Clicca qui per scaricare

Se Mombelli è "cornuto": il ruolo della letteratura nel quadro del declassamento sociale degli insegnanti
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Barbara Distefano 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 153 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 149-164 Dimensione file:  288 KB
DOI:  10.3280/SL2019-153009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Gli insegnanti di scuola sembrano fronteggiare su scala mondiale un declassamen-to del loro status, che deriva contemporaneamente da un peggioramento delle loro condizioni lavorative e dalla riduzione del loro prestigio nella percezione sociale. Questi processi si manifestano con una particolare violenza in Italia, dove si regi-stra un revival del racconto di scuola che assume i caratteri di una vera e propria resistenza della categoria. Diari, cronache e pamphlet sono i generi più comune-mente praticati da insegnanti che, spesso e volentieri, esordiscono come scrittori e pubblicano, appunto, narrazioni a tema scolastico. Il risultato è l'immissione sul mercato di un grosso numero di testi che raccontano in forme variegate le fatiche e le umiliazioni di un lavoro sottoposto alla denigrazione del mondo circostante. So-prattutto se se ne considerano le dimensioni, si tratta di un fenomeno di per sé so-ciologicamente rilevante. Ma possono questi nuovi racconti di scuola diventare uno strumento di analisi per il sociologo? E può la tradizione italiana del racconto di scuola aver contribuito a generare o rafforzare gli stereotipi sugli insegnanti? Partendo da una premessa teorica sui confini testo-realtà, il saggio prova a rispondere a queste domande selezionando innanzitutto opere di autori contemporanei, e risalendo, in seconda battuta, ai classici del genere, e in particolare al Maestro di Vigevano Lucio Mastronardi.


Keywords: Racconto di scuola, sociologia, letteratura, lavoro, docenti, insegna-re, status

