Clicca qui per scaricare

I tutori volontari: il senso di un ruolo
Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA 
Autori/Curatori:  Francesco Micela 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 136-147 Dimensione file:  97 KB
DOI:  10.3280/MG2018-003015
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il ruolo del tutore volontario, secondo il sistema introdotto dalla legge n. 47 del 2017, non va considerato come un sostegno meramente accessorio, ma invece come la forma attraverso cui l’ordinamento garantisce al minore la rappresentanza, imposta dalle norme interne e sovranazionali, il cui misconoscimento comporterebbe l’impossibilità per i minori stranieri non accompagnati di esercitare i loro diritti e quindi la violazione di un diritto fondamentale degli stessi. Da qui l’opportunità che nel caso in cui il giudice minorile riscontri la mancanza di tutori volontari disponibili per l’incarico, lo stesso eviti di ricorrere alla nomina di un tutore istituzionale e ponga invece le autorità amministrative, centrali e periferiche, di fronte alle responsabilità connesse alle conseguenze delle scelte amministrative, e affermi l’obbligo del sistema di accoglienza di fare il possibile affinché al minore sia garantito il diritto di avere un rappresentante effettivo.


Keywords: Tutela, minori stranieri non accompagnati, tutore volontario.

Francesco Micela, in "MINORIGIUSTIZIA" 3/2018, pp. 136-147, DOI:10.3280/MG2018-003015

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche