Singolarità della coppia

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Paola Cecchetti, Carmen Tagliaferri
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 22 P. 22-43 Dimensione file: 226 KB
DOI: 10.3280/GRU2018-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Due psicoanaliste psicodrammatiste presentano, con stili narrativi diversi, due "casi" di terapia di coppia diversi, tenuti assieme da un filo che li cuce, li scuce e li ricuce al tempo stesso. Il cuore di ciascuna esperienza è nella relazione rifiutante del bambino (adottato nel primo caso, biologico nel secondo) nei confronti della madre, ma, come naturale, lo scenario si allarga via via a cerchi concentrici, met-tendo in questione la relazione padre-bambino, quella tra madre e padre, i legami trans-generazionali, la natura stessa, nell’analisi delle singole coppie, della Coppia. È questione, secondo l’insegnamento di Lacan, del Soggetto e del Sintomo, mo-strano le due autrici, in un dialogo implicito ed esplicito al tempo stesso. Le espe-rienze si intrecciano, d’altronde, per l’utilizzazione che entrambe fanno dello psi-codramma analitico, non terapia di coppia, ma del soggetto all’interno della cop-pia. È dopo aver percorso un cammino di terapia individuale, infatti, che le due coppie si sono trovate immerse nella diffrazione dello spazio familiare che lo psi-codramma opera.

  1. Assoun P.L. (2004). Corps et Symptôme. Paris: Anthropos.
  2. Assoun P-L. (2018). L’énigme conjugale. Psychanalyse du marriage. Paris: Presses Universitaires de France/Humensis.
  3. Chatel M.M. (1993). Il disagio della procreazione. Milano: Il Saggiatore, 1995.
  4. de Mijolla A. (2004). Preistorie di famiglia. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 2012.
  5. Deutsch, H. (1944). Psicologia della donna. Vol. II. Torino: Boringhieri, 2003.
  6. Drazien M., a cura di (2007). Coppie. Una storia psicanalitica: il nodo di Lacan. Roma: Carocci.
  7. Freud S. (1909). Il romanzo familiare dei nevrotici. OSF, 5, Torino: Bollati Boringhieri.
  8. Freud S. (1914). Ricordare, ripetere e rielaborare. OSF, 7, Torino: Bollati Boringhieri.
  9. Freud S. (1915). Lutto e melanconia. OSF, 8, Torino: Bollati Boringhieri.
  10. Freud S. (1922). L’Io e l’Es. OSF, 9, Torino: Bollati Boringhieri.
  11. Green A. (1997). Le catene di Eros. Roma: Borla, 1997.
  12. Kaës R. (2007). Un singolare plurale. Roma: Borla.
  13. Lacan J. (1966-67). La logique du fantasme. In: Drazien M., a cura di, Coppie. Una storia psicanalitica: il nodo di Lacan. Roma: Carocci, 2007.
  14. Lacan J. (2001). Altri scritti. Torino: Einaudi, 2013.
  15. Lacan J. (2005). Il mio insegnamento. A cura di Di Ciaccia A.. Roma: Astrolabio 2014.
  16. Mancia M. (2004). Sentire le parole. Torino: Bollati Boringhieri.
  17. Smadja E., Braem C., Garcia V. e Solis-Ponton L. (2013). Coppie in Psicoanalisi. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 2018.
  18. Tolstoj L. (1877). Anna Karenina. Torino: Einaudi, 2016.

Paola Cecchetti, Carmen Tagliaferri, Singolarità della coppia in "GRUPPI" 2/2018, pp 22-43, DOI: 10.3280/GRU2018-002004