  1. Accardo G. (2015). Un’altra scuola. Diario verosimile di un anno scolastico. Roma: Ediesse.
  2. Affinati E. (2015). Ecco, un insegnante!. In: Accardo G., Un’altra scuola. Diario verosimile di un anno scolastico. Roma: Ediesse.
  3. Argentina C. (2013). Per sempre carnivori. E-book. Roma: Minimum Fax.
  4. Bajani A. (2014). La scuola non serve a niente. Bari: Laterza.
  5. Balzano M. (2013). Pronti a tutte le partenze. Palermo: Sellerio.
  6. Bauman Z. e Mazzeo R. (2016). In Praise of Literature. Cambridge: Polity (trad. it.: Elogio della letteratura. Torino: Einaudi, 2017).
  7. Bertoni C. (2009). Letteratura e giornalismo. Roma: Carocci.
  8. Bini G. (1981). Romanzi e realtà di maestri e maestre. In: Storia d’Italia. Annali IV. Intellettuali e potere. Torino: Einaudi.
  9. Bruner J.S. (2002). Making Stories. Law, Literature, Life. New York: Farrar, Straus and Giroux.
  10. Collodi C. (1995). Occhi e nasi. In: Collodi C., Opere. Milano: Mondadori.
  11. Coser L.A., a cura di (1963). Sociology through Literature. An Introductory Reader. Englewood Cliffs: Prentice-Hall.
  12. Dai Pra’ S. (2011). Quelli che però è lo stesso. Roma-Bari: Laterza.
  13. De Amicis E. (2007). Il romanzo d’un maestro. Genova: De Ferrari.
  14. De Federicis L. (2002). Il romanzo della scuola. Belfagor, 57, 2: 223-233.
  15. Distefano B. (2018). Sporcarsi di gesso. Il lavoro degli insegnanti nel racconto di scuola, da Edmondo De Amicis a Mario Fillioley. L’ospite ingrato, 5: 147-165.
  16. Donnarumma R. (2014). Ipermodernità. Dove va la narrativa contemporanea. Bologna: il Mulino.
  17. Fillioley M. (2016). Lotta di classe. Diario di un anno da insegnante in prova. Roma: Minimum Fax.
  18. Giunta C. (2017). E se non fosse la buona battaglia? Sul futuro dell’istruzione umanistica. Bologna: il Mulino.
  19. Gremigni E. (2012). Insegnanti ieri e oggi. I docenti italiani tra precariato, alienazione e perdita di prestigio. Milano: FrancoAngeli.
  20. Iacoli G. (2012a). Dal romanzo del lavoro al romanzo della scuola: narrazioni, cronache e diari del maestro. In: Morano R., a cura di, Narratori italiani del Novecento dal Postnaturalismo al Postmodernismo e oltre. I. Soveria Mannelli: Rubbettino.
  21. Iacoli G. (2012b). Scrivere ai tempi della Gelmini. Studi culturali, IX, 1: 95-114., 10.1405/37133DOI: 10.1405/37133
  22. Jameson F. (1981). The Political Unconscious. Narrative as a Socially Symbolic Act. London: Methuen (trad. it: L’inconscio politico. Il testo narrativo come atto socialmente simbolico. Milano: Garzanti, 1990).
  23. Lazzarin S. e Morini A., sous la direction de (2017). Maîtres, précepteurs et pédagogues. Figures de l’enseignant dans la littérature italienne. Bern: Peter Lang.
  24. Luperini R. (2007). L’incontro e il caso. Narrazioni moderne e destino dell’uomo occidentale. Roma-Bari: Laterza.
  25. Luperini R. (2008). Immaginario e critica tematica: un dibattito. Allegoria, 58: 7-8.
  26. Luperini R. (2013). Insegnare la letteratura oggi. Quinta edizione ampliata. Lecce: Manni.
  27. Marchetta G. (2011). L’iguana non vuole. E-book. Milano: Rizzoli.
  28. Mastrocola P. (2000). La gallina volante. Parma: Guanda.
  29. Mastrocola P. (2004). La scuola raccontata al mio cane. Parma: Guanda.
  30. Mastronardi L. (1963). Il trasferimento. L’Unità, 8 dicembre.
  31. Mastronardi L. (1994). Il maestro di Vigevano. Torino: Einaudi.
  32. Milner J.-C. (1984). De l’école. Paris: Éditions du Seuil.
  33. Pavel T.G. (1986). Fictional Worlds. Cambridge (MA.)-London: Harvard University Press (trad. it.: Mondi di invenzione: realtà e immaginario narrativo. Torino: Einaudi, 1992).
  34. Rad P. e Salam E. (2018). How I Survive: American Teachers and Their Second Jobs. A Photo Essay. The Guardian, 5 settembre, -- testo successivamente disponibile al sito: www.theguardian.com/us-news/2018/sep/05/american-teachers-second-jobs-how-i-survive, consultato il 24/02/2019.
  35. Ricœur P. (1983). Temps et récit. I. L’intrigue et le récit historique. Paris: Éditions du Seuil (trad. it.: Tempo e racconto. I. Milano: Jaca Book, 1986).
  36. Ricœur P. (1984). Temps et récit. II. La configuration dans le récit de fiction. Paris: Éditions du Seuil (trad. it.: Tempo e racconto. II. La configurazione nel racconto di finzione. Milano: Jaca Book, 1987).
  37. Ricœur P. (1985). Temps et récit. III. Le temps raconté. Paris: Éditions du Seuil (trad. it.: Tempo e racconto. III. Il tempo raccontato. Milano: Jaca Book, 1988).
  38. Ricuperati G. (2015). Storia della scuola in Italia. Dall’Unità a oggi. Brescia: Editrice La Scuola.
  39. Ruozzi C. (2014). Raccontare la scuola. Testi, autori e forme del secondo Novecento. Torino: Loescher.
  40. Sandrucci R. (2012). La scuola sotto il genere della commedia. Rappresentazioni della scuola pubblica italiana: studio su sette casi. Pisa: ETS.
  41. Sani R. (2007). Accanto ai maestri. Edmondo De Amicis, l’istruzione primaria e la questione magistrale. In: De Amicis E., Il romanzo d’un maestro. Genova: De Ferrari.
  42. Santoni Rugiu A. (1981). Il professore nella scuola italiana. Dal 1700 alle soglie del 2000. Firenze: La Nuova Italia.
  43. Santoni Rugiu A. e Santamaita S. (2011). Il professore nella scuola italiana dall’Ottocento a oggi. Roma-Bari: Laterza.
  44. Schaeffer J.-M. (1999). Pourquoi la fiction?. Paris: Éditions du Seuil.
  45. Scuola di Barbiana (1967). Lettera a una professoressa. Firenze: Libreria Editrice Fiorentina.
  46. Spicola M. (2010). La scuola s’è rotta. Lettere di una professoressa. Torino: Einaudi.
  47. Starnone D. (1989). Ex cattedra. Milano: Feltrinelli.
  48. Starnone D. (2006). Ex cattedra e altre storie di scuola. Milano: Feltrinelli.
  49. Turnaturi G. (2008). Immaginazione sociologica e immaginazione letteraria. E-book. Roma-Bari: Laterza.
  50. UNESCO – Special Intergovernmental Conference on the Status of Teachers (1966). Recommendation concerning the Status of Teachers, 5 ottobre, -- testo successivamente disponibile al sito: http://portal.unesco.org/en/ev.php-URL_ID=13084&URL_DO=DO_TOPIC&URL_SECTION=201.html, consultato il 24/02/2019.
  51. Varotti C. (2003). Scuola. In: Anselmi G.M. e Ruozzi G., a cura di, Luoghi della letteratura italiana. Milano: Bruno Mondadori.
  52. Zinato E. (2015). Il lavoro non è (solo) un tema letterario: la letteratura come antropologia economica. In: Zinato E., Letteratura come storiografia? Mappe e figure della mutazione italiana. Macerata: Quodlibet.

Barbara Distefano, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 153/2019, pp. 149-164, DOI:10.3280/SL2019-153009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche