Curatori: Bruno Maida 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 5-13 Dimensione file:  84 KB
DOI:  10.3280/MG2018-003001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo riassume i principali provvedimenti razzisti realizzati nel 1938 dal regime fascista relativamente all’espulsione degli studenti ebrei dalle scuole. Dai bambini non furono percepite come leggi ma come concreti atti che progressivamente segnarono la loro espulsione, esclusione e separazione all’interno della societa italiana. Fu un processo lento e progressivo che per l’infanzia fu la prima grande ferita identitaria che ne avrebbe accompagnato la formazione. Lo sviluppo delle scuole ebraiche, consentito dal regime, costitui l’unico spazio identitario e formativo permesso a una parte dei bambini italiani ebrei.


Keywords: Leggi razziali, infanzia ebraica, persecuzione, fascismo.

Bruno Maida, in "MINORIGIUSTIZIA" 3/2018, pp. 5-13, DOI:10.3280/MG2018-003001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche